Magazine Diario personale

Canzoni alla Radio

Da Gloutchov
La radio fa parte della vita di tutti quanti noi. Ognuno di noi ha la sua frequenza preferita. C'è chi segue i dj da una frequenza all'altra, c'è invece chi si sintonizza la prima volta, e poi non cambia più stazione per il resto della sua vita. Io, con la radio, ho sempre avuto una relazione piuttosto complicata. La preferisco alla musica "registrata", la voce dei dj mi fa compagnia, così come le loro chiacchiere, sempre che non diventino troppo ingombranti, ovvero sbilanciate rispetto ai contenuti musicali. Però non sopporto le pubblicità. Se ce ne sono troppe, mollo il colpo e cerco un altro canale. Il mio metro di misura, oggi, è la distanza casa-lavoro. Il tempo di percorrenza è di circa 30 minuti. Vi giuro che su certe stazioni radio, in quei trenta minuti, ho ascoltato solo due brani... e il resto era una carrellata infinita di spot pubblicitari, 5 minuti di giornale orario, l'oroscopo, qualche chiacchiera di dj... troppo poca musica!
Ma torniamo indietro nel tempo... tutto ha avuto inizio quando ebbi il mio primo stereo, forse un po' tardi rispetto alla media dei ragazzi della mia età. Prima di esso avevo ascoltato la radio solo da mio nonno, che la teneva sempre sintonizzata su Radio Rai, per sentire i giornali orari... mentre la tv rimaneva quasi sempre spenta (l'accendevo io, nei pomeriggi dal nonno, per vedere Goldrake! E forse loro la tenevano solo per questo motivo... chissà!). Dunque, prima superiore, primo stereo. 
La prima radio è stata Radio Tombo. Radio locale (oggi credo che non esista più), trasmetteva musica h24, con pochissime interruzioni, poca pubblicità, e rari interventi dei dj. La domenica ero solito registrare il loro programma pomeridiano... che proprio trasmetteva solo musica, senza pubblicità, con solo qualche jingle che ricordava che radio fosse. In cantina ho ancora tutte le cassette di quelle trasmissioni... peccato che non abbia più un lettore di cassette per ascoltarle, sarebbero un bel revival. E' grazie a Radio Tombo che ho scoperto i Queen... Friend will be friend veniva trasmessa parecchie volte al giorno... e mi piaceva davvero tanto.
Passa qualche anno, la macchina, il lavoro. Il mio primo lavoro era in Via Mazzini. Dovevo prendere la tangenziale. La radio era costantemente sintonizzata su Malvisi Network. Una radio che trasmetteva direttamente da un mobilificio romagnolo, se non sbaglio. Facevano buona musica, e la dj aveva una voce magnetica... davvero incantevole. C'era pubblicità, ma non troppa, per lo più si "allargavano" a parlare dei loro mobili, e delle loro offerte. Sul lavoro la radio era sintonizzata su Radio DJ... erano i tempi in cui Fiorello faceva il dj... non era ancora passato in tv con il karaoke... e c'era da ridere ad ascoltare il suo programma.
Malvisi Network scompare nella nebbia... e appare Radio Bruno. Peccato che non si riceva bene ovunque. Fanno bella musica, i dj si alternano tra quelli più seri, a quelli scherzosi. Però c'è troppa pubblicità.
Nel frattempo cambio lavoro. In mezzo c'è stato un anno di militare. Non ricordo cosa ascoltassi in quel periodo. Per cui... nuovo lavoro, nuove radio. In ufficio prende solo Onda Radio Emilia Romagna. E' l'unica che riusciamo a ricevere, per cui ci va bene. Non è neppure malaccio, se non fosse che, alla lunga, le canzoni messe in onda son sempre le stesse, e così cominciamo a scommettere sui brani che sarebbero passati da lì a cinque minuti. In auto circola la musica di RTL. Alla sera c'è Nicoletta. La mattina ci sono una coppia di dj, che parlano di attualità, mettono musica, e il giornale orario. Però anche la pubblicità è tanta...
Cambio di ufficio. Niente più radio. In auto, invece, Radio Bruno torna in auge. Si inserisce anche RMC, anche se ogni tanto si riceve solo fruscio.
Oggi... oggi c'è Virgin Radio. Ora che esiste, mi chiedo come abbia fatto a fare senza sino a oggi.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • "Radio."

    "Radio."

    Fuori piove ed i vetri di casa grondano.Piove a vento.Mi domanda il senso del mondo, della vita.Io non sono in grado di dargli una risposta. Leggere il seguito

    Da  Astronautaperduto
    TALENTI
  • Ponte radio

    Il cellulare suona alle due di un pigro e raffreddato pomeriggio, che la ‘povna trascorre suo malgrado e per precauzione (visto che la aspettano una serie di... Leggere il seguito

    Da  Povna
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, SCUOLA
  • Giocare alla radio

    Giocare alla radio

    La squadra di “Sanremo Gran Casinò” è ormai al duro lavoro per preparare il debutto di Sabato 21 Gennaio. Ci sono dettagli tecnici dal mettere a punto, liste... Leggere il seguito

    Da  Danielevecchiotti
    CULTURA, TALENTI
  • GELOSIA: Poesie e canzoni

    GELOSIA: Poesie canzoni

    DA "OTELLO"- Shakespeare -,Vi prego,Quando narrerete questitragici avvenimenti,parlate di me quale io sono;non attenuate nulla,non scrivete nulla per malizia. Leggere il seguito

    Da  Colorefiore
    PER LEI, RACCONTI, TALENTI
  • My radio my love

    radio love

    Eh, si, oggi compi 30 anni e mi sembra brutto far passare questa giornata senza farti gli auguri, anche perchè fai parte della mia vita come tante altre persone. Leggere il seguito

    Da  Laconiglia
    TALENTI
  • Canzoni per una Domenica felice

    Bellissimo weekend per me, all'insegna del dormire, andare al cinema al pomeriggio (visto 50/50 e pianto come una fontana), mangiare gelati,incontrarsi con le... Leggere il seguito

    Da  Rockandfiocc
    DIARIO PERSONALE
  • Le mie venti canzoni italiane per Lozirion.

    venti canzoni italiane Lozirion.

    Il nostro amico Lozirion (che io chiamo Lozy) ha indetto qualche giorno fa una "gara" (non so bene come chiamarle queste inziative galattiche che mette in... Leggere il seguito

    Da  Pa1978
    DIARIO PERSONALE