Magazine Diario personale

Combattimento che sarà | Niente vincitori ne vinti

Da Galadriel
Abbiamo avuto modo di vedere in maniera succinta in questi due post, come è nata, cresciuta e come si è sviluppata la disciplina del combattimento nella sua forma più antica, la Lotta. Lotta che ha avuto modo di evolversi sotto vari aspetti: sportivo, militare, disciplinare. Ma come pensate che sia il combattimento nel futuro?
Dal punto di vista sportivo, non credo che si possa avere ulteriori sviluppi, in quanto che le tecniche di base, e tutto ciò che concerne hanno ben poco da migliorare. Purtroppo non può dirsi altrettanto del combattimento inteso come forma di Lotta militare. La guerra ahimè non smetterà mai di esserci: questa purtroppo è l’ineluttabile constatazione che possiamo fare, dopo circa un secolo in cui è stato fatto tutto ed il contrario di tutto.

Combattimento che sarà | Niente vincitori ne vinti

Ne vincitori ne vinti


Se è vero che i mutamenti storici sono sempre avvenuti per causa o comunque sia al termine di un conflitto su larga scala, è pur vero che a partire dalla Seconda guerra mondiale è venuto alla luce un mondo gradatamente meno propenso alla guerra, sia perché grandi motivi di scontro paiono essersi allontanate dalla scena mondiale, sia perché l’insieme delle conoscenze che si è avuto modo di archiviare sulla natura dell’uomo (pur nel dubbio del ruolo che ciascuna delle variabili emozionali o inconsapevoli può realmente esercitare sulle decisioni politiche) lascia aperte possibilità infinite che in realtà soltanto le relazioni internazionali, intese come il luogo in cui si possano esattamente processare tutte le informazioni provenienti dai diversi ambiti rilevanti, capaci di analizzare.
Una quantità di scritti infiniti ha dato adito a discussioni negli ultimi anni questi dubbi e ha prevalentemente riconosciuto l’eccezionale tasso d’innovazione cui la guerra sarebbe andata incontro. Ma è pressochè impossibile dare un’impostazione metodologicamente esatta a questa tematica se non si prendono le mosse dal nesso fondamentale che esiste tra la guerra e la politica che la conforma, non solo nel classico e fondamentale senso che a ciò diede il generale e teorico militare Carl von Clausewitz (1780-1831) ai suoi tempi, ma anche inquadrando la guerra tra le varie manifestazioni cui la vita politica internazionale dà, di volta in volta, origine.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Niente panico

    Niente panico

    Capitolo primo di un romanzo non pubblicato di Juan A. Teiera  Matteo Telara Il Jimmy Roger Market Shop è una catena di fast food che si distende in genere... Leggere il seguito

    Da  Matteotelara
    DIARIO PERSONALE, LIBRI, TALENTI
  • Non è niente male essere concreti

    La passione per la scrittura che non sia capace anche di rendersi carnale, pesante e reale come… la realtà, è solo un venticello. E come si fa a passare dalla... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI
  • Niente rose, per Hermosa

    Niente rose, Hermosa

    Raramente mi piacciono i prodotti che profumano di rosa. Il che è una maledizione perchè invece, assieme alla vaniglia- che pure mi piace pochissimo, è un... Leggere il seguito

    Da  Hermosa
    DIARIO PERSONALE, PER LEI
  • Poche foto. Niente deliri

    Poche foto. Niente deliri

    E come promesso arriva una piccola fetta della Parigi che ho esplorato. E poi basta, perchè mi sembra più utile parlare d'altro, immaginare nuovi progetti,... Leggere il seguito

    Da  Nonchiamatemiborgia
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, UNIVERSITÀ
  • Niente che il fritto non possa guarire

    Niente fritto possa guarire

    Nonostante sia venerdì pomeriggio, il sole splenda alto in cielo e la radio abbia da poco trasmesso un brano che mi ha rallegrata a sufficienza, sento il bisogn... Leggere il seguito

    Da  Annagiulia
    CULTURA, DIARIO PERSONALE
  • tutta fumo e niente arrosto

    tutta fumo niente arrosto

    Parole come “sapere” e “saper fare” vi sanno di stantio? Il miglioramento continuo, le lacune da colmare, la quotidiana lotta contro i limiti personali vi paion... Leggere il seguito

    Da  Gynepraio
    OPINIONI, TALENTI
  • Non hai mai capito niente – Detriti

    capito niente Detriti

    Questo racconto, del quale pubblico un frammento, è stato il primo che ho scritto, di quella raccolta che poi è diventata: “Non hai mai capito niente”. Ma non... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, TALENTI

Dossier Paperblog