Magazine Attualità

A fukushima non si riesce a chiudere la fessura del reattore con il cemento. si prova con i polimeri

Creato il 05 aprile 2011 da Madyur

Police help remove debris

Dove il cemento non è riuscito a evitare che l'acqua altamente radioattiva si versi in mare, potrebbe riuscirci un polimero assorbente miscelato con segatura e giornale tagliuzzato che si espande di 50 volte quando è a contatto con l'acqua.

Anche se i funzionari hanno ammesso che il polimero ha un impatto minore , si attenderà UN PO’ prima di decidere se abbandonarla. "Speravamo che i polimeri funzionano come i pannolini, ma dobbiamo ancora vedere un effetto visibile", ha detto Hidehiko Nishiyama, portavoce per l'agenzia di sicurezza nucleare del Giappone.

Funzionari hanno avvertito che la crisi nucleare potrebbe trascinarsi per mesi. Goshi Hosono, un collaboratore del primo ministro, Naoto Kan, ha detto tutto il possibile era stato fatto per contenere le perdite, che hanno contaminato l'ambiente e il cibo e l'acqua . Richieste evacuazioni di massa.

Alla domanda quanto tempo ci sarebbe voluto per portare i reattori surriscaldamento sotto controllo, Goshi Hosono ha detto: "Penso alcuni mesi ." Il periodo di tempo ha fatto eco Nishiyama, che ha detto:. "Ci vorrà un paio di mesi fino a quando finalmente le cose siano sotto controllo ed avere un idea migliore per il futuro Saremo di fronte a una svolta cruciale nei prossimi mesi, ma che non è la fine. "

L'ammissione che non c'è ancora fine per il peggior incidente nucleare del mondo dopo Chernobyl è venuto dopo il recupero dei due corpi all'interno dello stabilimento, il personale è stato ucciso quando è stato colpito dal maremoto del 11 marzo. Dopo quasi tre settimane di radiazioni, dovevano essere decontaminati prima di essere consegnata ai parenti. Kazhiko Kokubo, 24, e Yoshiki Terashima, 21 anni, morti per ferite alla testa multipli. Loro sono stati i primi morti confermati presso l'impianto di Daiichi.

"Abbiamo dolore per noi che abbiamo perso questi due giovani operai, che stavano cercando di proteggere la centrale elettrica durante il terremoto e lo tsunami", ha detto Tsunehisa Katsumata, il presidente della Tokyo Electric Power [TEPCO]

Il lavoro dei 600 lavoratori, truppe e vigili del fuoco presso l'impianto è stato sottolineato durante il fine settimana dalla scoperta di una crepa 20 centimetri in una fossa cementata collegato a reattore n. 2.

Gli esperti dicono che al di là della prossimità dell'impianto, vi è il minimo rischio per la salute umana in altre parti del Giappone o d'oltremare. Dopo aver fallito per sigillare la fessura , i lavoratori hanno cercato di utilizzare il mix di polimeri per chiuderlo.

Acqua altamente radioattiva ha invaso il seminterrato del n. 2 del reattore . Nella loro battaglia per raffreddare i reattori surriscaldato e scongiurare il crollo pericoloso di barre di combustibile altamente radioattiva, i lavoratori hanno irrorato reattori con enormi quantità di acqua di mare. Il deflusso contaminato, tuttavia, ha impedito a tecnici e ingegneri di avvicinarsi ai reattori per fare le riparazioni corrette.

L'acqua dolce è pompata in reattori n. 1, 2 e 3 con alimentazione esterna, Nishiyama ha detto, aggiungendo che gli altri tre reattori sono stati considerati stabili.

Più di 12.000 persone sono noti per essere morti nel terremoto e lo tsunami, mentre 15.472 sono dispersi , secondo la polizia. Più di 163.000 persone vivono ancora in rifugi di evacuazione.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog