Magazine Società

Ancora sul Maxxi

Creato il 16 settembre 2010 da Leragazze

Ancora sul MaxxiVolevo aggiungere un commento al post di Laura, ma poi mi son lasciata prendere la mano e quindi…

Bello, davvero bello, soprattutto il contenitore. Esperienza nuova per noi romani, raramente coinvolti in eventi di questo tipo. (A proposito, mi chiedo come mai tanta enfasi quando è stato il momento di pubblicizzare l’Auditorium di Renzo Piano e tanto silenzio per accompagnare l’inaugurazione del Maxxi; per i non romani: in qualsiasi parte di Roma vi troviate c’è un cartello che indica come arrivare all’Auditorium!).

Il contenuto, non essendo io un’esperta d’arte, tantomeno di quella contemporanea, mi ha comunque divertito; ma soprattutto mi ha stimolato una serie di domande, di interrogativi e di perplessità, e già questo lo considero un successo, un risultato.

Uno di questi ve lo sottopongo: perché l’artista contemporaneo ha bisogno dello spettatore per completare la sua opera? In molti casi lo spettatore diventa parte integrante dell’opera, viene coinvolto al suo interno; anzi, come dice lo stesso De Dominicis: “E’ il pubblico che si espone all’arte e non viceversa”.

Questa tendenza mi ha suscitato una sorta di parallelismo con quanto sta avvenendo nella vita di tutti i giorni, forse anche a causa di un uso molto spinto della tecnologia. Pensiamo per esempio a quando sul palmare, attraverso una qualsiasi applicazione di mapping, spingiamo il bottone “locate me”: vediamo un piccolo punto sullo schermo con intorno il posto in cui ci troviamo: quello siamo noi. E se ci spostiamo, quel punto si muove con noi. Fino a qualche anno fa si poteva giusto entrare in un negozio e chiedere la mappa della città,  con segnati i luoghi di interesse, ma noi non c’eravamo su quella mappa.

Una cosa simile avviene anche in altre situazioni, soprattutto nell’ambito delle nuove generazioni. Quando gli adolescenti accedono a Internet per leggere le notizie, non vanno sui siti dei giornali o su stazioni televisive, piuttosto preferiscono Facebook, dove la notizia è ciò che è rilevante per l’individuo, quelle che Facebook chiama le “News Feed” e che sono costruite e personalizzate sulla base delle preferenze, dei gusti, delle tendenze che ogni utente può esprimere nel suo profilo.

La generazione di Internet è alla ricerca di esperienze personalizzate: dagli abiti che compra, al locale da frequentare, alle fiction da vedere in TV.

A questo proposito, è uscito proprio in questi giorni negli Stati Uniti un libro molto interessante:”I live in the future & here’s how it works”, che analizza l’impatto della tecnologia sulle nostre vite.

Tornando all’interrogativo iniziale dunque, forse la tendenza che ho riscontrato nell’osservare le opere del Maxxi non è che una delle tante espressioni della cultura che stiamo vivendo e che effettivamente tende a portare l’individuo al centro delle esperienze che viviamo quotidianamente.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ancora discariche!

    Ancora discariche!

    Quella che vedete nelle tre fotografie qui sopra è la prima mini discarica: E' facilmente visibile dal treno della linea Roma-Nettuno, altrimenti ci si deve... Leggere il seguito

    Da  Degradoapriliano
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Fukushima: ancora scenari

    Fukushima: ancora scenari

    Altre due esplosioni provocate da fughe di idrogeno nel reattore 3 della centrale nucleare di Fukushima, anche se le autorità affermano che le possibilità di un... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • E' ancora 11

    ancora

    Ancora una volta, nel disastro, esce lui: il numero 11. Sembra che porti solo morte e devastazione, ed è così da diversi anni ormai. L'11 è il numero del... Leggere il seguito

    Da  Jele
    SOCIETÀ
  • Ancora Q

    Ancora

    Un altro problema sui quadrati.Con i pezzi riportati nell'immagine, ricomporre una figura che delimiti un'area di forma quadrata.Vedo due soluzioni,... Leggere il seguito

    Da  Tanks
    SCIENZE ESATTE
  • Ancora tante vite

    Ancora tante vite

    Insomma, ce l'ho in testa da tutto il giorno, qualsiasi cosa io faccia ci penso. Penso a come cammino, a come mi muovo, a come mangio, a cosa sento, provo,... Leggere il seguito

    Da  Dimasi
    DIARIO PERSONALE
  • Ancora?

    Ancora?

    Leggo oggi del progetto 2011 del PD. L’idea è quella di individuare dieci parole, dieci temi su cui lavorare per creare un’alternativa di governo. Ancora? Ma no... Leggere il seguito

    Da  Paz83
    POLITICA ITALIA
  • Ancora ombrelli – More umbrellas

    Ancora ombrelli More umbrellas

    Il maltempo continua. Ed io lo accompagno con i miei ombrelli. English The bad weather continues. I follow it with my umbrellas. Leggere il seguito

    Da  Photogeisha
    FOTOGRAFIA, LIFESTYLE