Magazine Tecnologia

Wallit: il socialnetwork meno digitale al mondo

Creato il 08 marzo 2012 da Pa007 @Pa007world

Avete sempre sognato di vedere il vostro nome dominare il profilo del Big Ben? Ammirate l’opera dei writer più spericolati e vorreste emularli nelle loro imprese più grandiose? Se vi accontentate di lavorare su muri virtuali, Wallit potrebbe esaudire i vostri desideri, vediamo come!

Abbiamo già parlato di realtà aumentata, Foursquare è una realtà consolidata del geo-tagging e Facebook è ad oggi il social network più usato al mondo. Wallit tenta di conciliare le tre piattaforme portando sui muri delle nostre città un socialnetwork fortemente indirizzato verso la geo-localizzazione.

L’app consente ai proprio utenti di lasciare dei messaggi in determinati luoghi e renderli quindi disponibili a chi successivamente dovesse passare da lì. E’ possibile pubblicare testi, video o foto, e a queste ultime si possono anche applicare degli effetti, apporre scritte o disegni a mano libera.
Otteniamo così una sorta di Foursquare ribaltato, in cui anziché poter dire ai nostri amici dove ci troviamo possiamo vedere chi altro è stato dove siamo noi adesso.

L’idea è interessante ma si potrebbe andare oltre, infatti Wallit non si limita a rivedere il concetto di geo-localizzazione. L’app sposta letteralmente il socialnetwork dalle autostrade digitali alle nostre città, abilitando un servizio di chat con chiunque si trovi insieme a noi, in uno dei luoghi messi a disposizione per la condivisione.
Una proposta che ben si coniuga con gli eventi di massa, come gli incontri sportivi o il lancio del nuovo iPad3. Non è un caso, infatti, che lo spot disponibile sul sito ufficiale inviti gli utenti a testare le potenzialità del nuovo social network aspettando l’apertura del proprio Apple Store di fiducia.

Se Wallit riuscirà o meno a portare gli appassionati del social networking fuori di casa non è dato saperlo, intanto per chi volesse provare con mano il nuovo strumento i muri di alcuni Apple Store italiani sono già a disposizione!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine