Magazine Cinema

Una sconfinata giovinezza Pupi Avati. 2010

Creato il 14 gennaio 2011 da Barbara2011
Una sconfinata giovinezza Pupi Avati. 2010
C'è sempre l'imbarazzo della "prima volta", e il regista bolognese Pupi Avati, la supera così, con "Una sconfinata giovinezza", sua prima storia d'amore sul grande schermo, pellicola che commuove anche se non convince.
Lillo e Chicca ne sono i protagonisti, collaudata coppia in avanti con gli anni: lui giornalista sportivo di grande fama, lei docente di filologia medievale alla Sapienza. I primi fotogrammi li ritraggono innamorati come se fossero ancora adolescenti, felici, alle prese con una storia d'amore meravigliosa. Solo un dolore nella loro casa troppo grande: nessun pargolo, nessun nipotino, ma nonostante una così grave lacuna, i due riescono a sopperire alla mancanza di un figlio grazie al forte sentimento.
E quando la memoria comincia a vacillare, tra uno sfottò e un altro, "l'età avanza" chi mai potrebbe pensare ad gravissima patologia regressiva come il morbo di Alzahimer? E tutto il film scorrerà su due linee narrative: il difficile presente della malattia e il passato di Lino raccontando, con flashback, la sua regressione all’infanzia.
Chicca con la sua intelligenza e lungimiranza, comincia ad osservare Lillo, si accorge che qualcosa non va, non si arrende, studia un modo per comunicare con lui anche mentre la sua mente divente pian piano infantile, regredendo nei meandri di "una sconfinata giovinezza".
Inno di un amore che non conosce età, tempo, malattia, pronto a combattere contro la natura, contro il destino, contro il male che avanza. Troppa retorica? Si, il messaggio che il film veicola, come anche l'intero film ne abbondano, si sa sempre dove l'autore vuole andare a parare, nessun colpo di scena, sempre tutto fin troppo scontato...ma non è forse la mimesi di un amore maturo tutta questa ovvietà? In molti tratti il richiamo a Benjamin Button è fortissimo, qui è la malattia a far regredire Lillo, Benjamin regredisce, invece, per "uno strano caso". In fondo i ricordi tutto sono tranne che "originali", ci appartengono, sono nostri, li conosciamo, la nostra mente li ha incamerati come la fotocamera un'istantanea, eppure chi potrebbe mai affermare che un ricordo non lo rapisca ed emozioni ogni volta? E qui sono proprio loro, i ricordi di Lillo a parlare, la sua mente scava, fa salti temporali, le immagini si palesano nella schizofrenia della sua mente malata. Chicca avrà tra le braccia il bimbo tanto desiderato e mai arrivato, Lillo si perderà nei confini della sua adolescenza, (ma per finire dove? Troppo misteriosa la fine del film)Lino, infatti, completamente persa la percezione di sé come uomo ritorna un bambino spaurito, rifugiandosi nelle campagne bolognesi, che lo hanno visto adolescente.
Questa la storia di quest'atroce malattia che, come tutte le malattie, non ha un perché, emblematico che il cane di Lillo bambino si chiami proprio "Perchè". Merita una segnalazione la prova di Vincenzo Crocitti, il prete di famiglia, qui nella sua ultima apparizione prima della morte.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una curva.

    Una linea flessa quasi spezzata dell'avambraccio a cavallo della mano a disegnare una curva di giunco, uno spasmo profondo in cui il peso del corpo si accascia. Leggere il seguito

    Da  Modainsegniblog
    LIFESTYLE, MODA E TREND
  • Una domanda

    domanda

    da qui Dare consigli è semplice: ti accorgi che la vita ha una logica coerente, le persone presentano caratteristiche costanti, le relazioni si sviluppano... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • Il Pupi furioso e lo Zerbino di Arcore

    Pupi furioso Zerbino Arcore

    Com'è triste Venezia...E' francamente penoso stare qui a parlare, in un blog di cinema, di una polemica che col Cinema (con la "C" maiuscola) c'entra poco o... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CULTURA
  • Una storia

    storia

    C'era una volta una coppia. Era una coppia come tante, stavano insieme fin da ragazzini, fidanzati ormai da tantissimi anni.Lui faceva l'operaio, poi aveva... Leggere il seguito

    Da  Slela
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Una vignetta

    vignetta

    Pubblico con piacere una vignetta della serie "Io il Cinquino", ideata e disegnata da un illustratore livornese, Claudio Monteleone (seguirà a breve un... Leggere il seguito

    Da  Scuolasara
    CULTURA
  • Una lacrima.

    A me piaceva guardarti dentro. Mi è sempre piaciuto e credo sia la mia ragione di vita vedere le forme strane dei tuoi pensieri, quelli che non dici. Sei stato... Leggere il seguito

    Da  Zarizin
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • rendere una vita normale una questione letteraria

    una vita è solo una vita,renderla una grande storia è un'arte.usare l'arte per raccontarsi serve a darsi un sensodal momento che una vita senza senso non ha... Leggere il seguito

    Da  Tinynoemi
    TALENTI