Magazine Società

Che confusione!

Creato il 03 aprile 2010 da Mcg
Che confusione!
Il tentativo di celare la propria identità di carnefice e passare per vittima, sta mandando la Chiesa in totale confusione. La sorprendente trovata del predicatore Cantalamessa ha dell'incredibile come del resto sono incredibili, nel senso proprio di "non credibili" le scuse avanzate subito dopo da un sempre più affannato portavoce del Vaticano Padre Lombardi.Il Predicatore cappuccino, sceglie in linea con il vittimismo degli ultimi giorni, di leggere durante l'omelia una lettera speditagli da un amico ebreo citando testualmente:
Sto seguendo con disgusto l'attacco violento e concentrico contro la Chiesa, il Papa e tutti i fedeli da parte del mondo intero. L'uso dello stereotipo, il passaggio dalla responsabilità e colpa personale a quella collettiva mi ricordano gli aspetti più vergognosi dell'antisemitismo.
L'accostamento tra gli attacchi "subiti" dalla Chiesa e l'antisemitismo non è stata, per usare un eufemismo una scelta felice, anzi se dovessi dare una definizione si tratta di un iperbole disgustosa, soprattutto se si parte dal presupposto che i primi antisemiti della storia sono stati gli stessi cristiani, il cui atteggiamento nella biminellaria storia è cambiato solo nell'ultimo secolo. Poco importa se a scriverlo sia stato un Ebreo: a strumentalizzarlo è stato un predicatore, il quale dubito fortemente abbia potuto decidere da solo il testo dell'omelia. E ovvio che la responsabilità è da imputare anche ad altri, checché ne dica in seguito il portavoce padre Lombardi, che scaricando il Vaticano di ogni (sic) responsabilità  afferma che: 
Avvicinare gli attacchi al Papa per lo scandalo pedofilia all'antisemitismo non è la linea seguita dalla Santa Sede Padre Cantalamessa ha solo voluto rendere nota la solidarietà al Pontefice espressa da un ebreo alla luce della particolare esperienza di dolore subita dal suo popolo. Ma è stata una citazione che poteva dare adito a malintesi.
Se non è la linea, chi ha dato l'avallo per leggere una lettera formalmente destinata al Papa? 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Roberto Saviano a Che tempo che fa

    A Che tempo che fa Roberto Saviano nel suo racconto intervista ha parlato delle elezioni, del rapporto mafia politica, del dovere della parola, di... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Ma che paese è...

    Ma che paese è quello in cui il capo del governo si informa se è indagato o no? Ma che paese è quello in cui un negoziante mette dei soldatini di stampo... Leggere il seguito

    Da  Paolob
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Lasciate che i bambini...

    "Aprile è il più crudele dei mesi".Malgrado la suggestione letteraria, o proprio per seguirla, vorrei lasciare una riflessione, fatta con le parole di un... Leggere il seguito

    Da  Desian
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Altro che pillola

    In una farmacia di Roma: "Siamo cattolici, non vendiamo preservativi". Link Sono indeciso tra questi commenti e nel dubbio li sottopongo alla vostra cortese... Leggere il seguito

    Da  Piesio
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • 52/2009 – Decennio che viene, decennio che va

    52/2009 Decennio viene, decennio

    La morte di Neda Salehi Agha-Soltan (persiano: ندا آقاسلطان, Teheran, 1982 - 20 giugno 2009) è avvenuta durante le proteste seguite alle elezioni presidenziali... Leggere il seguito

    Da  L'Incertain Regard
    SOCIETÀ
  • Diffidate delle maestre che...

    Diffidate delle maestre che...

    In questo periodo sto lavorando in una scuola d'infanzia speciale, con un compito speciale.Vi lascio qualche pensiero che è maturato in me grazie ha queste... Leggere il seguito

    Da  Mammolina
    BAMBINI, FAMIGLIA, SCUOLA, SOCIETÀ
  • Hallal, che passione!

    Hallal, passione!

    Lo confesso, adoro le macellerie hallal. Mi piace l’atmosfera allegra, la gente che parla forte in arabo, le foto della Mecca, gli azulejos sulle pareti, la... Leggere il seguito

    Da  Dragor
    RELIGIONE, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine