Magazine Informazione regionale

Video. Napoli, scontri con la polizia. Uno studente ferito: “Ecco cosa è successo”

Creato il 13 novembre 2015 da Vesuviolive

manifestazione buona scuola napoli studenti polizia

Napoli – Proseguono le polemiche e le denunce per la disastrosa manifestazione di questa mattina contro la riforma della “Buona Scuola” varata dal Governo Renzi quest’estate. Nel corso dell’evento, infatti, sono scoppiati terribili scontri fra i giovani studenti intervenuti e le forze dell’ordine destinate a controllare i manifestanti, con lo spiacevole risultato di oltre sei ragazzi feriti e molti altri portati in Questura. Le forze dell’ordine non hanno ancora rilasciato una versione ufficiale degli scontri, solo allora si potrà fare più chiarezza sulla dinamica.

Intanto un giovane partecipante al corteo ha raccontato la sua versione dell’accaduto con un video pubblicato sulla pagina Facebook Insurgencia: “Oggi durante un corteo contro la riforma Renzi c’è stata una violentissima ed inspiegabile carica della polizia che prima ha deciso di bloccare la strada e poi caricare i manifestanti. Oltre alla carica frontale c’è stata anche una carica laterale volta a spezzare il corteo lateralmente, quindi potenzialmente rischiosissima considerando che la maggior parte dei partecipanti aveva fra i 16 e i 18 anni.”

Poi il ragazzo denuncia anche una aggressione fisica nei suoi confronti che gli avrebbe provocato le lesioni mostrate nel video: “Io mi trovavo ai lati del corteo per cercare, col mio telefono, di fare foto o video per documentare lo schieramento della “celere”. Ho deciso di cercare di fermare la carica laterale frapponendomi fra poliziotti e manifestanti, ma quello che ho ottenuto è stata solo una manganellata sulla tempia: adesso ho tre punti sul sopracciglio e l’occhio sinistro che ancora vede appannato, fortunatamente non si è distaccata la retina.”

In attesa della versione ufficiale delle autorità sull’accaduto, qui sotto potete ascoltare la testimonianza dello studente; cliccate sul video per farlo partire:


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :