Magazine Cultura

Una precisazione su Spirit

Creato il 08 maggio 2015 da Paradisiartificiali
Bah i commenti sotto il precedente post su Spirit del responsabile editoriale di Lineachiara, mi hanno messo talmente di malumore che non avete idea, non tanto per i contenuti, dopo tutto è normale che in una discussione A abbia una tesi e B, ne abbia una diametralmente opposta, sono infastidito piuttosto perchè quei commenti tentano di  farmi passare per un hater ignorante con chissà quale fine oscuro. Ho bisogno di esorcizzare l' incazzatura chiudendo il cerchio; d'altronde inalberarsi così tanto solo perchè ho fatto notare ai lettori che, un conto è quello che si dice di questo Spirit Lienachiara, un conto è quello che effettivamente è, beh è un segnale di pochezza tipica da web.
'Sto web maledetto - oh per amor di dio -  uno strumento fantastico, uno può svegliarsi una mattina e minacciare di morte Slott, per aver creato Superior Spiderman, oppure con la stessa facilità può contattare Whedon e dargli del maschilista, perchè nella caratterizzazione della Vedova Nera pecca di misoginia, dipingendola come una femme fatale e nulla più, in pratica l'unica cosa del film fedele ai fumetti. 
Eppure sto web maledetto, quanti re che mi sta sbattendo davanti agli occhi,nudi, esponendomene i mille difetti. 
Ecce bombo. 
Proprio.
Evidentemente il termine "paraculo" non è andato giù al sig. Lineachiara, che poi con tutta calma si è preso i suoi spazi ed ha dato una lezione sull'editoria nello spazio riservato ai commenti.
Se avesse parlato così tanto e così chiaramente prima, nei vari pomposi annunci precedenti, forse, il pezzo su Spirit avrebbe avuto altri toni. 
Magari poteva dire da subito che "L'edizione lineachiara continuerà la ristampa delle tavole di Spirit da dove interruppe Kappa Edizioni, con la differenza che  nostri volumi saranno più piccoli ed in bianco e nero" Invece che dire "Lineachiara continuerà il lavoro cominciato dalla Kappa Edizioni nel rispetto dei tanti lettori che hanno investito soldi sui vecchi volumi degli Archivi."
Perchè poi io ne ho sentito un paio di questi lettori, mica si sentono tanto rispettati.
Sarebbe stato un tantino più chiaro come concetto, meno sibillino, ecco pure sibillino non è piaciuto molto al signor Lineachiara. 
E  per quel che riguarda i nuovi clienti? Beh avrebbe potuto dire in giro per la rete: " La ristampa di Spirit Lineachiara comincerà non dai primissimi lavori di Eisner datati 1940,  - come sarebbe logico, magari un nuovo cliente , dà la cosa per scontato, che si cominci con l'inizio e si termini con la fine - bensì dal materiale lasciato inedito da Kappa Ed., ossia il 1948, otto anni dopo, il materiale precedente, sarà poi ristampato tutto in un ordine cronologico tutto nostro, ai nostri tempi."  
Invece si è lmitato a dire "Torna una dei fumetti più importanti della nona arte in una nuova edizione economica!"
Quando mi ritrovo coinvolto in queste spiacevoli situazioni mi ricordo sempre una scena di uno dei miei film preferiti:
Seduto sugli spalti a bordo vasca in accappatoio e cuffia, Michele Apicella inveisce contro una giornalista che non sa parlare, al punto che la schiaffeggia, per poi urlarle in faccia che le parole sono importanti. 
Ecco sig. Lineachiara, le parole sono importanti. Chi parla male, pensa male e vive male, e poi sbrocca in rete, su un blog che seguono quattro gatti con la passione per la critica sterile.
Buona vita, baci ai pupi.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines