Magazine Cinema

Another year

Creato il 02 febbraio 2011 da Taxi Drivers @TaxiDriversRoma

primo-piano-di-lesley-manville-dal-film-another-year-191993

Dopo Segreti e bugie (1996) e Il segreto di Vera Drake (2004), Mike Leigh torna con un film amaro, in cui sotto i riflettori sono poste le solitudini insuperabili di alcuni personaggi non più giovani, le cui esistenze paiono volgere inesorabilmente al tramonto.

Gerri e Tom (Ruth Sheen e Jim Broadment), la felice coppia intorno a cui girano le vite spezzate di Mary (Lesley Manville) e Ken (Peter Wight), coltivano, seguendo scrupolosamente l’alternarsi delle stagioni, un piccolo orto, e la loro relazione, gestita con altrettanta dedizione, resiste alla caducità dei rapporti in cui invece sono avviluppati gli sfortunati amici.

La perseveranza, l’adesione alla naturalezza dello scorrere del tempo, il ritorno alla terra -  baluardo salvifico in un mondo che precipita – sono gli ingredienti della ricetta etica che Leigh ci somministra in più di due ore di visione, tradendo una certa acquiescenza senile. Ci fa piacere che il regista sessantottenne abbia trovato il giusto equilibrio, quello del senno di poi, che permette di assaporare la dolcezza dell’ordinario, ma è troppo facile sedersi su uno scranno, osservando, sostanzialmente imperturbati, e forse vagamente compiaciuti, la disgregazione del mondo. Cercare di analizzare il precariato esistenziale contemporaneo comporta la necessità di elaborare nuove strategie, e arroccarsi su un passato edenico, definitivamente smarrito, si rivela un’operazione reazionaria, miope, narcisistica.

La sequenza finale, in cui la macchina da presa indugia sullo sguardo impietrito di Mary, una donna sfiorita, smarrita, sofferente, rivela un’impotenza che irrita, perché denuncia l’irredimibilità di un’esistenza, consegnandola definitivamente alle fiamme dell’inferno. È un’immagine, questa, che rievoca le insopportabili pagine di Cuore di Edmondo de Amicis, dove il povero Franti, colpevole solo di non riuscire a contenere un surplus d’energia vitale, veniva sistematicamente esposto al pubblico ludibrio, messo alla gogna, schernito senza sosta, e poi definitivamente condannato alla rieducazione di un carcere minorile. Quest’etica del ‘buon padre di famiglia’ è davvero becera, oltre che anacronistica. Oggi la sfida della soggettività si gioca negli spazi sconnessi della metropoli, laddove la cooperazione e la circolazione delle conoscenze, degli affetti, della creatività, scandiscono una temporalità nuova, tutta da interpretare. L’adagio famigliare, o coniugale, ha ceduto il passo ad inediti orizzonti relazionali, e dover assistere ancora alla messa in scena dell’inferno della singletudine è davvero nauseante.

Consigliamo a Mike Leigh di aggiornarsi un po’, sempre che non sia troppo occupato con i barbecue nel giardino stra-curato del suo cottage.

Luca Biscontini


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Another Year

    Mike LeighCostruire un film sullo svolgimento delle stagioni vuol dire mettere a confronto due temporalità differenti – la salda continuità del tempo cronologic... Leggere il seguito

    Da  Giorgioplacereani
    CINEMA, CULTURA
  • Review 2011 - Another Year

    Nella vita, il confronto è un elemento importante. E confrontarsi con gli elogi ricevuti in modo unanime o quasi da critica e pubblico verso quest'opera di... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Another Year

    Another Year

    Il nuovo film di Mike Leigh dimostra ancora una volta, come se vi fossero dubbi in merito, come il regista inglese sia un ottimo scrittore di cinema nonché... Leggere il seguito

    Da  Sostiene Pereira...
    CINEMA, CULTURA
  • Another Year ...

    Another Year

    Another Year Mike Leigh 2010 Questo film mi ha sorpreso per l'intensità e la bravura di Lesley Manville (Mary), straordinaria. Uno spaccato di vita, che ormai... Leggere il seguito

    Da  Tano61
    CINEMA, CULTURA
  • Trespass - not another Street Art's book

    Trespass another Street Art's book

    In recent years street art has grown bolder, more ornate, more sophisticated and—in many cases—more acceptable. Yet unsanctioned public art remains the problem... Leggere il seguito

    Da  Darioujetto
    ARTE, CULTURA
  • Another Brick in the Wall - il film

    Se pensate che soltanto in Italia si facciano film intitolati come canzoni, dalla Gran Bretagna arriva la smentita. Andy Harries, produttore del bel The Queen,... Leggere il seguito

    Da  Shabo
    CINEMA
  • SMASH "Another Love EP"

    SMASH "Another Love

    I simpatici Smash nel momento del loro "massimo splendore". Gustoso Ep che raccoglie anche il loro aspetto live. (1995 Virgin)- Another Love (bobb it mix)- Peta... Leggere il seguito

    Da  Martelloide
    CULTURA, MUSICA