Magazine Società

Come voglio essere

Creato il 09 marzo 2011 da Lanterna

Come voglio essere

foto:flickr

Ieri abbiamo saputo che una parente di Luca è morta alla bella età di 96 anni. Roba che, se arrivassi a un'età simile in buone condizioni, lascerei detto di fare una festa, altro che funerale.
Mi dispiace, ma non riesco ad essere triste per una persona che è vissuta 96 anni. Non sono così cinica da dire "finalmente", ma mi stringo nelle spalle e dico "vabbe', la sua vita ha avuto il tempo di farsela" (senza contare il sospirino di invidia, perché noi che lavoreremo fino a 65-70-75 anni col cavolo che arriveremo oltre ai 90).
Spesso mi dicono che non sono comprensiva nei confronti degli anziani. Può essere. Io penso di esserlo fin troppo, ovvero di comprendere perfettamente che tanti anziani si comportano in maniere sbagliate perché sanno di essere scusati, tipo "sai, poverino/a, ha un'età".
A questo punto, aspetto ansiosamente il momento in cui passerò da "che stronza" a "sai, poverina, ha un'età". Il fatto è che probabilmente non ci arriverò mai, perché educherò i miei figli (e, spero, i miei nipoti) a rispettare le persone, non la loro età.
Ed, io, che da giovane non sono mai stata uno zuccherino, di certo non diventerò una dolce e saggia nonnina. Anzi, se è vero che somiglio a mia nonna Agnese, spero che i miei figli e nipoti abbiano la forza di contenere il mio potenziale distruttivo.
Però, a differenza di mia nonna Agnese, mi piacerebbe lasciare qualcosa di più che qualche aneddoto sulla mia vita. Dopotutto, di lei so abbastanza poco: so che cosa le è successo, non quello che pensava. So che aveva un padre violento, ma non so se gli voleva bene o se aveva paura di somigliargli. So che da vedova ha avuto una vita dura, ma non so che cosa avrebbe pensato delle nostre lotte per conciliare famiglia e lavoro. È morta troppo presto perché glielo potessi chiedere.
Io vorrei essere forte e speciale come lei, ma più aperta e comunicativa. Vorrei tenermi al passo con le nuove tecnologie, ma non solo in cucina come faceva lei. Vorrei che i miei cari mi trovassero dei difetti, ma vorrei anche riuscire ad accettare le loro critiche e migliorare. Vorrei essere come lei nell'andare al sodo delle situazioni, ma senza dimenticare che anche la forma ha il suo peso. Vorrei che i miei cari sentissero il mio amore non tanto nelle opere (ché comunque 3 armadi di tovaglie sono un po' eccessivi) quanto nel calore dei miei sentimenti (e parlo di sentimenti, non di bieca manipolazione dei sensi di colpa). Vorrei avere la sua passione, ma senza la sua avventatezza (e però mi fa molta tenerezza l'idea che mia nonna fosse ancora avventata a 80 anni). Vorrei che nessuno dei miei cari si sentisse in dovere di giustificarsi per una mia mancanza ("sai, mia nonna devi capirla, ha un'età...").


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • brutto come la morte ma bravo come gesù cristo

    «Posso dirti una cosa?»«Certo»«Penso che io e te si sia arrivati al punto in cui non si può più essere amici»«Si lo stavo pensando anche io! Però aspettavo che... Leggere il seguito

    Da  Pesa
    SOCIETÀ
  • Come tutti dovremmo essere

    Come tutti dovremmo essere

    E’ così che io vedo i veri uomini e le vere donne. Dei grandi lanciatori di coltelli, che conoscono il bersaglio e non tirano a vanvera. Ed io con un’enorme... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    SOCIETÀ
  • Come bambini

    In Italia una delle domande più comuni è stata: ma quando torni per restare? Quando torni. Onestamente, più passavano i giorni e anche io mi chiedevo: quando... Leggere il seguito

    Da  Angi
    SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ
  • Misterbianco come Terzigno

    Misterbianco come Terzigno

    Ecco una foto di Misterbianco tra 2 anni.Ringrazio il mitico Joseph per la segnalazione di questo articolo de ilfattoquotidiano.it, dal simpatico titolo... Leggere il seguito

    Da  Cbm
    SOCIETÀ
  • come tutti gli altri

    borghezio, bossi, calderoli e tutte quelle altre bestie lì possono dormire sonni tranquilli. dall’alto del mio osservatorio privilegiato sull’emigrazione, il 6B... Leggere il seguito

    Da  Luci
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Come illudere noi maschietti.

    Come illudere maschietti.

    Intanto lo so che non si mettono ste cose per andare all'esselunga per fare la spesa.Ma se uno pensa che un completino cosi' lo mette la tipica donna italiana... Leggere il seguito

    Da  Cielosopramilano
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine