Magazine Società

Zum Beichtstuhl - Wiesbaden - Frankfurt am Main

Creato il 29 settembre 2011 da Luciusday
Alla fine sono venuti i miei qui, e sono rimasti una decina di giorni. Il tempo fortunatamente è stato clemente: non ha mai piovuto, anzi ha fatto anche parecchio caldo per gli standard tedeschi! Per il compleanno di mia madre il mio tutor universitario mi aveva consigliato un posto caratteristico molto buono, una Weinhaus (no, Amy non c'entra niente stavolta), che si chiama "Zum Beichtstuhl" (tradotto in italiano: "al confessionale"). Le portate sono abbondanti e i prezzi giusti, fateci un salto se capitate a Mainz.
A proposito di confessionale - magari a qualcuno interessa - qui a Mainz i cristiani che professano il cattolicesimo sono di più rispetto a coloro che aderiscono alla fede luterana. Mainz è stata per secoli sede di uno dei principi elettori cattolici, e ciò ha influito sul radicamento della religione cattolica nella città.
Zum Beichtstuhl - Wiesbaden - Frankfurt am Main Approfittando del fatto che i miei sono venuti qui in camper, non solo mi hanno potuto portare considerevoli rifornimenti di provviste e altre cose utili per la casa, ma abbiamo avuto anche la possibilità di fare un bel giro nel circondario. All'inizio il progetto era di andare a Trier (Treviri), dove tra i numerosi reperti archeologici giacciono anche i resti dell'attualmente più antica e grande porta romana mai costruita oltre le Alpi (Porta Nigra); successivamente, però, abbiamo deciso di recarci "solo" a Wiesbaden e a Francoforte. Contrariamente a quanto generalmente si pensa, è Wiesbaden il capoluogo dell'Assia, e non Francoforte sul Meno, benché quest'ultima città sia industrialmente, economicamente e (ormai) politicamente ben più importante e sia la prima dell'Assia (e la quinta in Germania) per numero di abitanti. Entrambe le cittä non hanno molto da offrire dal punto di vista architettonico, ma se siete in cerca di negozi o centri commerciali allora fanno proprio per voi. Ah, lo sapevate che Goethe è nato a Francoforte? Io no. C'è pure la sua casa-museo.
Ci sono altre trecento cose che vorrei dirvi, ma ora non ho tempo; ovviamente ci si è messa di mezzo anche la connessione internet a casa che non funziona come dovrebbe! 
A presto ;)

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazine