Magazine Cultura

Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta?

Creato il 29 agosto 2012 da Lospaziobianco.it @lospaziobianco

Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta?> LoSpazioBianco" />> LoSpazioBianco" height="200" width="600" alt="Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta? >> LoSpazioBianco" class="aligncenter size-full wp-image-55601" />

Il fumetto è sicuramente un’arte in continuo mutamento. I supereroi hanno dominato negli USA per decenni; ora nuovi stili e nuove tendenze si ergono imponenti gettando la propria ombra su di loro.

Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta?> LoSpazioBianco" />> LoSpazioBianco" height="216" width="142" alt="Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta? >> LoSpazioBianco" class="alignleft wp-image-55537" />

Infinite versioni di universi alternativi e miniserie che calano gli storici personaggi dei comics in epoche e contesti inusuali sono sicuramente segno di una crisi e di una necessità di rinnovamento. Sempre più spesso dei supereroi si sfrutta la fama mediatica per farne icone facilmente riconoscibili per carattere e abilità, ma da utilizzare per raccontare storie molto diverse dai canoni del comic classico.

Esempio estremo è la miniserie 5 Ronin di Peter Milligan, in cui i riferimenti ai personaggi originali di Wolverine, Psylocke, il Punitore, Hulk e Deadpool sono più che altro evocativi.
Il lettore trova in loro una piacevole familiarità, ma la narrazione rivela storie di samurai del medioevo giapponese che non hanno (volutamente) nessuna relazione con il contesto supereroistico, tanto che i protagonisti sono privi anche dei loro caratteristici poteri, qui presenti solo in forma ‘metaforica’ (Psylocke è brava a intuire il carattere degli uomini, Wolverine, uno dei kagemusha di un signore feudale, appare ‘immortale’ dopo la morte di quelli che sono in realtà solo suoi sosia).

Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta?> LoSpazioBianco" />> LoSpazioBianco" height="273" width="575" alt="Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta? >> LoSpazioBianco" class="aligncenter size-full wp-image-55603" />

Il “superuomo di Nietzsche” ha dunque ancora senso nella letteratura disegnata del nuovo millennio? In Wolverine: Vecchio Logan di e si trova forse la risposta.

Calato in una desolata disperazione ‘mccarthyana’, punteggiata da elementi tipici del folklore horror american style, questa apocalittica visione di Wolverine tratteggia un mondo dove i supereroi sono scomparsi e gli USA sono dominati dai supercriminali e dalla darwiniana legge del più forte.
Un Wolverine vecchio e stanco è uno dei pochi sopravvissuti. Anch’egli, segnato dagli eventi, ha dovuto rinunciare al suo ruolo di eroe, per dedicarsi solo alla sopravvivenza propria e dei suoi cari, motivo che lo spingerà a un viaggio on the road per gli Stati Uniti.

Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta?> LoSpazioBianco" />> LoSpazioBianco" height="309" width="600" alt="Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta? >> LoSpazioBianco" class="aligncenter size-full wp-image-55604" />

Il disegno di McNiven media in modo eccellente tra l’estetica supereroistica alla Andy & Adam Kubert e la costruzione realistica delle ambientazioni con notevole dovizia di particolari, che immergono con efficacia il lettore nel contesto drammatico della vicenda

Wolverine: Vecchio Logan si rivela,

Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta?> LoSpazioBianco" />> LoSpazioBianco" height="369" width="270" alt="Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta? >> LoSpazioBianco" class="alignright size-full wp-image-55605" />a differenza di 5 Ronin, un vero fumetto “supereroistico” perché, nonostante il contesto, Wolverine e gli altri personaggi sono sì icone a volte distorte, ma che restano legate al proprio mondo, quello dell’America e dei supereroi.
È proprio la riflessione sul ruolo del supereroe nel mondo/fumetto contemporaneo a essere il cuore dell’opera.

Millar e McNiven ci mostrano i dubbi e le incertezze verso il futuro di un’America in crisi e ci offrono la rappresentazione di un eroe costretto a riscoprire se stesso. Dopo molte sofferenze e drammatiche delusioni come un vero supereroe, Wolverine trova il modo di affrontare problemi troppo grandi per qualunque uomo (e superuomo).

Così anche in questo mondo futuro (specchio delle paure del nostro presente), dove sembra esserci spazio solo per antieroi e personaggi oscuri disposti a scendere a patti con la propria etica, Millar ci mostra che l’eroe deve comunque lottare.
Come il protagonista di Io sono leggenda, in un mondo popolato da mostri, il Wolverine-supereroe si trasformerà nell’incubo dei supercriminali.
L’eroe dal fattore rigenerante diventa simbolo di una rinascita.
Il supereroe è cambiato, ma è rimasto tale.

Il responso sembra chiaro: “I supereroi sono morti, lunga vita ai supereroi!”.

Abbiamo parlato di:
Wolverine: Vecchio Logan
Mark Millar, Steve McNiven
Traduzione di Luca Scatasta e Gino Scatasta
Marvel Italia

208 pagine, brossurato, bianco e nero – 17,00 €
ISBN: 9788865896662

 

Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta?> LoSpazioBianco" />> LoSpazioBianco" height="148" width="462" alt="Vecchio Logan: vignetta nera su fondo nero. L’arte del supereroe è morta? >> LoSpazioBianco" class="aligncenter size-full wp-image-55545" />

Etichette associate:

Panini ComicsMark MillarSteve McNivenMarvel ComicsIn Evidenza

Puoi leggere anche:

  1. La Ragazza in Riva al Mare #1 (Asano)
  2. Wolverine & gli X-Men #3 (AA.VV.)
  3. Rat-Man #91 – La caduta (Ortolani)
  4. Ultimate comics – X-Men #1 (Spencer, Medina)
  5. Ultimate Hawkeye (Hickman, Sandoval)

Condividi:


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Nel vecchio baule

    vecchio baule

    I ricordi si sfogliano, come le pagine ingiallite di un vecchio libro. Piccolo baule marrone, in una buia cantina, la polvere si è unita ai graffi del... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Il vecchio Lev e le sue storie

    vecchio storie

    Domenica 02 Settembre 2012 16:43 Scritto da Marcella Geraci Lo sapevate che esistono, nel mondo, paesi lontanissimi? Talmente issimi da poter essere visti... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Caro vecchio Esopo

    Caro vecchio Esopo

    Se fossi Ministro della Pubblica Istruzione, dopo la Gelmini penso che nessuno griderebbe allo scandalo, sono laureata in Pedagogia e il concorso per diventare... Leggere il seguito

    Da  Zazienews
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • Il boa e il vecchio

    vecchio

    Lunedì 04 Febbraio 2013 14:47 Scritto da Sofia Gallo e Nsele Abuy Un giorno i giovani di un villaggio decisero di mettere a morte tutti gli anziani poiché... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • diario di un vecchio pazzo

    diario vecchio pazzo

    Tanizaki-san colpisce ancora! devo dire che mi ha molto divertito la lettura del diario di quello che si può semplicisticamente definire un vecchio pervertito (... Leggere il seguito

    Da  Guchippai
    LIBRI
  • Il cimitero vecchio di Olbia

    cimitero vecchio Olbia

    Conosciuto comunemente come il “cimitero vecchio di Olbia”, l’area di sepoltura presso via Fera (in prossimità della Basilica minore di S. Leggere il seguito

    Da  Alessioscalas
    CULTURA
  • Logan Lerman da Percy Jackson al Noah di Darren Aronofsky

    Logan Lerman Percy Jackson Noah Darren Aronofsky

    Il progetto di Darren Aronofsky intitolato Noah dedicato alla bibblica costruzione dell'arca di Noè prosegue molto tranquillamente la sua fase di casting,... Leggere il seguito

    Da  Frenckcinema
    CINEMA, CULTURA