Magazine Poesie

(unPOdiESIA): Ci addormentammo qui

Da Valentediffidente
(unPOdiESIA): Ci addormentammo qui
Ci addormentammo qui Sotto un cielo stellatoMa al risveglio  Tu non c'eri piùAvevo chiesto al ragnoAppeso al ramoDi legarti a me con un filo di setaMa ti sei dissolta comunqueMi dicesti che saresti sempre stata dentro mePerò non riesco a vederti né sentirtiSpero solo cheOvunque tu siaStia tranquilla e in salute
Ti ho aspettata in riva al mareDove giocavamo a nascondere i piediCoprendoli con la sabbia Ho atteso fino all'ora della seraQuando il sole è tiepidoE io mi appoggiavo a teA leggere i miei libriSono rimasto lì fin quando la mia ombraLunga a dismisuraE' stata inghiottita dal buioMa tu non sei tornata
Tutti vorrebbero essere supereroiMa nessuno riesce a valicareLe possibilità di un normale essere umanoI più fortunati diventano clownsO al limite ballerineMentre io vago da città a cittàChiedendo se qualcuno ha visto una donnaCon una fiamma nel cuoreEd ogni volta che lo chiedoRecito le mie preghiere
Ogni giorno è come camminareSu un filo spinatoE mi manchi sotto la pioggiaMi manca la tua voceChe credevi uguale a quellaDella grande cantanteE continui a mancarmi anche seHo perduto la speranzaIl sole non mi illumina piùConvinto che il buio possa nascondereLe miserie della mia solitudineE' la luna ora a vegliare su di me
Ho fermato il mio camminoGiunto alla fine del giornoE mi sono sdraiato a riposare Con un barattolo di luccioleA farmi compagniaEro sul confine dell'incoscienzaQuando ti ho sentita dentroNon scappare ancora ti pregoHo pensato tra me e meE tu con una mano sul mio viso
Plachi i miei timori SsshhhhhRiposa e non preoccuparti piùI miei occhi si chiuseroSotto il peso leggero delle tue mani
Mi addormentai sotto un cielo neroVicino ad un barattolo di luccioleMi ritrovasti sotto una coperta di setaDonatami dal ragno appeso al ramoAlle prime luci dell'albaPiano piano mi dissolsiE quel giorno segnò la fine del mio vagare.
http://feeds2.feedburner.com/PiccoleVitalitDiUnaMorteQuotidiana

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • "Ci sono giorni..."

    sono giorni..."

    Ci sono giorni,troppi ultimamente,nei quali,quando mi trovo insieme ai miei figli, sento un peso sul petto,il cuore agitato,le mani poco ferme,il pensiero veloc... Leggere il seguito

    Da  Silvia
    DIARIO PERSONALE, MATERNITÀ, TALENTI
  • Quello che non ci siamo detti

    Quello siamo detti

    Forse a un certo punto della vita si smette di farsi tante domande, o meglio, le domande si fanno, ma, più o meno, si conoscono già le risposte! Leggere il seguito

    Da  Sabby
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Ci vuole un fiore

    vuole fiore

    Per fare un tavolo ci vuole il legno per fare il legno ci vuole l’albero per fare l’albero ci vuole il seme per fare il seme ci vuole il frutto per fare il... Leggere il seguito

    Da  Mriitan
    POESIE
  • Ora che ci penso, si. :)

    Le cose semplici sono sempre le più belle, le più da sorrisi. Oggi mio nonno mi ha detto che sono stato coraggioso, mi ha fatto i complimenti, l’ho visto... Leggere il seguito

    Da  Efeizee
    RACCONTI, TALENTI
  • ci vuole

    vuole

    passione per fare bene le cose, curare le rose, scalare pareti rocciose, trasformare l’organza nel ricordo più indelebile per le spose; trattare la sposa come... Leggere il seguito

    Da  Sushit
    TALENTI
  • Ci riproviamo... una foto per Bergamo Up:

    riproviamo... foto Bergamo

    A Lei non piace perché si vede molto stanca, però secondo me è meglio su questa foto che su quelle precedentemente utilzzate per Bergamo Up, voi che ne dite? Leggere il seguito

    Da  Milemary
    FOTOGRAFIA, TALENTI
  • La percezione di esser(ci)

    Se anche non si crede nella natura divina di Gesù (come io non lo credo), si deve pur accettare il fatto che in ogni epoca e in ogni cultura si hanno... Leggere il seguito

    Da  Energieindivenire
    TALENTI

Magazines