Magazine Società

Underworld: Una riflessione

Creato il 31 maggio 2012 da Tnepd

Underworld: Awakening è il quarto di una serie di film che portano in scena la lotta secolare tra vampiri e licantropi. Il film contiene molti riferimenti alle vicende degli illuminati oltre ad essere un ritratto accurato dell’elite.

Underworld: Una riflessione

Underworld: Awakening si chiude con una frase molto significativa: “. Non solo sopravviveremo a questo mondo, ce lo riprenderemo”. L’affermazione viene pronunciata da un vampiro ibrido di nome Selene. Una caratteristica particolare di Selene è la possibilità di camminare alla luce del sole rimanendo illesa.

TRAMA

In breve: vampiri e lupi mannari non invecchiano e non si ammalano a causa di una mutazione genetica. Il primo di loro fu Alexander Corvinus, che ebbe due figli, Marcus e Michael, “uno morso da un pipistrello, l’altro morso da un lupo”.

I figli svilupparono mutazioni che riflettevano i caratteri delle bestie con le quali erano entrati in contatto.

Inizialmente i lupi mannari erano viziosi e sanguinari, mentre i vampiri erano più intelligenti e misurati, cosa che portò alla sottomissione dei primi.

I lupi vennero inzialmente utilizzati come “cani da guardia” da parte dei vampiri, ma una volta evoluti si ribellarono, guidati da un licantropo chiamato “Lucian”. Venne allora condotta una campagna di eradicazione nei confronti dei lupi i quali furono costretti a spostare le loro attività nelle fogne. La vendetta durò per secoli.

Lucian riuscì ad elaborare una procedura per creare ibridi vampiri/licantropi.

Ne vediamo ben 3. Lucian (lupo mannaro) e Selene (vampiro) infettarono un lontano discendente di Corvinus, Michael Corvin, il primo ibrido. Successivamente Alexander Corvinus concesse il suo sangue a Selene, permettendole così di camminare alla luce del sole senza venir bruciata.

Lei è il secondo ibrido. Selene e Michael Corvin, inoltre, hanno avuto una bambina ibrida di nome Eve.

INTERPRETAZIONE INIZIALE

2.000 anni fa, era ben nota la quasi impossibilità di gestire la popolazione ebraica, soprattutto a causa dei frequenti “focolai” di protesta, degli intrighi e della violenza.

Israele fu distrutta, i suoi abitanti dispersi. Nello stesso periodo circa, il Cristianesimo apparve ed “infettò″ l’impero romano in declino, penetrando anche nei capillari più periferici.

La Cabala Messianica, una potente dottrina luciferina, emerse nel 1200, e qualche secolo più tardi, Sabbatai Zevi, determinò una scissione importante nel mondo ebraico. La rivolta sabbatiana non ebbe esito positivo, nonostante ciò l’idolatria continuò nel sottosuolo dove i seguaci della dottrina si ritrovavano per portare a termine i loro rituali.

Dopo secoli in cui si nascosero, infiltrandosi e in ultima istanza assumendo il controllo dei centri educativi, economici, politici e tecnologici mondiali, sviluppando sistemi di “miglioramento genetico” tutt’ora sconosciuti al pubblico, l’ibrido illuminista sta emergendo, pronto a combattere.

OMBRE DI SCIENZA ILLUMINATA

La serie Underworld è stata una delle prime a presentare il vampirismo e la licantropia come condizioni patologiche causate da infezione biologiche. Si tratta cioè, di una malattia che “modifica il dna”. Ho detto malattia, non “malattie”, perché sia licantropi che vampiri furono creati da un’unica mutazione genetica.

Nelle precedenti rappresentazioni cinematografiche e non di vampiri e licantropi la causa della loro trasformazione era attribuibile all’indeterminatezza delle forze spirituali. Improvvisamente, con Underworld, Daybreakers, Wolfman e così via, è un’”infezione” a provocare il mutamento fisico. Il pubblico si sta abituando a questa nuova “visione”.

Ciò è degno di nota in quanto troviamo lo stesso “cambiamento” nei film che trattano di “zombie”. In tandem con Underworld e simili, sono uscite pellicole importanti quali “Resident Evil” “Io Sono Leggenda”, “28 giorni dopo”, “28 settimane dopo” e “Zombieland” (con un sequel in arrivo). Gli “zombie”, vengono presentati come il frutto di un’infezione simil HIV.

Un parallelo simile lo troviamo anche nella serie X-men in cui i protagonisti sono dotati di poteri diversi, ognuno dei quali deriva dalla stessa mutazione.

L’”horror” tradizionalmente spirituale è entrato nel mondo scientifico, in quanto gli illuminati puntano ad un miglioramento umano basato sulla tecnologia.

Come la divinità Asgardiana “Thor” – uno dei Vendicatori – dichiarò (nel film “Thor”), “Tra la mia gente, scienza e magia sono la stessa cosa.” Nel film Avengers, sia Hulk che Capitan America sono super-uomini frutto di esperimenti scientifici.

IBRIDI

I film di Underworld esprimono chiaramente un messaggio: gli ibridi sono i “predestinati” che sopravviveranno all’imminente conflitto.

Lupi mannari e vampiri rappresentano le “virtù″ illuministe, oltre a riflettere aspetti dell’alleanza Ebreo-Gentile.

Sappiamo chi sono i lupi. I lupi sono una specie cacciata, che si nasconde e sovverte le forze che controllano ogni aspetto del sistema, moltiplicando il suo potere, sviluppando l’immunità all’argento (legami economici) aumentando la propria forza fisica (dominio militare). In altre parole, i “lupi mannari” rappresentano le potenzialità umane per quanto riguarda il potere, la violenza e il mantenimento della specie.

I vampiri rappresentano temi quali la compattezza, l’intelletto, la purezza genetica, la sessualità, la tecnologia meccanica e informativa e le capacità psichiche.

Gli ibridi sono gli Illuminati. La persecuzione degli ebrei; la sottomissione militare dei tedeschi, la capacità intellettuale degli ebrei e dei tedeschi, l’esperienza eversiva dei politici machiavellici, la creazione, la gestione e la distruzione dei sistemi economici deliranti; le black-ops volte alla supremazia militare e il miglioramento genetico basato sulla tecnologia. Sono tutti lì, in Underworld.

In altre parole, i “lupi” sono la metà ebrea dell’equazione elitaria per il controllo del mondo. I “vampiri” sono la metà franco/germano/nordica. Non è un segreto che questi due gruppi si siano volutamente mescolati sfociando negli “Illuminati”.

DATI DI SUPPORTO: I NOMI

“Selene” si riferisce alla Dea della Luna. La luna è un classico simbolo luciferino, che presiede all’oscurità fin dal Medioevo.

“Alexander” è greco e richiama il famoso Alessandro Magno e il suo desiderio di creare un impero mondiale.

“Corvin” e “Corvino” significano “corvo”: l’araldo della lotta, un tema costante nei mass media controllati dagli illuminati.

“Michael” è un nome ebraico che significa “Chi è come Dio?” Nella serie, è Michael il lupo mannaro originale, ed è un suo discendente, di nome Michael, a divenire il primo ibrido.

“Marcus” è un nome romano che si riferisce al dio della guerra, Marte. Marcus diede origine ai vampiri, dichiarando poi guerra all’umanità.

“Eva” è la Madre del genere umano.

“Lucian” altro non è che una forma semplificata di “Lucifero”.

“Jacob” è il lupo mannaro padre di un uomo chiamato “Quint”. Storicamente, Jacob è una figura ebraica che venne successivamente chiamata “Israele”, secondo la tradizione, lottò con un angelo e viene ritenuto padre della razza ebraica. Jacob è a capo di un’organizzazione chiamata Antigen. L’”Antigene” è sostanzialmente “una particella inquinante nel corpo umano”. Sono gli ebrei e le masse in generale.

Quint è una mostruosità, un lupo mannaro di dimensioni gigantesche. Il suo corpo è stato geneticamente migliorato con terapie che garantiscono lui l’auto-guarigione, e l’accrescimento muscolare. “Quint” significa “5″. Nella tradizione satanista è il pentacolo al contrario.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog