Magazine Salute e Benessere

Vaccinazioni: la vera causa dell'autismo?

Creato il 22 ottobre 2013 da Informasalus @informasalus

vaccinazioni bambini
Vaccinazioni: la vera causa dell'autismo?

Nel luglio del 2012 la trasmissione televisiva “Quinta Colonna” ha mandato in onda un servizio sul legame tra vaccinazioni pediatriche e insorgenza dell'autismo.
Viene raccontata la storia del piccolo Luca. Luca ha 15 mesi quando viene sottoposto al vaccino trivalente contro morbillo, parotite e rosolia, una vaccinazione non obbligatoria ma consigliata a tutti i bambini in Italia. Fino a quel momento Luca era un bambino precoce molto socievole, amava giocare a pallone e colorare, pronunciava le prime parole. Tutto poi cambia: dopo un anno gli viene infatti diagnosticato l'autismo.
“Nel caso di questo bambino che è affetto da autismo, il rapporto con la vaccinazione è un rapporto causale”, ciò vuol dire che Luca  è diventato autistico per colpa del vaccino.
È quanto mette nero su bianco questo il medico legale Dario Miedico in una perizia presentata dai genitori del bambino al Tribunale di Rimini. Sulla base di questa perizia il 15 marzo il Ministero della Sanità è stato condannato a risarcire la famiglia.
Commentando la sentenza, il Ministero afferma che non esistono prove che i vaccini provochino l'autismo e che, piuttosto che di un nesso di causalità, si potrebbe parlare di una coincidenza temporale: i bambini non diventano autistici perchè vaccinati ma l'autismo viene solitamente scoperto proprio nell'età delle vaccinazioni.
Eppure nel bugiardino di un vaccino prodotto in Francia viene indicato proprio l'autismo tra i sintomi registrati dopo la somministrazione.
Il caso di Luca, peraltro, non è isolato. Nel servizio di “Quinta Colonna” Dario Miedici riferisce infatti di avere in corso una causa di un altro bambino autistico il cui padre ha filmato del figlio praticamente ogni attimo della vita. È stato così possibile notare un cambiamento radicale nel bambino nel giro di pochi giorni dalla vaccinazione.


Hai un account google? clicca su:



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog