Magazine Cultura

Una pubblicità da cospiratore

Creato il 09 febbraio 2012 da Lucas
Ho comprato un libro su Amazon.Ho comprato un libro su Amazon di un'amica che ho su facebook.Questa amica, Daniela Ranieri, che non è un'amica, ma una - come si può dire? - conoscente, simpatizzante reciprocamente, motteggiante? Sì, motteggiante, nel senso che (nel senso che? quando uno comincia a dire «nel senso che» di solito non ha molto da dire) ogni tanto leggo un suo status che m'ispira un commento - e magari a lei piace, e lei clicca su "mi piace" e io vedo che le è piaciuto, così uno capisce che ha delle affinità di spirito, affinità elettive, magari anche perché, da quel pochissimo che posso conoscere di lei, ella mi sembra una donna molto in gamba, e allora?Allora ho comprato un suo libro. Il suo primo romanzo.Ho scoperto che ha scritto un libro perché sono suo follower anche su Twitter e su Friendfeed (non ci vado mai su questi ultimi due socialnetwork, solo una volta ogni spuntar di luna e quando spuntò l'ultima volta vidi che lei aveva messo la copertina del suo libro e lì per lì pensavo fosse uno scherzo).Ma insomma, ho visto il libro e soprattutto il titolo. Ho comprato il libro perché, oltre ad averlo scritto una persona che mi sembra di conoscere (anche se la conosco, e poco, solo “virtualmente”) - ho comprato il libro, dicevo, perché ha un bellissimo titolo, un titolo che subito mi ha attratto: Tutto cospira a tacere di noi.E siccome io, quando sento, vedo, leggo di prime persone personali, singolari o plurali, subito mi identifico (sono un pessimo lettore), allora ho detto, massì, lo compro. E l'ho comprato appena uscito, il 26 gennaio scorso.Soltanto è arrivato dopo più di dieci giorni (cosa insolita per Amazon: mi hanno scritto: “causa neve”) Ho letto le prime pagine. Sono un po' "faticose" ma in senso buono (credo), ovvero meritano una rilettura; cioè, non consentono di entrare subito nell'autostrada narrativa, ma sono come quelle vie traverse che uno percorre un po' a caso prima di trovare la tangenziale che ti porta, appunto, al casello del plot.Ah, io non scrivo recensioni, affatto. Non sono capace e non mi piace. Impressioni sì, se il libro me ne darà.Intanto colgo questo brano, così per chiudere questo post senza capo né coda.
«Io non mi ricordo niente della mia vita finora. E non perché favorisca un sentimento rivolto alle destinazioni piuttosto che alle origini, alle vocazioni invece che alle sorti, cioè non sono di quelli che preferiscono il futuro al passato, no. Nella moltitudine variopinta della merda di tutta un'esistenza umana, io scelgo di isolare alcuni blocchi, alcune striature, e porgerle agli occhi e al naso di chi sa intendere. A volte il tempo produce dei mutamenti, ma io non sono come voi, che vi accorgete degli effetti solo dopo che si sono verificati. Io sono in grado di misurare il cambiamento mentre si produce, lo sento liberare la sua puzza organica intanto che si evolve nel brodo del presente. Per me il divenire non possiede nessun candore, è solo uno stucchevole avanzare della degenerazione di tutte le cose»
Daniela Ranieri, Tutto cospira a tacere di noi, Ponte alle Grazie, Milano 2012Una pubblicità da cospiratore

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una mongolfiera su Firenze

    «La prima considerazione che deve essere fatta e dalla quale non si può assolutamente prescindere, qualunque sia la valutazione dell'attuale crisi, è che... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Una libera schiavitù

    libera schiavitù

    [*]Da qualche parte, George Bernard Shaw ha scritto:«Il tempo libero è la sfera della libertà individuale, il lavoro è la sfera della schiavitù».L'Italia è una... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Emma è una squinzia

    E così, tra un mesetto, Giorgio Squinzi (patron della Mapei) s'insedierà al posto di Emma Marcegaglia come presidente di confindustria. Ha battuto “sul filo di... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Voglio una vita centrifugata

    Voglio vita centrifugata

    Vasco Rossi non c’è più, questo è chiaro. E’ un ricordo, una canzone a finestrini aperti mentre la macchina corre, un’estate lontana col vento tra i capelli. Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • C'era solo una stonatura

    C'era solo stonatura

    "In questo mondo in cui ogni oggetto, al minimo accenno di guasto o invecchiamento, alla prima ammaccatura o macchiolina, veniva immediatamente buttato via e... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Editoriale: una nuova leggenda

    Siamo arrivati all'ultimo mese dell'anno e devo dire, che per tutto il 2011, sembra che il post più seguito sia stato "Leggende di criceti", ovvero una strana... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Una scritta bianca

    scritta bianca

    Quando Equitalia mi verrà in classe a prendermi la lavagna, io sarò gentilissimo con loro; anzi, gli darò anche i gessi, casomai mi venisse la tentazione di... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazines