Magazine Cultura

Ciao, tornerò

Creato il 20 luglio 2012 da Cultura Salentina
noce

Alfred Sisley, “Alberi di noce al tramonto” (olio su tela, fine ’800)

(Dedicato a R. – M. – G. – F.)

Il sorriso degli amici, le allegre serate, la terra rossa, i muretti a secco, le distese di ulivi, la voce della vicina, i ritmi dello scorrere quotidiano.

Il lavoro che manca, il cliente che non paga, le notti insonni, l’avvocato che non conclude, l’auto da pagare, la casa da finire, i figli da crescere, i sacrifici della moglie – madre – amica – confidente – chioccia – lavoratrice sotto pagata. Quadrare i conti di fine mese, affidarsi a qualcuno per ricevere aiuto mettendo sotto i piedi la dignità del suo essere lavoratore instancabile e poi, guardare in faccia quei figli ai quali speri di lasciar qualcosa, garantire un futuro, educarli alla dignità del sacrificio e della ricompensa.

Più di quarant’anni volati via come quel pugno di polvere rossastra che il vento ora gli soffiava via dalla mano e, assieme, la sua voglia di resistere per tirare a campare. Quante volte all’ombra di quell’albero di noce, piantato da suo padre – u Cola – nella campagna di Pulisano, Ninì aveva ritrovato la calma e la forza per rialzare lo sguardo con la speranza che le cose si sarebbero raddrizzate: “chiusa na’ porta se apre nu’ purtune”, aveva sempre ripetuto. Questa volta, però, quella tenacia non c’era e lui sapeva che era andata via assieme alla sua serenità. Con una sigaretta accesa e con lo sguardo fisso verso la nicchiarica de lu Moru, dove ogni tanto con Antonuccio aveva raccolto i cardunceddhi, Ninì osservava le splendide cutare bianche baciate dal sole e lì, nel fondo Tamburrinu, quella vecchia pajara diroccata e stretta nell’abbraccio di enormi scracie che ogni volta sembrava dire: “non farti morire come me …”.

E lui non volle morire …

Salutò tutti gli amici tranne quelli che veramente amava perché troppo doloroso sentirsi dire “ciao”, prese la sua famiglia e caricò l’auto di scatole e valige ma prima di partire tornò da quel vecchio albero di noce, respirò a pieni polmoni e gli sussurrò: “Tornerò … sì, tornerò!”.

Andò via quand’era ancora buio per sfruttare le ore più fresche dell’estate salentina che avanzava, diceva, ma in verità il buio lo preferì per non vedere il paese che si allontanava e poter così piangere di nascosto e tanto amaramente come solo un emigrante sa fare.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ciao Lucio!

    Ciao Lucio!

    No, non credo che scriverò la  sua biografia. Tutta la rete lo ha già fatto . Io voglio ricordare Lucio Dalla come il giorno che l’ho seguito in TV mentre... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Ciao Lucio....

    Ciao Lucio....

    Non vi ammorberò con un trattato su quanto Lucio sia stato importante per la musica italiana, su quanto fosse generoso e tutto il resto, il mio è solo un piccol... Leggere il seguito

    Da  Lozirion
    CULTURA, MUSICA
  • “Ciao Elve!”: laboratori e incontri per l’8 marzo

    “Ciao Elve!”: laboratori incontri marzo

    Dall’8 al 10 marzo, in occasione del ventennale della scomparsa, Novara dedica una serie di incontri e laboratori alla scrittrice Elve Fortis de Hieronymis:una... Leggere il seguito

    Da  Alfa
    CULTURA
  • Ciao Lucio

    Ciao Lucio

    a cura di Iannozzi GiuseppeCiao Lucio, dal comune di BolognaFrancesco De Gregori, amico fraterno di Lucio Dalla, si chiude in un dolorosissimo silenzio:... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA
  • Ciao Lucio Dalla

    Strana sorte quella di Lucio Dalla, che oggi avrebbe compiuto 69 anni ed invece gli viene celebrato il funerale. Si sa che i grandi sono persone speciali, vi... Leggere il seguito

    Da  Jagming
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • Ciao Lucio!

    Ciao Lucio!

    Oggi mi prendo questo spazio, lo faccio mio e per una volta non vi parlo di libri o editoria, ma non potevo, oggi, non scrivere due parole su Lucio Dalla. Leggere il seguito

    Da  Nicky
    CULTURA, LIBRI
  • Ciao Fakhra...

    Ciao Fakhra...

    Fakhra Younas era una scrittrice pakistana, autrice del libro intitolato "Il volto cancellato" che narra la storia di una donna sfigurata dal marito con l'acido... Leggere il seguito

    Da  Bookland
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazine