Magazine Cultura

72. Il nostro posto

Creato il 17 luglio 2011 da Fabry2010
72. Il nostro posto

da qui

Siedono in silenzio, guardando ognuno avanti a sé. Yehochoua vede i tre quadri dei profeti, avvolti come in una nebbia; Myriam scruta l’albero che stende i rami rinsecchiti al di là della finestra; Chochana fissa il vaso di fiori nella nicchia; Matityahou, col suo sorriso fisso, è l’unico che cerca gli occhi del suo dirimpettaio:
- Un bell’impiccio: la morte di Nathane ci costringe a riflettere sull’opportunità di continuare a sfidare tutto e tutti.
- Se la morte dovesse fermarci, sarebbe bastata quella di Yoh’anan.
Nello sguardo di Yehochoua c’è una luce strana: come un tramonto che manda raggi intorno, contrastato da branchi di nuvole olivastre.
Chochana ha la testa reclinata, rivolta verso terra:
- Perché ci vogliono ammazzare?
Sotto il tramonto si stende la città, annunciata dal campanile della chiesa, un dito sollevato contro il cielo.
Myriam ha la faccia tirata per la veglia:
- E’ gente diversa, con ragioni diverse. L’unica certezza è che il messaggio dà fastidio.
La cupola d’oro cerca di competere col sole, ma è un pallido riflesso.
- Nathane è morto pronunciando la parola ringraziare.
Le mura s’illudono di proteggere ogni cosa: la cupola, il sole, i raggi lanciati in mezzo a un cielo che comincia ad appannarsi.
- E’ difficile ringraziare con una pallottola nel cuore.
Tra il cielo e le mura, le case si accucciano in cerca di riposo.
- L’eco del grazie non si perde con l’ultimo respiro, Matityahou.
La mano cerca la mano dell’amata.
- Comincio a chiedermi se ci sia qualcosa, dopo l’ultimo respiro.
Come una nuvola morbida appesa sul tramonto.
- Ricordi, Chochana, come sei scampata alla violenza?
Il desiderio diventa raggio luminoso che penetra il cielo di velluto.
- Ma Nathane e Yoh’anan sono morti.
Tutto parte dall’esplosione gialla del sole.
- Le loro parole, i loro gesti, sono entrati più a fondo nella storia.
Che cambia il colore delle case, delle mura, della moschea di Omar.
- E chi ha vissuto senza incidere su nulla, passando come la scia sull’acqua, la brina sull’erba nelle prime ore del mattino?
E penetra nei vicoli bui, nelle stanze più nascoste.
- La vita è un messaggio di cui prendiamo coscienza a poco a poco, Matityahou. Bisogna attendere che un raggio lo illumini, fosse anche al tramonto, perché possiamo finalmente leggerlo, e consegnarlo a chi sta prendendo il nostro posto.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Festival

    Festival

    Con sessantuno edizioni a quest’anno, Sanremo può essere considerato il Festival per eccellenza. Odiato da molti, atteso da pochi altri, continua a far... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Il fio

    Dammi spazio di vita, dammi, o Giove, molti anni, questo con la faccia normale e tranquilla, questo solo tu preghi di ottenere anche quando sei pallido in volto... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • Il grinta

    grinta

    Il nuovo caplavoro dei fratelli Coen non è come si può pensare il remake dello storico filom con John Wayne ma bensì la seconda trasposizione su pellicola del... Leggere il seguito

    Da  Mokujanji
    ANIMAZIONE, CINEMA, CULTURA
  • Il Grinta

    Grinta

    Il Western è sempre stato il genere in assoluto più impermeabile a vere o presunte opere di rinnovamento. Il canone linguistico del cinema western, con il suo... Leggere il seguito

    Da  Pickpocket83
    CINEMA, CULTURA, WESTERN
  • Il trasparente

    trasparente

    Uno che finge, come un commediante, che finge una parte, poniamo di re, mentre è un povero straccione. Che c’è di male in questo? Niente. Dovere! Professione!... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • il grinta

    grinta

    TRUE GRIT (Usa 2010) Il cinema dei fratelli Coen sta all’America tutta (ma in particolare all’America piccola, di provincia) come quello di Martin Scorsese sta ... Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA
  • "Il sostituto"

    sostituto"

    Ciò che propongo nelle prossime righe è per me di estrema importanza, perché racchiude buona parte della mia vita, almeno 43 anni, dagli 8 ai 51. Ovviamente... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA

Magazine