Magazine Cultura

Werther Dell’Edera: Mazinger Z

Creato il 02 aprile 2012 da Lospaziobianco.it @lospaziobianco

Werther Dell’Edera è nato a Bari nel 1975. La sua carriera inizia con i disegni per Xiola, di Emiliano Longobardi e Antonio Solinas (edita dalla Liberty di Ade Capone). In seguito pubblica Road’s End, su testi di Giuseppe Bazzani, per Magic Press. Entra nello staff di John Doe e Detective Dante per Eura Editore, su testi di Roberto Recchioni e Lorenzo Bartoli. Sempre su testi di Recchioni collabora al progetto “Garret – Ucciderò ancora Billy the Kid” (Edizioni BD). Trova la strada per l’America approdando alla Vertigo, dove si cimenta sulle pagine della serie Lovesell, testi di Brian Azzarello, e su Dark Entries, avventura extra di John Costantine per la linea Vertigo Crima, su testi di Ian Rankin. Insieme a Gabriele Dell’Otto, Giorgio Pontrelli, Stefano Simeone e Antonio Fuso ha fondato il Michael Kane Studio. Il suo blog è wertherdelledera.blogspot.com.

Arianna Florean è colorista e inchiostratrice. Ha lavorato tra le altre cose per IDW Publishing sui fumetti dedicati a Star Trek e G.I. Joe.

Werther Dell’Edera: Mazinger Z> LoSpazioBianco" />> LoSpazioBianco" height="883" width="456" alt="Werther DellEdera: Mazinger Z >> LoSpazioBianco" class=" wp-image-48550 " />

Colori di Arianna Florean. Clicca per ingrandire


 Mazinga Z tutti! È uno stato mentale. Il punto di non ritorno. L’inizio e la fine dei robottoni.

Etichette associate:

Arianna FloreanGo NagaiMazinga ZWerther Dell'Edera

Puoi leggere anche:

  1. Mazinga Z o l’origine di un immaginario
  2. Otto Gabos: restyling Mazinga Z
  3. “Quasi” Mazinga Z
  4. Lunga vita a Mazinga Z, robot dal tormentato destino
  5. Il terremoto in Giappone visto attraverso anime e manga

Condividi:


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog