Magazine Calcio

21 luglio 1929: Il Ferencváros che “tremare il nuovo mondo fa”

Creato il 15 settembre 2014 da Calcioromantico @CalcioRomantico

Bologna, Torino, Chelsea, Ferencváros. Il 1929 è l’anno giusto per passare la primavera o l’estate in Sud America a incontrare selezioni locali e rappresentative nazionali. Perché l’anno prima, alle Olimpiadi di Amsterdam, Uruguay e Argentina hanno ancora una volta mostrato la loro superiorità e perché l’anno dopo, proprio in Uruguay, è in programma la Coppa Rimet, il primo vero campionato del mondo di calcio avallato dalla FIFA. Il sogno di attraversare l’Oceano e di far tremare le squadre più forti del nuovo mondo lo coltivano in tanti, ma a realizzarlo davvero saranno solo gli ungheresi del Ferencváros.

Il Giornale ungaro-sud americano dà il benvenuto al Ferencváros

Il 21 luglio a Montevideo, forse al Parque Central dove è di casa il Nacional, i vincitori della Mitropa Cup del 1928 hanno in programma un incontro contro la nazionale uruguaiana. Nei primi cinque incontri disputati in Brasile i magiari hanno ottenuto una vittoria, due pareggi e due sconfitte. Quindi, nessuna larga eco li precede ed è presumibile, come dice Marius Raczek nel libro inedito Vulturii Verzi, che gli spettatori presenti in tribuna si ponessero solo il problema di quanti gol i campioni olimpici avrebbero fatto a questi sconosciuti venuti da oltre Oceano. Quanti dei vincitori dell’oro di Amsterdam scendano effettivamente in campo non siamo riusciti a capirlo. Il comportamento dell’arbitro e la tensione nel finale lasciano, però, pochi dubbi sul fatto che la formazione è ben altra rispetto a quella che il Bologna affronterà e batterà il 10 agosto dello stesso anno.
Il Ferencváros, invece, schiera Amsel; Hungler, Papp; Fuhrmann, Bukovi, Obitz; Rázsó, Takács II, Turay, Toldi, Kohut, tutta gente già abituata a palcoscenici importanti almeno in Europa.

Al sesto minuto di gioco la sicurezza degli spettatori è già volata via: gol di Rázsó e magiari avanti 0-1. Non passano più di sette minuti e, dopo una combinazione tra Turay e Takács II, quest’ultimo batte il portiere uruguaiano Ballesteros per la seconda volta. C’è smarrimento sulle tribune, mentre in campo la squadra di Budapest continua a dominare. Al 39′, dopo un cross di Obitz segna nuovamente Takács II. L’arbitro si affretta a fischiare il primo tempo e fa durare l’intervallo almeno venti minuti. La speranza è che l’Uruguay, al rientro dagli spogliatoi, rimetta in sesto la partita.

Sporthirlap a fine 1929 celebra il goleador József Takács II

Tuttavia, solo all’84′ la celeste riesce a ridurre lo svantaggio. Al novantesimo minuto l’arbitro, per un fallo commesso abbondantemente fuori area, concede un rigore ai padroni di casa e Scarone non sbaglia. Seguono cinque minuti di recupero e di speranza per la celeste di ottenere almeno un pareggio, ma il risultato non cambia più: il Ferencváros vince 2-3.

Quattro giorni dopo arriva un’altra vittoria, per 4-1. Meno prestigiosa sulla carta, perché l’avversaria si chiama Selezione di Montevideo, ma ugualmente importante, perché gli avversari schierano sette campioni olimpici.[1] La federazione della squadra più forte del mondo si sente in dovere di porre rimedio a questa situazione e concorda con il manager degli ungheresi una rivincita, una seconda Uruguay-Ferencváros. I giocatori criticano la decisione, ma capiscono l’antifona. Vengono anche ricevuti con tutti gli onori dal presidente dell’Uruguay Juan Campisteguy, una sorta di incoronazione a club più forte del vecchio mondo. Poi Andrade e compagni il 28 luglio vincono 3-0 e i magiari possono riprendere il loro tour. Alla fine saranno 6 vittorie, 2 pareggi e 6 sconfitte, ma quel 2-3 di Montevideo rimarrà per sempre.

federico
grazie al contributo di billie morelli

Fonti: Marius Raczek, Vulturii Verzi, inedito
http://gottfriedfuchs.blogspot.it
———————————————————————————
[1] cfr. http://gottfriedfuchs.blogspot.it/2014/03/ferencvaros-tour-of-south-america-1929.html


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • il percorso

    percorso

    Ghost1984GiapponeRegia: Takashi ItoIl fantasma striscia ovunque, all'interno del corpo e della mente, in un dormitorio, vaga di stanza in stanza, di strada in... Leggere il seguito

    Da  Occhio Sulle Espressioni
    CINEMA
  • Il rimorchione

    Un uomo sulla quarantina si aggira in libreria, occhi profondi, alto, elegante, gran fisico. Prende un libro e si siede, ogni volta che passo accanto a lui per... Leggere il seguito

    Da  Cronachedallalibreria
    CULTURA, LIBRI
  • Il Nondimenticoalfabeto

    Nondimenticoalfabeto

    Pubblicità Questo spazio permette al sito di continuare ad offrire in modo gratuito tutti i suoi contenuti! La fiaba Domenica 30 Marzo 2014 22:16 Scritto da... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • "il vincitore"

    vincitore"

    In pillole, i 13 libri di Zacharia Sitchin Anunnaki: Coloro che dal cielo scesero sulla terra Un piacevole racconto sugli Anunnaki (gli antichi dèi scesi dal... Leggere il seguito

    Da  Dariosumer
    OPINIONI, SCIENZE
  • Il calapranzi

    calapranzi

    Dal 4 aprile 2014 al Teatro del Canovaccio IL CALAPRANZI di Harold Pinter con Cosimo Coltraro ed Emanuele Puglia REGIA Nicola Alberto Orofino ASSISTENTI ALLA... Leggere il seguito

    Da  Etnangeniousa
    INFORMAZIONE REGIONALE
  • Il regista!

    regista!

    Il regista occulto di questo film “La petite Patrie” (ce ne è uno vero in uscita dal titolo medesimo, ma in italiano: “Piccola Patria”, di Alessandro Rossetto... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Il Kamut

    Kamut

    E' un cereale molto antico, veniva coltivato nella valle del Nilo già 5000 anni fa. La sua sembianza è uguale a quella del grano, con la diversità che i... Leggere il seguito

    Da  Cristina Aloisi
    DIARIO PERSONALE, TALENTI