Magazine Talenti

Come i fiori

Da Laconiglia
Cade la neve da un cielo grigio sporco e io la osservo da questo buco scuro in cui mi sento chiusa, dove parquet e termosifoni non bastano a nascondermi dal mondo.
Osservo la neve che scende leggera e copre questa terra scura e sterile, questi poveri oggetti che sanno d'estate, copre il mio cuore dolorante e che pulsa per i suoi battiti stanchi. È caldo e dolente e questi grani freddi lo coprono e gli danno il sollievo dell'insensibilità. Ma dura così poco. Il suo calore scioglie subito questi fiocchi ciechi, che non riescono a nascondere le ferite, si bagnano di rosso sangue e scorrono via assieme, in un fiume sporco in cui immergo le mani per sporcarmi il viso.
Nemmeno una lacrima scende a pulirlo.
Nemmeno una lacrima. Porto sotto il seno singhiozzi rotti che non arrivano alla gola.
Vorrei abbandonarli tra la neve e fuggire, vorrei che questo dolore uscisse tutto, mi prosciugasse e mi lasciasse abbandonata su questo tappeto di neve fresca.
Ogni parola, ogni gesto, ogni pensiero è così sbagliato ora.
Dammi solo una coperta per nascondere il mio corpo nudo dall'inquisizione di mille occhi che stanno ad osservarmi.
Dammi la forza di allontanare queste mani che vogliono tirarmi, vogliono allontanarmi le mani dal petto e vedere questo cuore sanguinante e sporco di neve.
Dammi l'insensibilità verso la sofferenza che causo.
Dammi una corazza che mi protegga da questa mano stretta intorno alla gola. Dalla mia mano che mi stringe e mi condanna ancor prima di quelle degli altri.
Raccoglimi da terra e prenditi cura di questo corpo stanco che si copre di neve. O lasciami qui a soffrire.
La neve mi coprirà e a Maggio rinascerò, come i fiori.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il cuore come pietra miliare

    Sto leggendo Gli insegnamenti di don Juan, scritto da Carlos Castaneda. È il resoconto dell’esperienza del giovane antropologo con il vecchio sciamano yaqui, ch... Leggere il seguito

    Da  Kisciotte
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • come charlie brown

    come charlie brown

    eccomi qua . sono la copia fotostatica-come direbbe il mio prof del liceo- di Charlie Brown. almeno lui aveva Linus e le sue dissertazioni filosofiche! ma... Leggere il seguito

    Da  Leucosia
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Come si cambia

    Come cambia

    Un altro compleanno.Un altro anno che vola via.Un'altra ruga sul viso.Un altro pelo bianco nel pizzetto.Un'altra giornata di lavoro.Niente torta e candeline. Leggere il seguito

    Da  Carlo Deffenu
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • Vaso ming come fermaporta

    Vaso ming come fermaporta

    IGNORANDO CHE SI TRATTASSE DI UN VASO RISALENTE ALLA DINASTIA MING, UNA FAMIGLIA DI LONG ISLAND LO UTILIZZAVA COME FERMAPORTA. Leggere il seguito

    Da  Harpo71
    TALENTI
  • parla come mangi

    parla come mangi

    ecco, gli americani hanno nuovamente scoperto l'acqua calda e ora anche da noi ciò che dovrebbe essere frutto del buon senso e che soprattutto ha già il... Leggere il seguito

    Da  Guchippai
    TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • Apprezzami per come sono

    Apprezzami come sono

    L'essenza della perfetta amicizia sta nel rivelarsi profondamente all'altro, abbandonare ogni riserva e mostrarsi per ciò che si è veramente. Richard Benson ... Leggere il seguito

    Da  Beautysocialnerd
    PER LEI, TALENTI
  • COME CADENTI...Costantino Posa

    COME CADENTI...Costantino Posa

    Le stelle, che forse decoravano la sommità dei miei pensieri,in parte perdute o sostituite dai miei inutili timori,scendono come cadenti tra i sogni travolti e... Leggere il seguito

    Da  Costantino Posa
    POESIE, TALENTI

Magazine