Magazine Talenti

Una piccola profanazione luminosa

Da Andreapomella

Una piccola profanazione luminosaQualche sera fa c’era vento lungo il fiume. Era lo stesso vento che aveva sgombrato le nuvole del pomeriggio. All’ora di cena ho fatto una lunga passeggiata, sono arrivato nel cuore della movida, ho osservato ragazzini di sedici anni intenti in prove di corteggiamento, li ho guardati nelle loro spavalderie, poi ho camminato ancora un po’ tra il traffico delle macchine e le coppie a passeggio sui ponti di Roma. C’era una festa lungo il fiume, ce ne sono in continuazione. Ma io ero venuto apposta per quella festa. Ho impiegato mezz’ora del mio tempo per decidere se fermarmi per cena o se prendere un panino da qualche parte. Poi si è liberato un posto al grande tavolo all’aperto in cui servivano orecchiette e frittelle al sugo, mi sono seduto sulla panca insieme a degli sconosciuti, mentre il vento scuoteva gli alberi, spostava le posate di plastica, spazzava i tovaglioli di carta oltre i muraglioni del Tevere. C’era un comico della Tv che si aggirava tra i tavoli con l’aria molto rilassata, indossava un gessato blu e una camicia bianca perfettamente stirata. Però dal suo aspetto non scaturiva alcuna comicità, così come dal mio non scaturisce alcuna tragicità devo aver pensato. Al centro della zona riservata ai tavoli c’era una grande statua di bronzo, raffigurava un Cristo che mostra i palmi delle mani. Un passero beccava sulla fronte del Cristo davanti al fiume calmo e liscio. La sua piccola profanazione era la cosa più luminosa della sera.

*

Alfonsina Storni, da POESIE D’AMORE

Sette volte facemmo in mezz’ora lo stesso
 tragitto. Avanti e indietro di fianco
all’inferriata di un giardino, come
sonnambuli. Respiravamo l’umidità
notturna e odorosa che usciva dalle pietre
e, come pallide morti dell’oltretomba, in
mezzo ai tronchi neri degli alberi,
vedevamo, a tratti, la carne bianca delle
statue.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una vita nuova, una vita vera di PD

    vita nuova, vera

    Sono felice solo quando mi guardi mi sento viva solo quando penso che tu vivi per te potrei fare qualunque cosa potesse servire a renderci felici con te andrei... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    CULTURA, POESIE, TALENTI
  • Dare una mano

    Dare mano

    Ebbene si....Sono uno di quelli.Sono uno di quelli che a deciso di dare unamano a una persona che,a mio insindacabile giudizio lo merita. Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Una finta felicita’

    finta felicita’

    1 marzo 1779 Caro mio, Non venite più a corte né inviate lunghe missive come un tempo. La vostra lontananza mi addolora e se devo essere sincera mi ferisce a ta... Leggere il seguito

    Da  Samilla
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI, ROMANZI, TALENTI
  • Una passeggiata ridanciana...

    passeggiata ridanciana...

    E fischiettante, prima di un mezzo collasso di Leda (andata in iper-ventilazione da fischi erbacei) che in realtà è stato solo una scusa per...scappare con il... Leggere il seguito

    Da  Milemary
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Vorrei vivere in una conchiglia...

    E' dunque andata in scena la "famigerata" recita di fine anno scolastico alla scuola materna dell'ometto grande. Forte era la tensione in famiglia, considerato... Leggere il seguito

    Da  Bartleboom
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Una manciata di gioia

    Mentre tornavamo da una cena fuori per festeggiare il compleanno dell'ometto grande, c'era quello che Pil'njak avrebbe chiamato un crepuscolo giallo, con il... Leggere il seguito

    Da  Bartleboom
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Una notte, dormendo...

    notte, dormendo...

    Dopo la giornata allucinante di ieri, bloccato in autostrada per ore a 40 gradi per un maledetto incidente, torno a casa sfinito alle nove di sera e crollo,... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Magazine