Magazine Società

Andare via

Creato il 15 ottobre 2010 da Fabio1983
Ho spesso esternato una certa invidia per il mio amico Andrea (chi non ha un amico che si chiama Andrea?) che da circa un anno vive a Edimburgo e certe cose, tutte nostrane, non le deve più vedere. È lo stesso concetto espresso in maniera più efficace da Lorenzo Cairoli, alle prese con il suo giro del mondo. Però le notizie arrivano, anche a sette ore di fuso orario o a tre di volo. Così, in due righe, l’amico Andrea scriveva su Facebook qualche giorno fa: “...Romani, oggi mi avete fatto vergognare...”. Il riferimento è all’aggressione avvenuta la scorsa settimana alla stazione Anagnina, con la donna a terra nell’indifferenza dei passanti. Cairoli va oltre, paragonando Roma a Caracas.
E non parlo del pugno – sappiamo benissimo che piaga sia la violenza sulle donne in America Latina – ma dell’indifferenza della gente, dell’inazione dei passanti che aggirano, scavalcano, eludono quel corpo quasi fosse un manichino, senza nessuna pietà, senza nessun soprassalto collettivo contro ciò che avviene sotto i loro occhi. In quei tre minuti di video è andata in scena l’Italia che anziché soccorrere si volta dall’altra parte. Coscienza, etica, senso civico, solidarietà, questo paese li ha respinti da tempo. Stanno su qualche gommone, a un milione di chilometri dai nostri cuori.

Tutto ciò è triste. Perché ricordo che all’indomani del terremoto in Abruzzo venne non poco elogiato il popolo italiano, pronto alla solidarietà e al soccorso nei confronti dei bisognosi. Però la solidarietà si esprime bene a distanza, meno quando c’è da agire nell’immediato. E ci si vergogna della gente, dei nostri concittadini quando non prestano soccorso a una persona a terra. Non soltanto a sette ore di fuso orario o a tre di volo, ma pure a mezz’ora di metropolitana. “Io lì non c’ero”, si pensa per lo più. Chi c’era, invece, è passato avanti. Qualcuno sinceramente ignaro, qualcun altro facendo finta di niente. È l’egoismo del momento che si trasforma nell’indignazione a posteriori.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Voglia di andare al mare

    Alla presentazione del dossier sull’Affaire Mont Blanc, oltre alle interessanti informazioni che l’Associazione Libero Pensiero ci ha presentato al riguardo,... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Costretti ad andare in Turchia per salvare il proprio figlio

    Il Resto del Carlino - 4 luglio 2010La legge italiana non consente la diagnosi genetica preimpianto. Due coniugi reggiani hanno dovuto sottoporsi a una lunga... Leggere il seguito

    Da  Fabiobrescia
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Andare al lavoro, che gioia

    Per l’amor del cielo, questi son studiosi ed io rispetto il pensiero altrui. Ma ammetto di essere adesso felice di godermi tranquillamente e totalmente il mio... Leggere il seguito

    Da  Babilonia
    SOCIETÀ
  • Voglio andare ad Alghero

    Stamattina, mentre stavo facendo le pulizie nella mia casetta in montagna, in radio stavano dando questa canzone e pure io mi sono messa a zompettare a... Leggere il seguito

    Da  Vidi
    SOCIETÀ
  • Perchè la Lega vuole andare al voto?

    Perchè Lega vuole andare voto?

    Quanta enfasi da parte della Lega per andare presto al voto. Quanta enfasi nel difendere il “porcellum”, questa ignobile legge elettorale che condanna l’Italia ... Leggere il seguito

    Da  Laperonza
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La scuola riparte, ma per andare dove?

    scuola riparte, andare dove?

    La  scuola ricomincia,  ripartiamo dunque dalla scuola. La  realtà scolastica  che vivo e conosco  non è tra le più  problematiche;  personalmente posso dire  d... Leggere il seguito

    Da  Dallomoantonella
    SCUOLA, SOCIETÀ
  • Non sapere dove andare

    Ignoranza, arroganza e protervia. C’è gente che rischia di non avere più una casa perchè non riesce a pagare le rate del mutuo, c’è gente che la casa non l’ha... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ