Magazine Cinema

Welcome to New York: sesso e potere

Creato il 26 giugno 2014 da Onesto_e_spietato @OnestoeSpietato

welcome-to-new-yorkDa sempre sesso e potere sono coppia fissa nell’immagine e nell’immaginario della politica di tutti i tempi.  Oggi, nel progressivo disfacimento (a)morale della società odierna, più che mai. Tra i tanti casi, il recente “caso Ruby” di Berlusconi nel nostro triste Belpaese o il meno recente ma “storico” caso Lewinsky che coinvolse l’allora Mr President Bill Clinton.

Per Welcome to New York Abel Ferrara s’ispira ad uno dei fatti di cronaca più discussi da giornali e tabloid di tutto il mondo: lo scandalo sessuale Strauss Kahn. L’allora direttore del Fondo Monetario Internazionale nel maggio 2011 fu arrestato con l’accusa, poi saltata, di tentata violenza sessuale ai danni di una cameriera dell’albergo presso cui alloggiava nella Grande Mela. Ma Ferrara sì limita allo spunto, cambia il nome del protagonista in signor Devereaux, e si lancia in un’acuta, disturbante e fosca analisi delle perversioni del potere. E poco gli importa se ancora una volta non susciterà le simpatie del pubblico comune, dei benpensanti, dei suoi colleghi. Ferrara, come il suo Devereaux, ha un pensiero fisso, e come il più noncurante Principe machiavellico, persegue il suo fine senza esclusione di mezzi.

Dietro una fotografia elegante e notturna, Welcome to New York è un affresco sporco, putrido, quasi straniante di un uomo malato di sesso, dipendenza con la quale si rapporta esattamente come con il potere. Una bulimia senza rigetto, mai sazia, mai doma. Devereaux è un uragano, un buco nero che fagocita quanto gli sta intorno, dove le donne sono oggetti da schiaffeggiare e possedere senza (auto)controllo, in una vita che è essa stessa un oggetto da consumare fino all’osso, fino all’ultimo respiro, fino all’ultimo gemito. Devereaux è una bestia, un animale e i suoi grugniti in camera da letto lo dichiarano ad alta voce. Devereaux è un demone senza redenzione, che spolpa la vita, gode a piene mani del suo lato più oscuro, la rende pregna di un vuoto che, come ammette di fronte allo psicologo, tornerebbe a cercare e riempire se potesse ricominciare da zero, ancora una volta.

La prima parte del film ci ingoia senza darci tempo di inspirare, in un’escalation di depravazione che farebbe impallidire anche Lars Von Trier. Abel Ferrara ci tratta un po’ come le prostitute che sera dopo sera Devereaux ospita in camera, e ci tirerebbe sempre più giù in questa gola profonda se Devereaux, in preda ad un’incontrollata libidine, non commettesse un errore che gli costerà caro. Anche sul finale Ferrara non fa sconti, e lascia intravedere come la giostra continuerà a girare sempre nello stesso verso (se mai si era davvero fermata…).

Di giudiziario e finanziario c’è poco, pochissimo. Quello che interessa a Ferrara è il personaggio e lo mette sfrontatamente a fuoco grazie ad un Gerard Depardieu enorme (non solo per l’abnorme buzza), che si mette letteralmente a nudo in tutta la sua bravura. Impersona magnificamente un uomo che ha qualcosa di mitologico, di non umano, dominato da un vertiginoso senso di sbandamento che non ci fa più distinguere il bene dal male, il lecito dall’illecito, il sesso dal potere, il potere dal sesso.

Vota il post

1 Star
2 Stars
3 Stars
4 Stars
5 Stars
(Vota tu per primo)

Loading ...
 Loading ...
… e lascia un commento!
0emailprint

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Rompicapo a New York

    Rompicapo York

    Tra intelletto ed emozione c’è tutto un mondo che questo film non riesce a coniugare Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Rompicapo a new york

    Rompicapo york

    di Cedric Klapisch con Romain Duris, Audrey Tatou, Cecile De France Francia, Belgio, Usa, 2014 genere, commedia durata, Il tempo e' una categoria con cui il... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Synecdoche, New York - Charlie Kaufman (2008)

    Synecdoche, York Charlie Kaufman (2008)

    (Id.)Visto al cinema.Per prima cosa va detto: finalmente questo film è uscito pure da noi; considerando anche le enormi difficoltà che ho avuto per riuscire a... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA
  • Welcome to new york

    Welcome york

    (id.)di Abel Ferrara (Usa, 2014)con Gerard Depardieu, Jacqueline Bisset, Drena De Niro, Paul Calderon, Amy Fergusondurata: 124 min.★★★☆☆A volte, si dice, la... Leggere il seguito

    Da  Kelvin
    CINEMA
  • Rompicapo a New York ( 2013 )

    Rompicapo York 2013

    Xavier ha ormai 40 anni, una compagna, due figli e una maturità che ancora deve arrivare. Una bella scossa gliela dà Wendy, la madre dei suoi figli che si... Leggere il seguito

    Da  Bradipo
    CINEMA, CULTURA
  • Synecdoche, new york

    Synecdoche, york

    Personale, complesso, ardito. Kaufman e la sua prima opera da registaPellicola complessa, visionaria e affascinante, Synecdoche, New York (datato 2008) è il... Leggere il seguito

    Da  Ussy77
    CINEMA, CULTURA
  • Sul peso dell'immagine Gangs of New York

    peso dell'immagine Gangs York

    E' strano rivedere dopo tanto tempo Gangs of New York di Martin Scorsese. E' strano perché dà l'idea di un progetto gigantesco, ambizioso e importante, inseguit... Leggere il seguito

    Da  Samuelesestieri
    CINEMA, CULTURA