Magazine Diario personale

Carrozzeria in metallo e custodia in plastica dura

Da Spiaggepiubelle

Oggi ho voglia di scrivere.

E qui siamo a posto.

Pur essendo un mio pensiero uso il plurale perché avendo più neuroni (e smentiamo clamorosamente la barzelletta del neurone solitario dell’uomo!!) che lavorano contemporaneamente, i pensieri si accavallano in continuazione.

E’ uno dei miei (innumerevoli) difetti.

Quando per esempio mi fanno una domanda, dalla bocca non esce il pensiero elaborato.

Macchè.

Come fosse un organo autonomo, indipendente, il mio cervello assorbe già la risposta non detta, prevede in anticipo la domanda che l’interlocutore potrebbe fare dopo la mia ipotetica risposta, e la bocca diffonde le parole in risposta alla immaginaria seconda domanda che l’interlocutore non ha ancora formulato!!!!!!

Capito?

Roba da neuro, da psicofarmaci pesanti, da ricovero immediato nella più vicina struttura psichiatrica.

Questo per me è sempre stato fonte di figuracce imbarazzanti.

La gente mi guarda spesso stranita!

Mi succede di continuo. Anche quando sono da solo. Anche adesso che scrivo.

Infatti dopo avere scritto la prima riga di questo post, i miei neuroni adibiti alle reminiscenze si sono messi al lavoro ed hanno riesumato antichi sapori sopiti di fanciullo.

E quello che volevo scrivere si è perso “come lacrime nella pioggia“ (a chi scopre la famosissima citazione cinematografica vince una tigella con prosciutto e pecorino).

E mi è invece venuto in mente che da bambino, sotto l’influenza dei libri di Giulio Verne (ebbene sì, pensavo fosse italiano), “ Ventimila leghe sotto i mari”, “Il giro del mondo in 80 giorni” , “L’isola misteriosa” solo per citare i più famosi, sognavo di diventare anch’io scrittore.

Il mio primo racconto lo scrissi alle elementari. Con la penna bic!!! Di colore nero.

Era basato su un personaggio che altro non era che un patetico emulo del capitano Nemo.

Lo corredai anche di alcuni disegni raffiguranti pesci fantastici ed altre amenità.

Vabbè, meglio tralasciare.

Dopo aver visto il risultato finale, non rimasi soddisfatto, e capii che dovevo alzare lo standard qualitativo!

Ma in che modo ?

Elucubrai quindi per vari giorni, ponderai bene le varie alternative, esaminai ben bene la mia vena creativa, e, trovando tutto a posto, pervenni finalmente alla decisione finale.

Mi serviva una macchina da scrivere portatile, con carrozzeria in metallo e custodia in plastica dura!!!

Una figata!

Carrozzeria in metallo e custodia in plastica dura

C.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Vorrei vederti morto!

    Vorrei vederti morto!

    Come tutti i giorni Diego, finito il turno di lavoro, alle sei tornò a casa. Quasi con monotonia si tolse il cappotto e lo appese all’attaccapanni, andò... Leggere il seguito

    Da  Andrea Venturotti
    RACCONTI, TALENTI
  • Pagine di smeraldo

    Pagine smeraldo

    Eccoci giunti al nostro consueto appuntamento settimanale con la mia storia costruita su cinque parole datemi da una persona sconosciuta. In questo caso, una... Leggere il seguito

    Da  Andrea Venturotti
    RACCONTI, TALENTI
  • Sala d’aspetto

    Sala d’aspetto

    Ansia. Mi guardo attorno e vedo solo ansia. Tensione. Preoccupazione. Sudorazione. Sono in una maledetta sala d’aspetto. Penso che non esista altro luogo... Leggere il seguito

    Da  Andrea Venturotti
    RACCONTI, TALENTI
  • Arte, artisti, premi, beffe: ma c’è un limite?

    Arte, artisti, premi, beffe: limite?

    L’Arte, questa benedetta amata-odiata-bistrattata arte. Usata in ogni dove, come condimento ad ogni pietanza, capro espiatorio per ogni fatto, colpa e fortuna... Leggere il seguito

    Da  Chiara Lorenzetti
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Come cucire una mini pochette da jeans

    Come cucire mini pochette jeans

    Read this post in: EnglishOggi per la serie Cucicucicoo’s Eco Crafters and Sewers, abbiamo la fantastica Laura di Le Pecionate! Leggere il seguito

    Da  Cucicucicoo
    BAMBINI, DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Storie di vita di una ventenne

    Storie vita ventenne

    Aspettavo di incontrare J (che sta per Julia, ma solo sua mamma la chiama così), la nostra vicina ventidueenne che di mestiere fa la meccanica di motociclette... Leggere il seguito

    Da  Marina Viola
    DIARIO PERSONALE, PER LEI

Dossier Paperblog