Magazine Cultura

36. Amore e morte

Creato il 09 marzo 2011 da Fabry2010
36. Amore e morte

da qui

Cambiare le carte in tavola comincia a dare a Cesare una soddisfazione singolare; è convinto che nessuno avrà modo di opporsi alle incursioni nel romanzo: Cavedagna, impegnato su più fronti, non sarà mai sicuro se il suo testo sia stato ritoccato. Analizzando le mail scambiate con Teodora, li trova indecisi sul futuro di Vangelis: come rimetterlo in azione dopo aver sparato a Brice Cento? E’ in uno stato mentale disturbato; non resta che seguirne la deriva e farlo imbattere in qualche altro passo falso: arrivare, per esempio, in stato di semi-incoscienza fino al viale degli olmi, dove Viola e Medardo danno sfogo alla loro passione irrefrenabile. La vista annebbiata gli impedisce di distinguere tra le foglie accartocciate sull’asfalto, l’erba umidiccia del tardo pomeriggio e i tronchi posti a guardia degli amanti, avvinghiati in un cespuglio poco distante dalla strada. Simone barcolla, si appoggia a un lampione ottocentesco che pare comprendere il suo stato d’animo precario, perché gli porge un punto fermo nella girandola febbrile di sensazioni contrastanti. Sta per perdere la presa quando avverte un ansimare non lontano dalla sua posizione vacillante. Desideroso di distrarsi dal gesto inconsulto appena consumato, si avvicina circospetto alla fonte sonora, nota un muoversi frenetico di foglie, un agitarsi di tutta la natura, umana e vegetale, un’esplosione di colori e rumori che finisce col confonderlo, anzi, lo irrita, lo esaspera, al punto da estrarre la pistola e accostarsi minaccioso, con l’idea di porre fine a quel trambusto che gli ricorda il subbuglio provato mentre Brice Cento se ne andava, voltandogli le spalle: pensava di cavarsela, dopo aver restituito la pistola, provocandolo al punto da ignorare la sua rabbia, gli ideali contraddetti, la frattura insanabile fra lo scritto sempre uguale, le righe nere inalterabili e la vita piena di sorprese, come l’arma di Vangelis puntata in direzione del cespuglio in tumulto, il terremoto di foglie e rami secchi, il caos in cui si annulla ogni confine tra umano e vegetale, amore e morte.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Chris Salvatore, ed è subito amore

    Chris Salvatore, subito amore

    Stamattina mi sono alzato scoglionato, sono sceso per prendere la colazione e, mentre rientravo, sono scivolato goffamente. Mi sono ritrovato in posa “tuca tuca... Leggere il seguito

    Da  Larvotto
    CULTURA, MONDO LGBTQ, MUSICA, POP / ROCK
  • Scrivere amore

    Scrivere amore

    con lettere piccolee un poco sbiaditecome chi ancora non lascial'inutile esilio dei sentimentima quanto è difficilerestarne avvinghiatisenza avere paura. Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Recensione del film Amore 14

    Recensione film Amore

    Carolina, una ragazza di 14 anni, icontra Massi in un negozio di cd. Basta uno sguardo ed è colpo di fulmine. All’uscita lui le regala il cd di James Blunt, il... Leggere il seguito

    Da  Sky9085
    CINEMA, CULTURA
  • Lotta e amore

    Lotta amore

    BICEFALO - Vuoto o con il cervello? E... il cuore? L’altra sera, attraversando le strade di Alessandria nella nebbia, mi sono venuti incontro i grandi occhi... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Amore e cavalli

    Amore cavalli

    L'avevo promessa tempo fa ad una fedele lettrice del blog (si Francirisio parlo di te) e finalmente eccola qui, una lista di libri d'amore, dove i cavalli... Leggere il seguito

    Da  Weirde
    CULTURA, LIBRI
  • Going the distance = Amore a millemiglia

    Going distance Amore millemiglia

    Si tratta di una commedia americana costruita secondo una formula ormai piuttosto consolidata e direi tendenzialmente vincente: colonna sonora accattivante e be... Leggere il seguito

    Da  Lo Sciame Inquieto
    CINEMA, CULTURA
  • Perdere la testa per amore d'un libro

    Perdere testa amore d'un libro

    Di Silvia Mango Elizabeth, amore mio Ognuno ha la sua storia d’amore, una storia fatta di carta e intinta di inchiostro. Conosco una donna, non più giovane e... Leggere il seguito

    Da  Sulromanzo
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI

Magazine