Magazine Cinema

World War Z

Creato il 19 luglio 2013 da Asgarothmidnight
World War Z
REGIA: Marc Foster;ANNO/LUOGO: 2013 / U.S.A; GENERE: zombie, apocalittico;ATTORI PRINCIPALI: Brad Pitt, Pierfrancesco Favino,
Daniella Kertesz.
"La natura è una serial killer spietata!"
voto: * * / *
Philadelphia, giorni nostri:una sconosciuta epidemia si sta diffondendo inesorabilmente in tutto il pianeta e Gerry (ex funzionario delle Nazioni Unite) viene nuovamente richiamato in servizio per una missione in Corea del sud dove si pensa il virus abbia preso misteriosamente campo.. troverà risposte? riuscirà a salvare il mondo dalla sua fine?
Tratto dal romanzo "World War Z. La guerra mondiale degli zombi" di Max Brooks (che non ho letto quindi mi limiterò a parlare della pellicola) questo è un classico block buster del genere: salti sulla sedia a profusione, zombie roboanti e ben conciati, protagonista bellone di turno che stile Rambo tra una rocambolata e l'altra ci fa correre qua e là per il globo come fosse una passeggiata; insomma un film perfetto da vedere, senza pretese, con gli amici e una vagonata di pop corn!
Premessa riassuntiva necessaria, addentrandoci nei meandri del film in realtà ci accorgiamo subito in diverse incongruenze a livello di sceneggiatura e non solo: soliti personaggi che non muoiono MAI nemmeno a sparargli in faccia mentre altri muoiono che basta guardarli da lontano (vabè..), dialoghi e attori a livello super basic e un finale banale e prevedibile sin dall'inizio.
Se però come ho detto sopra lo si guarda senza alcuna pretesa ma giusto per un pò di sano divertimento questo è un film che fa al caso vostro perchè non gli manca nulla.
Tecnicamente siamo su un alto budget sapientemente gestito con buoni effetti grafici/di make up ed una buona fotografia perfettamente negli standard americani del genere.
Colonna sonora in mano ai Muse giusta per l'occasione con un mix di post rock, elettronica e sperimentale.
Attori nella norma anche se un Brad Pitt inedito versione Rambo/ammazzazombie ci mancava all'appello! :D e poi ci fa sempre specie vedere il nostro Favino in film holliwoodiani come questo ma fa niente, beato lui eh!
Insomma in conclusione un film divertente da vedere, come già detto e ridetto, senza pretese (soprattutto sul finale!)
by Midnight
CONSIGLIATO: ni.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines