Magazine Cultura

“Città ribelli” di David Harvey

Creato il 12 settembre 2013 da Sulromanzo
Autore: Alessandro PuglisiGio, 12/09/2013 - 11:30

Città ribelliIl volume di David Harvey, Città ribelli. I movimenti urbani dalla Comune di Parigi a Occupy Wall Street, è un testo, prima di ogni altra cosa, lucido e sincero. E non è pregio da poco, per un saggio, che esce nel nostro Paese per i tipi di IlSaggiatore, nella collana La Cultura, con la traduzione di Francesca De Chiara, e si propone come una riflessione eclettica e stimolante. Per di più, considerando l’estrema attualità presa in esame, anche se non solo quella, tanto più si verifica l’aderenza al tempo presente del saggio di Harvey.

E, del resto, anche solo a scorrere con rapidità la bibliografia in italiano dell’autore, si ritrovano titoli eloquenti, da La crisi della modernità a Breve storia del neoliberismo, da L’esperienza del capitale a L’enigma del capitale e il prezzo della sua sopravvivenza. Harvey, geografo di formazione ma, più ancora, storico, sociologo e politologo di vocazione, è considerato lo studioso che, negli ultimi anni, più e meglio di altri ha saputo riprendere in mano, con onestà e accortezza, le tesi marxiste classiche, evidenziandone limiti e mancanze, sottolineandone punti di forza, e applicandole a una nuova critica al capitalismo globale e al neoliberismo. In questo senso, Città ribelli è un esempio quasi paradigmatico del pensiero di Harvey. L’idea di fondo è molto semplice, quasi elementare: bisogna partire da un nome, e da un anno. Il nome è quello, celebre, di Henri Lefebvre, e l’anno è il 1967, con l’uscita del primo volume dell’opera Il diritto alla città.

Ma cosa è il diritto alla città? Un «tipo di diritto collettivo», di certo, ma non basta, poiché è necessario capire cosa è davvero la città, e come formalizzare i processi, le direttrici che informano questa entità, così familiare alle nostre concezioni, eppure, a volte, tanto “aliena”. Dunque Harvey chiama in causa Robert Park, sociologo urbano, che definisce la città come «il tentativo più coerente e nel complesso più riuscito da parte dell’uomo di plasmare il mondo in cui vive in funzione dei propri desideri».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitter, Google+, Issuu e Pinterest]

David Harvey
Con questa acquisizione alle spalle, sebbene ancora attualissima, è possibile mettere in piedi il secondo, e ultimo, e più importante, pilastro che è alla base della riflessione di David Harvey. Se la città è uno strumento per impiegare (in parte) il plusvalore generato dal sistema capitalistico per sua natura, sembra lampante come l’urbanizzazione, nelle sue varie espressioni e nella sua capacità, più o meno pronunciata, di rappresentare uno spazio confortevole, abitabile, “positivo” dal punto di vista esistenziale, ricopra in questo modo un ruolo centrale nell’assetto economico e geopolitico. Tanto più che vengono tirate in ballo due figure, Georges-Eugène Haussmann e Robert Moses, genii, a loro modo, che, in luoghi e tempi diversi, hanno contributo con forza alla trasformazione urbana di due città come Parigi e New York. E basterebbe solo citare, en passant, la vicenda dei famigerati “ponti di Moses”, che non permettevano agli autobus di passarvi, per renderci conto di come la geografia, l’architettura, l’urbanistica, non siano scevre da considerazioni sulla socialità e sull’interclassismo.

E, in fin dei conti, risiede proprio in ciò la gustosità del saggio di Harvey, che ricostruisce e riflette allo stesso tempo, partendo da lontano, senza dubbio, e utilizzando qualche categoria che è necessario padroneggiare per comprendere il senso generale dell’operazione critica, ma riuscendo in scioltezza a condurre una sorta di storia, seppure anomala, dei reclami manifestati in giro per il mondo, sul diritto a “riavere” indietro gli spazi delle città.

In questa prospettiva, delle due grandi sezioni in cui il volume è suddiviso, la seconda, che dà anche il titolo al saggio, la fa da padrone e dimostra, e crediamo ce ne sia ancora bisogno, che sul terreno delle rivendicazioni, Marx, Occupy, anticapitalismo. liberismo, lotta di classe urbana, no-global, si incontrano, e scontrano, anche se spesso senza la piena consapevolezza, “storica” diremmo, che questo stia accadendo.

Media: Scegli un punteggio12345 Nessun voto finora

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • David Murphy – 911

    David Murphy

    Titolo: David Murphy – 911 Autore: Roberto Recchioni e Matteo Cremona Editore: Panini Comics Trama: “Se qualcosa può andare storto, lo farà”. Prima legge di... Leggere il seguito

    Da  Enzo Milano
    CULTURA, LIBRI
  • David Green dirige Lore

    David Green dirige Lore

    The Hollywood Reporter informa che il regista David Green dirigerà l’adattamento per il grande schermo di Lore,graphic novel della IDW di Ashley Wood e T.P. Leggere il seguito

    Da  Lospaziobianco.it
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • BUON COMPLEANNO MALCOLM - David Whitehouse

    BUON COMPLEANNO MALCOLM David Whitehouse

    Capitano a tutti, ogni tanto, quelle mattine in cui non si ha voglia di alzarsi dal letto, in cui si vorrebbe rimanere sotto le coperte per sempre, per non dove... Leggere il seguito

    Da  Lalettricerampante
    CULTURA, LIBRI
  • David Foster Wallace Legacy

    David Foster Wallace Legacy

    MARINDA Pulp libri, ottobre 2008 Cosa rimane di un genio suicida? Dedicato a David Foster Wallace a 5 anni dalla sua morte. Avete mai pensato quanti... Leggere il seguito

    Da  Lundici
    CULTURA, LIBRI
  • David foster wallace

    David foster wallace

    Il 12 settembre 2008 moriva lo scrittore statunitense David Foster Wallace (nato il 21 febbraio 1962), autore di opere importanti come “La scopa del sistema“,... Leggere il seguito

    Da  Letteratitudine
    CULTURA, LIBRI
  • Echi mortali – David Koepp

    Echi mortali David Koepp

    27 settembre 2013 Lascia un commento Tanto piaciuto il libro, tanto buono il ricordo del film, tanto il tempo che non lo vedevo e come non rispondere all’orda d... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Cosmopolis – David Cronenberg

    Cosmopolis David Cronenberg

    16 ottobre 2013 Lascia un commento In merito a "Cosmopolis" di DeLillo, terminai scrivendo "ottimo per Cronenberg". Ebbene eccoci al dunque. Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI