Magazine Scienze

Al via Diversamente Speleo Umbria 2014

Creato il 07 giugno 2014 da Andrea Scatolini @SCINTILENA

Diversamente Speleo Umbria 2014

E’ tutto pronto per la giornata Diversamente Speleo Umbria 2014 di domenica 8 giugno 2014; una giornata che vede impegnati 13 disabili provenienti da ogni parte dell’Umbria con i loro familiari nella traversata, non turistica, della Grotta della Condotta ai Campacci di Marmore.

Ci sará la speleologia umbra ad accompagnarli, insieme ad altri amici speleologi provenienti da molte regioni italiane.

TERNI – Una ventina di disabili provenienti da tutta l’Umbria saranno accompagnati nella Grotta della Condotta per godere di una giornata diversa, sportiva, emozionante e gioiosa.
L’appuntamento è per domenica 8 giugno, alle 9, al Belvedere superiore della Cascata delle Marmore, con la manifestazione “Diversamente Speleo Umbria”, organizzata grazie alla collaborazione di tutta la realtà speleologica regionale.
Sarà allestito un campo con tendoni, punto ristoro per i disabili e loro familiari e sarà presente un presidio sanitario. Questa passeggiata speleologica diversa sarà possibile grazie all’ausilio del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, della Protezione Civile, dell’appoggio dei Gruppi Speleologici da tutta l’Umbria ed in particolare dei due gruppi CAI di Perugia e Terni. Saranno presenti molti volontari speleologi in arrivo anche da fuori regione,: da Forlì, dalle Marche, dal Lazio, dalla Campania, dalla Liguria, dal Friuli e dal Veneto.

L’evento, nato quasi per caso due anni fa, sta diventando un appuntamento nazionale con diramazioni regionali e per l’Umbria è stato possibile non solo grazie agli speleologi che hanno sposato questo progetto ma anche grazie all’apporto di altre organizzazioni che si sono aggregate operando per la buona riuscita della giornata: l’Associazione Stefano Zavka, l’Associazione La Scintilena, le Cooperative Sociali Dinamica e Filottete di Foligno, la Federazione Umbra Gruppi Speleologici e la Società Speleologica Italiana, che patrocinerà l’evento.

La giornata Diversamente Speleo nasce da lontano, parte dall’idea che le grotte possono essere visitate da chiunque, perché basta lo spirito giusto e la voglia di fare, per andare. Cosí tanto da lontano che é difficile, impossibile dare una paternitá all’idea.
Gli speleologi da sempre vanno in grotta e da sempre portano con loro amici e conoscenti, e da sempre anche disabili.
Cosí Diversamente Speleo concretizza una idea di fratellanza e alti ideali che ci accomuna in una grande famiglia speleo, e una giornata cosí mi da l’idea del coronamento di una staffetta partita anni e anni fa in maniera spontanea in qualche grotta italiana, come scoprimmo al Raduno di Casola dove raccogliemmo molte testimonianze degli anni passati, da Bassano, Pordenone, e tanti altri luoghi d’Italia, nel 2008 sappiamo dell’Argod di Puglia, poi l’idea cresce a Forlì con i nostri amici Giulio e Giotto e finalmente arriva Diversamente Speleo 2012 a Bellegra (RM) e 2013 a Frasassi con la partecipazione di speleologi provenienti da 8 regioni, ma ormai il seme era gettato, e in poco meno di un anno l’idea diventa virale e rimbalza, si rigenera e rinasce ovunque: Napoli, Perugia, Catania, Puglia, fino a fare fatica a trovare un calendario condiviso, iniziative spontanee, slanci e cadute su una strada tutta da inventare e tutta da scoprire.

Dopo Marmore di domani, ci sará Narni Sotterranea e Catania il 15 giugno, Napoli il 22, Bellegra il 29, Buso della Rana il 6 luglio, e sappiamo giá che non ci fermiamo più, abbiamo richieste da grotte turistiche, dagli speleologi liguri, da altri disabili che per altri impegni salteranno queste date programmate, e la risposta è sempre la stessa: ‘state tranquilli, ci andiamo insieme, fateci organizzare in tempo perché ci vuole l’organizzazione e poi ci andiamo’.

E sull’organizzazione concludo, con i ringraziamenti a quanti stanno facendo tutto questo gratis, senza visibilitá, senza bisogno di altro se non il piacere di fare qualcosa di buono.
Sapevo giá che i gruppi CAI di Terni e Perugia fossero macchine da guerra, che il Soccorso fosse molto di piú di quello che sembra, che ci fossero tanti speleologi, singoli e associati, che hanno un cuore molto piú grande delle loro braccia, ma questa volta sono rimasto stupefatto di quale forza siamo in grado di esprimere, noi, Speleologi.
Grazie!
www.diversamentespeleo.org


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :