Magazine Italiani nel Mondo

Vieni a lavorare gratis

Creato il 30 agosto 2012 da Koalalondinese @farego

Vieni a lavorare gratis

In UK mi é successo spesso.

Cosa?

Di finire a lavorare gratis.

Ah allora sei una fessa!

No, perché in alcuni settori lavorativi accade di farlo e ora ve lo spiego meglio.

Eccovi lí finalmente dopo aver spedito 1000 CV, camminato per KM distribuendo qua e la le vostre belle copie, qualcuno si degna e vi chiama.

Miss Pinco Pallina chiamo dal negozio Bla Bla Bla Fashion e dopo un’attenta cernita di CV, saremmo lieti di vederla di persona per fare 2 chiacchiere.

Evviva, avete ottenuto una job interview.

Saltiamola tutta ‘sta job interview, e mettiamo che gli siete piaciuti: Miss Pinco Pallina vorremmo che lei lavorasse una giornata con noi, sa per vedere come si comporta sullo shop floor, come si districa con le varie clienti, insomma per farci un’idea materiale se é lei la figura giusta per noi.

Ebbene sí in UK spesso, spessissimo vi chiedono – prima di assumervi – una giornata di prova, per vedere se siete idonee.

Questo accade per lo piú se vi candidate come commesse, store manager o quello che sia, e qualche volta anche nella ristorazione.

Gli inglesi come vi ho giá detto, sono molto scrupolosi nell’assumere il personale, e piú si sale in “alto” con il nome e la posizione, piú le scremature e i controlli si fanno severi.

Non é per scoraggiarvi, ma sembra che con la crisi le cose non siano affatto migliorate.

Se ambite a ruoli piú prestigiosi, che fare la mera commessuccia in qualche buco di negozio allora é pratica usuale quella di chiedere da un paio d’oro, fino a una giornata intera, di “servizio” non retribuito.

Praticamente andate a lavorare per la “gloria” e un ipotetico posto di lavoro.

Nel caso veniate assuente, spesso l’azienda vi pagherá quelle ore che avete fatto, ma se invece non piacete, we are sorry ma avete lavorato gratis.

Attenzione, solitamente non potete superare piú di 6 ore consecutive di prova, oltre vi devono pagare, quindi vedrete che vi chiederanno di stare in prova per almeno 2/3 ore.

Ora non c’é nulla di male a prestare un paio di ore, soprattutto se cercate lavoro disperatamente, ed essendo disoccupati avete tanto tempo libero.

Peró diventa un altro discorso nel caso, la prova non vada bene e dovete ricominciare da capo, altro brand, altro colloquio e altra prova. Poi non vi dico se invece state giá lavorando, e volete cambiare brand e/o avanzare di posizione e soldini… giá lavorate, aggiungere pure il tour di ore in diversi shop gratis non é il massimo!

All’inizio era ok, poi iniziai a scocciarmi di tale pratica e spesso accampavo scuse, come che non potevo, oppure che invece di quelle 3/4 ore ne potevo lavorare solo 2.

Se mi faccio i calcoli, sai i soldi che avrei potuto mettere da parte. Sí perché ovviamente, non é che state sullo shop floor a fare le bamboline, ma vi tocca lavorare e pure con voglia e sorriso per accalappiare la simpatia del boss e il posto nello staff.

Una volta mi capitó di lavorare per ben 2 negozi dello stesso store, la prima mi disse che andavo bene ma che secondo lei avevo la stoffa per fare la assistant manager, e cosí mi mandó in un altro store a fare altre ore gratis – ma come manager.

Morale della favola?

Non si fecero piú sentire!

E io decisi di farmi furba.

Insomma come ho detto non capita in tutti i posti, peró spesso – almeno come commessa – me lo sono sentito chiedere di fare un trial AKA una giornata/paiod d’ore di prova.

Per questo poi mi scocciai di cercare, e cambiai settore.

Oh credo di aver dato il meglio di me stessa in uno store a Chelsea, quando dopo aver fatto delle vendite, corso su e giú per il negozio, servito le clienti di cui una era pure ritornata a fare degli acquisti, la store manager furbacchiona mi chiese di rimanere un altra oretta perché non aveva ancora capito se facevo al caso loro, o meglio come vendevo.

Peccato che la sgamai a parlare con una commessa dello staff, a cui diceva che erano sotto di personale e io avrei dovuto coprirle per tutte le pause pranzo.

Mi voltai e con un grande sorriso, le disse che no mi dispiace ma dovevo prorpio andare via. In fin dei conti avevamo pattuito 2 ore, io me ne ero fatte 3 e pure non pagate.

Il giorno seguente mi mandó un sms dicendomi che non facevo al caso loro… che fosse rimasta piccata delle pause pranzo non coperte?

 

Sir Koala ringrazia e saluta.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :