Magazine Cultura

Come si fa la rilettura di un racconto

Da Marcofre

Sottotitolo del post: Secondo me.
Questa è un’immagine della rilettura che sto portando avanti con il racconto breve “Agnese“.

Come si fa la rilettura di un racconto

 

Nel libercolo elettronico che sto preparando, di cui qualcuno conosce persino il titolo (ma probabilmente lo cambierò) ci sarà spazio anche per questa storia, e per alcune di quelle che ho già pubblicato, e rivisto. Oltre ad alcuni racconti nuovi di zecca.
Ma solo adesso ho l’impressione di fare sul serio.

Ricordo che a ogni paragrafo dedico 5 minuti di lettura. L’applicazione è Pages, di cui attivo la funzione a pieno schermo, e tolgo anche l’audio per non essere distratto da suoni quali l’arrivo di posta elettronica. Time Machine, che si occupa del backup, salva su un disco rigido esterno i file nuovi o modificati ogni 60 minuti. Visto che sono paranoico (è meglio esserlo coi computer), i documenti prodotti con Pages sono salvati anche su uno spazio su un server, ogni giorno.

Torniamo alla rilettura però. Leggo, leggo, leggo: bado al ritmo, al suono delle parole, alla coerenza di ciò che ho scritto, a sviste, errori, ripetizioni, segni di interpunzione. Come un ossesso cerco di ripetermi: è chiaro? È efficace? È utile nella costruzione della storia, o è un orpello di cui si può fare a meno? Non si può immaginare cosa salta fuori.

Su un foglio di carta (sì non hai letto male), segno a mano i punti su cui intervenire. Siccome sono una bestia, mi ci vuole un po’ a decifrare i miei scarabocchi, ma alla fine raggiungo l’obiettivo. Poi inserisco i commenti (la colonna gialla a sinistra) per fissare tutto quello da cambiare.

La faccenda come si intuisce è lunga (l’immagine si riferisce a una paginetta solamente), per fortuna dormo poco, di notte o nei ritagli di tempo mi ci posso dedicare. Terminata la fase di rilettura, lascerò trascorrere qualche giorno o settimana ancora per far sì che altre scorie, facciano la loro apparizione. A quel punto, la riscrittura.

Tutto questo per consegnare ai lettori qualcosa di interessante, efficace, di valore. Che qualcuno incroci le dita per me, le mie sono impegnate sulla tastiera…


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Una Mela come una Croce

    Mi sono autoisolato, autopunito, autodisinformato, per non cadere nel vortice rabbioso. Un po’ di stressante lavoro, dosi di affetto,libri, pratiche sportive... Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI
  • Come produrre ebook – il corso

    Per chi abita a Roma, e ha intenzione di imparare a produrre ebook, il 23 marzo prenderà il via un corso organizzato da BookRepublic. Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Cazzuti come i Draghi, fessi come Spugne.

    Cazzuti come Draghi, fessi Spugne.

    Non so il perché di questo titolo, però è una frase che, a modo suo, spiega molte cose. E' il solito periodo di dubbi, di incertezze, di " ma domani che lavoro... Leggere il seguito

    Da  Robbertopoli
    ARTE, CULTURA, DISEGNI, FUMETTI E VIGNETTE, TALENTI
  • Esser protagonisti come...Marionette!!!

    Esser protagonisti come...Marionette!!!

    Riverbero di idiozia in questa grande nostalgia, appoggiati sui gomiti a rimirar il vuoto. E' facile rimaner attaccati alla zizza della madre, a gustar il... Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI
  • Come scrivere dialoghi efficaci

    Inizio subito con lo scrivere che tanto per cambiare non ci sono regole. Non puoi credere davvero che basti trovarlo scritto da qualche parte, per riprodurlo... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • La sopravvivenza come catarsi

    sopravvivenza come catarsi

    Il progetto Survival Blog è oramai decollato, arruolando un bel po' di survivalisti in sole tre settimane dal lancio del progetto (che progetto non doveva... Leggere il seguito

    Da  Mcnab75
    CULTURA, TALENTI
  • Come una spremuta

    Come spremuta

    Di ritorno da un tranquillo weekend di lavoro sono vuoto come un'arancia dopo la spremitura, in questa "vuotitudine" c'è una eco....Il vecchio proverbio ha... Leggere il seguito

    Da  Mark
    CULTURA, TALENTI

Magazines