Magazine Talenti

Una scatola di latta

Da Parolesemplici

1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, destra.
1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, sinistra.
"Cosa fai mamma?"
"Metto in ordine"
"Posso entrare?"
"No, ci sono troppe cose per terra. Perché non vai a leggere?"
"Ho appena finito"

"Cos'è questo rumore, mamma?"
"Oh, niente, una vecchia scatola di latta"
"La posso avere?"
"Ma è vecchia, tutta ammaccata. Non si chiude bene neanche il coperchio"
"Ti prego mamma, mi piace molto il suono che fa"
"Va bene, Allora ecco, prendila"

Una scatola di latta
1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10, a sinistra.
1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, destra.
Ecco la sedia, la sposto. Mi siedo.
Sopra al tavolino ho lasciato le monetine. Eccole.
Senti come tintinnano dentro alla scatola di latta. Che bel suono.

Quel pomeriggio, come tutti i mercoledì, suo nonno veniva a trovarla e la portava in giardino.
Le raccontava tante storie sulle piante e le faceva annusare i profumi dei fiori e delle erbe officinali. La sua preferita era l'erba Luigia, che aveva un intenso profumo di citronella.

"Cos'hai in quella vecchia scatola di latta, Stefi?"
"Delle monetine, nonno. Senti come suonano bene"
E scuoteva un poco la scatola, per fargli sentire il suono.
"Ma dove l'hai trovata quelle vecchia scatola?"
"L'ha trovata la mamma, e me l'ha regalata"
"E ci tieni dentro le monetine? Vieni con me, che ho un'idea migliore"

Il nonno accompagnò Stefi nella serra e le mise vicino un sacco di compost.
"Annusa l'odore della terra. Ti piace? Adesso riempiamo la tua scatola di latta con questa terra e poi..."
"Ma non suonerà più!" lo interruppe secca Stefi.
"No, ma farà altri suoni. Diversi. Vedrai che ti piacerà"

Insieme, nonno e nipote, interrarono diversi semi.
"Come sono piccoli"
"È vero, ma ne usciranno dei bellissimi fiori profumati. Ogni giorno dovrai annaffiarli con un po' di acqua. Al resto ci penseranno loro"

[...]

Come ogni mercoledì, il nonno era andato a trovare la sua nipotina. Era una calda giornata di maggio.

"Dov'è Stefi?" chiede a sua nuora.
"Nella serra"
"Da sola?"
"Sì, sono sbocciati i fiori. È là da stamattina"

Il nonno entrò in giardino e si diresse verso la serra.
"Ciao Stefania, come stai?"
"Bene, nonno. Sono sbocciati i fiori. Senti come sono profumati"
"Sono davvero profumati, e molto belli" disse il nonno avvicinandosi e annusndone uno.
"Sono come li descrivono nel libro che mi hai regalato?"
"Sì, proprio così"
"Secondo me sono ancora più belli di come li descrivono. E poi avevi ragione anche sul suono. I fiori sono silenziosi, ma prima è arrivata un'ape e faceva un gran rumore con le sue ali"
"Ti piacciono allora lì nella scatola di latta?"
"Sì, nonno"
"Vieni a far merenda? Non puoi rimanere tutto il giorno qui in serra."
"Va bene, nonno. Vengo. No! Non serve che mi accompagni! Adesso conosco la strada. Sono venti passi avanti, poi c'è un gradino, poi altri dieci passi, poi cinque passi a destra e poi ci sono le scale"
"Va bene - disse il nonno sorridendo - andiamo".


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Dare una mano

    Dare mano

    Mi e' capitato neanche troppo tempo fa di leggere i deliri di un povero troll che affermava di non andare a Cuba per conoscere italiani ma unicamente per... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, ITALIANI NEL MONDO, TALENTI
  • Una gita a…

    gita

    Gentili signori del DHL, vi ringrazio per la simpatica sortita notturna a Bologna, e colgo l’occasione per segnalarvi che l’alimentatore del mio pc non ha mai... Leggere il seguito

    Da  Julesdufresne
    TALENTI
  • Diario di una fine

    Diario fine

    Vivo in una casetta a due passi dal bosco. Me l’ha lasciata mio padre facendomi promettere che non l'avrei mai venduta a nessuno. Ho mantenuto la promessa. Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    TALENTI
  • Quando una pubblicità ti ricorda una poesia

    Non mi era mai successo quindi è stata quasi una folgorazione, ma questa pubblicità di Giorgio Armani mi ha subito fatto salire alle labbra i versi di una poesi... Leggere il seguito

    Da  Laconiglia
    TALENTI
  • Una piccola profanazione luminosa

    piccola profanazione luminosa

    Qualche sera fa c’era vento lungo il fiume. Era lo stesso vento che aveva sgombrato le nuvole del pomeriggio. All’ora di cena ho fatto una lunga passeggiata,... Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    TALENTI
  • Una giornata di lavoro

    giornata lavoro

    Mercoledì. E il mercoledì a Forte dei Marmi era giorno di mercato. Stefano “Vale” Valentini guidava sul lungomare che da Marina di Massa doveva condurlo alla... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    RACCONTI, TALENTI
  • Morte di una favola.

    Il vecchio Emmeth continuava a inspirare. Intricate linee di fumo uscivano dalla cima grigia e rossa della sigaretta. Si confondevano, si spostavano, spinte... Leggere il seguito

    Da  Bloggergeist
    RACCONTI, TALENTI

A proposito dell'autore


Parolesemplici 2509 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Dossier Paperblog

Magazine