Magazine Tecnologia

Xiaomi inizia a bloccare i Bootloader di Xiaomi Mi 4c, Redmi Note 3 e Mi Note Pro

Creato il 18 gennaio 2016 da Vincenzo Camuso
Xiaomi inizia a bloccare i Bootloader di Xiaomi Mi 4c, Redmi Note 3 e Mi Note Pro
La scelta di Xiaomi di rilasciare il suo Xiaomi Redmi Note 3 con il bootloader bloccato inizia ad avere un senso. L'azienda sta infatti procedendo al blocco del bootloader in tutti i suoi Smartphone.
La scelta di mercato sarebbe stata influenzata dalla volontà di mettersi in regola con gli standard di Google in termini di sicurezza. Ricordiamo che uno smartphone con Bootloader bloccato, non solo protegge i file importanti del dispositivo, ma mette in sicurezza soprattutto l'utente in sè e per sè.
RecentementeXiaomi ha iniziato il blocco del bootloader di altri suoi device come: Mi 4c e il Mi Note Pro. Naturalmente questo migliorerà la sicurezza, come accennato prima, ma c'è un prezzo molto duro da pagare.
Xiaomi inizia a bloccare i Bootloader di Xiaomi Mi 4c, Redmi Note 3 e Mi Note Pro 
Cosa cambierà dopo il blocco del Bootloader:
  • Questo blocco non influenzerà gli aggiornamenti via OTA
  • Il Root verrà disabilitato, se l'utente lo abiliterà dovrà anche sbloccare il Bootloader
  • La modalità di ripristino verrà modificata. Infatti sarà necessario usare Mi PC Suite
  • Gli utenti non potranno più flashare le ROM con Miflash, dovranno sbloccare il Bootloader per flashare con FastBoot
C'è una notizia positiva però se l'utente deciderà di sbloccare il bootloader, potrà richiedere a Xiaomi un codice speciale che garantisce questo accesso ma questa procedura richiederà minimo 21 giorni a quanto dice il supporto dell'azienda cinese.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :