Magazine Diario personale

Ammalata e mamma=disastro!

Da Rachele Kaelle
Ok mi sto riprendendo dall'influenza. Io, quella che credeva di averla scampata, che si sentiva forte e sana, ci sto impiegando giornate a riprendermi. Ammalata e mamma=disastro!
Ho passato un giorno intero a letto grazie a mia mamma che è corsa in mio soccorso. E gli altri a ciondolarmi tra divano e terrazzo a prendere un po' di aria pulita e per far giocare Pietro. Lui arzillo e voglioso della mia attenzione mi teneva particolarmente sveglia e attiva e ammetto di aver sognato di essere a letto nella mia stanzetta, della casa dei miei, sola. Io e la mia influenza e stop. Forse erano vere allucinazioniComunque poi ritornavo alla realtà, e lui veniva a servirmi il caffè in un'amabile tazzina verde acido, di plastica e minuscola e anche se in condizioni pietose, con una forza minore a quella di un bradipo e la sola voglia di dormire capivo che stare li non era male. Nonostante tutto. Poi, tu mamma, alzi lo sguardo e torni immediatammente a chiudere gli occhi e a cercare di nuovo l'allucinazione di prima perchè la tua casa è un casino. Il sole di quei giorni ha asciugato il bucato, tutto...anche quello ancora da lavare. E la montagna di cose da stirare tuo marito l'ha stipata dentro l'armadio, per nasconderla forse. -devo ricordarmi di non aprirlo con Pietro vicino, potrebbe rischiare di essere sotterrato dai panni- Tuo figlio ancora non ha capito che prima di prendere un nuovo gioco bisogna riporre l'altro (Perchè lo capirà vero????), e tu, stando seduta sul divano tra una tisana calda e una spruzzata di spay per la gola per alleviare il dolore, non ci stai dietro a sistemare. Per metterti maggiormente in difficoltà, perchè solo le cose elencate prima sono sciocchezzuole, a tuo figlio spunta una congiuntivite batterica, da trattare con collirio e garze sterili disinfettanti. Due operazioni che tuo figlio si rifiuta categoricamente di lasciarsi fare. Avevate dubbi? Tra urla e contorsioni devi riuscire a farlo, comunque. E anche se tu hai la gola in fiamme, la testa pesante e zero forze= nessun senso dell'appetito...i tuoi uomini devono pur mangiare, e anche dover decidere cosa far da mangiare diventa faticosissimo. E lui, l'uomo grande, è incasinatissimo al lavoro quindi rientra tardi. Quindi tocca a te! Insomma gli ultimi tre giorni non sono stati facili. Per fortuna oggi è sabato e il weekend, si sa, aiuta sempre. Voi che esperienze avete delle vostre influenze da mamme?Dovrebbe essere vietato per natura ammalarsi se si è mamme! Influenza 1- Rà 0

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog