Magazine Cinema

We Want Sex

Creato il 05 settembre 2013 da Sostiene Pereira...
We Want SexIl cinema di Ken Loach ha purtroppo col tempo dato la stura a epigoni non all'altezza dell'originale, che nel loro tentativo di emulazione di una formula collaudata capace di raccontare il mondo dei lavoratori con leggerezza, senza far venir meno il rispetto e l'acume di sguardo verso situazioni drammatiche, hanno ritenuto opportuno riutilzzare tale formula a proprio piacimento e creare commedie che alla lunga si sono dimostrate piuttosto semplicistiche nel raccontare situazioni, che il più delle volte hanno un fondamento storico e reale.E' il caso del qui presente We Want Sex ammiccante sin dal titolo, gradevole nella sua ricostruzione di una working class pronta a lottare con intelligenza ed ironia per ottenere risultati che nel corso della vicenda sembreranno non essere così scontati, con inevitabili ripercussioni sui contesti familiari dei protagonisti.Il regista e gli sceneggiatori decidono di rielaborare una storia vera ma con i dovuti accorgimenti del caso, necessari a creare un racconto che scivoli via fluido, con una protagonista ad hoc eroina per caso, ma non troppo, che si ritroverà a dover lottare per la parità di salario delle sue colleghe contro il gigante americano della Ford.Il tutto viene però messo in scena con una serie di stereotipi umani e di situazioni, che sanno di già visto e che debbono rassicurare lo spettatore anche quando i momenti si fanno fortemente drammatici, attraverso la vicenda personale di una delle compagne di fabbrica.We Want Sex nel mettere in scena simili schemi narrativi dimostra come furbescamente intenda riproporre una strategia di rappresentazione scenica e drammaturgica che strizza troppo facilmente l'occhio allo spettatore, che ama essere rassicurato da simili storie in cui vengono mescolati ingredienti di comprovato successo, come gli affetti frustrati e la lotta tra i sessi, che altrove nel cinema hanno saputo trovare migliore rappresentazione.We Want Sex accompagna lo spettatore e la sua protagonista verso un finale rassicurante e socialmente accettabile, con didascalie ed immagini di repertorio che ne confermano la bontà d'intenti, peccato che di lì a pochi anni sarebbe arrivata la Thatcher che avrebbe spazzato via molti di quegli edulcorati sorrisi che certo cinema furbetto ogni tanto tenta di propinarci.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • We are what we are ( 2013 )

    what 2013

    Appena fuori da un paesino immerso nei boschi del Delaware vivono i Parker , una famiglia molto riservata. Durante un nubifragio muore in circostanze tragiche... Leggere il seguito

    Da  Bradipo
    CINEMA, CULTURA
  • We want sex - equality

    want equality

    «Sono diritti, non privilegi» "We want sex equality" è lo slogan coniato dalle operaie della Ford di Londra. Chi sono queste donne? Tutto inizia alla fine... Leggere il seguito

    Da  Monica
    CINEMA, CULTURA
  • Sex List – Omicidio a tre

    List Omicidio

    Stasera un thriller che ci farà domire! Titolo: Sex List – Omicidio a tre Regia: Marcel Langenegger Cast: Ewan McGregor, Hugh Jackman, Michelle WilliamsNatasha... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Masters Of Sex – Fine Stagione

    Masters Fine Stagione

    I ricercatori della sessualità umana tornano il 2014 con una seconda stagione.   Si è conclusa la prima stagione di Masters of Sex, e come pensavo, è stata... Leggere il seguito

    Da  Drkino
    CINEMA, CULTURA
  • Masters of sex

    Masters

    Si è conclusa la prima stagione di Masters of sex, pregevole serial basato sulla storia reale Billy master e Virginia Johnson (Masters of Sex: The Life and Time... Leggere il seguito

    Da  Cinefilante
    CINEMA, CULTURA
  • What Are We Reading?

    What Reading?

    Le nuove rubriche qui a Reading at Tiffany's non finiscono mai! Ecco qui un nuovo appuntamento nato per condividere e chiacchierare dei libri che stiamo leggend... Leggere il seguito

    Da  Annalisaemme
    CULTURA
  • the way we dance

    dance

    lo confesso cospargendomi il capo di cenere: da principio non avevo pensato di vedere questo film. reduce da oltre quattro ore di treno, avevo pensato di... Leggere il seguito

    Da  Guchippai
    CULTURA

Magazines