Magazine Politica

Berlusconi, la luna e il Pd

Creato il 29 novembre 2012 da Albertocapece

Berlusconi, la luna e il PdPoco più di un anno fa Berlusconi era ancora il padrone del Paese dopo un ventennio nel quale lo aveva dominato, corrotto e strizzato come un limone: aveva fans disposti a chiudere occhi e orecchie e ogni altro tipo di pertugio pur di osannarlo. Oggi il povero cavaliere disperato presenta addirittura sette simboli di un fantomatico partito succedaneo del Pdl,sbattendo come una farfalla contro la lampadina: davvero un tramonto patetico, visibile del resto su un volto di pietra, reso immobile dal botulino, non più immagine di una giovinezza artificiale, ma di una vecchiaia innaturale.

E tuttavia questo crollo, anzi questi schianto quasi improvviso tra l’uomo delle provvidenze e un popolo, quello disposto fino a ieri a giurare sulle nipoti di Mubarak e sulla cura della cancro, non può essere preso solo come argomento di cronache salaci o rancorose o pietose. Impone delle domande. Così come in fisica, anche nelle società ci sono grandezze che si conservano e l’energia che manca da una parte la si ritrova in un altra. Se la terra rallenta la sua rotazione per effetto delle maree, questa diminuzione di momento angolare viene compensata con l’allontanamento progressivo della luna. Per uscire dalle similitudini, se Berlusconi cade dall’empireo del 42% a qualche rimasuglio, dove è andato a finire il suo momento angolare, ossia il berlusconismo?

Non c’è bisogno di cercare lontano: si è spalmato su tutto l’arco politico, opposizione compresa, che infatti, disarcionato il cavaliere, si è appassionatamente lanciata ad appoggiare senza se e senza ma proprio quel mercatismo e liberismo di cui Silvio era il portatore. Approvando persino ignobili pasticci commessi da tecnici spesso incompetenti, ma sempre eterodiretti. Ed è proprio per questo che oggi ci troviamo di fronte a primarie del Pd nelle quali si scontrano un vecchio apparato residuale, spogliato dalle sue idealità e  un fresco padroncino delle ferriere appoggiato dai centri finanziari. Due che di fronte alle drammatiche cifre che sono lo specchio del Paese non hanno avuto il coraggio di affrontare un solo argomento, rifugiandosi nell’aria fritta. Il fatto che il Pd facesse opposizione a Berlusconi ci ha nascosto la sua mutazione e convinto che fosse ancora un partito di centro sinistra. Un equivoco in cui sono caduti parecchi, anche fra gli intellettuali con il crampo dello scrivano a forza di firmare appelli. In realtà come si è visto ieri nell’ultimo confronto le differenze reali fra i due candidati sono più di tono che di sostanza, anche se una vittoria di Renzi farebbe cadere definitivamente ogni equivoco.

Intendiamoci non è che sia sparito il popolo di sinistra è solo che grazie allo schiacciasassi mediatico, continua a guardare un ologramma o se vogliamo una favola, alla quale Vendola con la sua sciagurata scelta, ha fornito un alibi e una abdicazione morbida. Forse hanno giocato anche problemi personali e una certa urgenza di trasferirsi a Roma. In ogni caso bisogna vedere adesso se il momento angolare di questo popolo si scaricherà man mano sulla piazza o sulla costruzione di un nuovo soggetto politico dove la parola sinistra non sia solo una cartolina ricordo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Assemblea Pd, ammazzate oh

    Assemblea ammazzate

    “Se usciamo bene da questa vicenda a noi non ci ammazza più nessuno”, così dice Bersani col giusto orgoglio di chi voleva un partito come una bocciofila e quant... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Sp_trend: pd 26,3% m5s 18,7% pd 16,4%

    Sp_trend: 26,3% 18,7% 16,4%

    Seconda puntata di SP Trend. Questa settimana abbiamo ultimato il lavoro, estendendo il database fino ad a settembre 2011. Invito quindi a prendere con le... Leggere il seguito

    Da  Andl
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Primarie PD 2012

    Primarie 2012

    Si sono concluse le primarie 2012 del PD per scegliere il candidato premier tra Pierluigi Bersani, Matteo Renzi, Nichi Vendola, Laura Puppato, Bruno Tabacci. Leggere il seguito

    Da  Lateatnight
    POLITICA, SOCIETÀ
  • La rinascita di Berlusconi? Chiedete al Pd e a Monti

    rinascita Berlusconi? Chiedete Monti

    Peccato che Bersani e il gruppo dirigente del Pd non leggano il Washington Post o i paper del Fmi e preferiscano rilasciare interviste ginocchioni al Wall Stree... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    POLITICA, SOCIETÀ
  • I creativi del PD

    creativi

    Se nel Partito Democratico la creatività politica (in termini di idee, prospettive, proposte coraggiose, scelte nette, intenti dichiarati e realizzati) si... Leggere il seguito

    Da  Kisciotte
    INTERNET, MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, POLITICA, SOCIETÀ
  • Berlusconi, il PD e l'Europa

    Berlusconi, l'Europa

    Vignetta realizzata da Luca Peruzzi https://www.facebook.com/photo.php?fbid=4957538869297 set=t.1504905141 type=3 theater Berlusconi è un personaggio... Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Se torna Berlusconi la colpa è del PD

    torna Berlusconi colpa

    Vignetta di Luca Peruzzi https://www.facebook.com/photo.php?fbid=4969857257249 set=pb.1623769210.-2207520000.1359939973 type=3 theater La ricetta elettorale di... Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ

Magazines