Magazine Attualità

>>Una soap opera squallida e consumata

Creato il 24 settembre 2012 da Felice Monda

>>Una soap opera squallida e consumata>Una soap opera squallida e consumata" title=">>Una soap opera squallida e consumata" />

Immagini di persone mascherate da maiali che fanno parte di una festa in cui è presente anche Renata Polverini, Nicole Minetti che sfila in costume per Parah: immagini che rendono bene conto di cosa è stata la politica e la società degli anni recenti, soprattutto di destra ma non solo.

Un continuo show mediatico, una continua campagna pubblicitaria di modi e stili di vita votati alla “società dell’immagine”, espressione del sistema-società capitalista e neoliberista.

Programmi come “L’isola dei famosi” e “Grande Fratello”, le inchieste sui “festini” del PDL, sul bunga-bunga e su Ruby, programmi come “Veline” e “La pupa e il secchione”, le inchieste sulla Regione Lombardia e la Regione Lazio, lo scandalo di Lusi e della Margherita, : tutto ciò e altro ancora testimonia l’estremo declino della politica e della società italiana, un declino che va avanti già da un bel po.

Un declino che ci consegna una società superficiale, dedita al culto dell’immagine e per alcuni tratti anche un po “cafona”, un declino che ci consegna una politica di sprechi, corruzione e clientelismo misti a escort, showgirls e “ragazze immagine”.

Questo e altro è la società e la politica italiana degli ultimi anni: decadenza allo stato puro, degradazione morale ed etica, lascivia che fa mostra orgogliosa di sé.

L’Italia ha assunto i connotati di una soap opera squallida e consumata: una telenovela che ripropone sempre gli stessi attori o propone attori nuovi che fanno uso sempre degli stessi metodi.

Poi ci sono i “nuovi” attori della cosiddetta anti-politica, che urlano e aizzano le masse come galli in un pollaio di galline e anatre starnazzanti: essi sono la novità della politica, una novità già proposta nel passato da Berlusconi e Bossi, uno schiamazzo già sentito, un baccano già proposto e riproposto.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog