Magazine Società

[...]

Creato il 17 marzo 2015 da Malvino
[...]
Non ho letto integralmente le motivazioni della sentenza che lo scorso 17 dicembre ha condannato in secondo grado Alberto Stasi a 16 anni di reclusione per l’omicidio di Chiara Poggi, sono state depositate oggi, ne ho a disposizione solo gli stralci riportati da ansa.it, che tuttavia non ho alcun motivo di ritenere inattendibili nella sintesi di ciò ha portato i giudici alla convinzione che l’imputato fosse colpevole. Bene, c’è da trasecolare: «Alberto Stasi – si legge – ha brutalmente ucciso la fidanzata, che evidentemente era diventata, per un motivo rimasto sconosciuto, una presenza pericolosa e scomoda, come tale da eliminare per sempre dalla sua vita di ragazzo “per bene” e studente “modello”, da tutti concordemente apprezzato». Se la costruzione di ogni frase risponde ad una logica, quella che informa questa affermazione è quanto mai bislacca. L’omicidio avrebbe avuto «un motivo rimasto sconosciuto», che tuttavia «evidentemente» è da individuare nel fatto che la vittima fosse diventata per l’assassino «una presenza pericolosa e scomoda», e da cosa trae forza, questo assunto? Semplice: dal fatto che Chiara Poggi è stata ammazzata. In sostanza, non si sa per quale motivo sia stata ammazzata, ma giacché non può essere stato altri che Alberto Stasi ad ammazzarla – non si aveva sottomano altro imputato a disposizione, dunque chi altri? – il motivo non può essere diverso da quello, perché un altro non reggerebbe altrettanto bene. Da non credere. Le perplessità finiscono per emergere perfino dal commento dato dalla madre della vittima, che pure definisce la sentenza un «passo importante»: «Non so cosa è successo – dice – ma se c’era un problema tra di loro, era proprio necessario arrivare a toglierle la vita?». Già, perché si deve ritenere che quella fosse la sola soluzione, ammesso e non concesso che «c’era un problema tra di loro», di cui peraltro non cè prova? Nessun dubbio, per i giudici: visto che Chiara Poggi è stata uccisa, non c’era alternativa, almeno per chi sicuramente è l’assassino perché dev’esserlo. Ma per quale motivo Chiara Poggi sarebbe diventata una persona da eliminare? Non si sa, non s’è trovato, ma si può provare a immaginarlo e, dopo averlo immaginato, dargli cogenza, anche senza dargli alcun elemento circostanziale: Chiara Poggi poteva rovinare la reputazione di Alberto Stasi, rivelando la sua passione per la pornografia. E sì che la sentenza attribuisce alla vittima delle «vedute larghe». E poi può darsi che la passione per la pornografia potesse rovinare una reputazione trent’anni fa, ma oggi? Nessuna preoccupazione, a far quadrare quello che non quadra, voilà, s’avanza un’altra ipotesi, tanto cogente quanto indimostrata: il «raptus». Prove certe che leghino i fatti ad una responsabilità? Non proprio, ma tanti indizi, via, e cucendoli addosso a chi non può non essere colpevole, gli calzano a pennello, ergo... Ma non era meglio metterlo in galera senza dare motivazioni? 

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazine