Magazine Cinema

Confessions

Creato il 13 maggio 2013 da Giorgioplacereani
Nakashima Tetsuya
Abbiamo conosciuto Nakashima Tetsuya quando il bellissimo Kamikaze Girls (che però non era la sua opera prima) è stato proiettato al Far East Film Festival 2005. Narrava dell'imprevista amicizia fra due ragazze giapponesi diversissime: Ichigo è un maschiaccio motociclista, Momoko una seguace estrema di quella moda fancy, tutta pizzi, merletti, cuffiette, in cui le giovanissime esprimono l'ideale giapponese del kawaii(carino). In seguito nel notevole Memories of Matsuko (Far East Film 2007) dopo l'assassinio di una barbona ex prostituta si ricompongono retrospettivamente i tasselli della sua vita. La fine rivela che a ucciderla senza motivo è stato un branco di ragazzini annoiati. Dopo Paco to maho no ehon, una sorta di fiaba nera, è arrivato lo sconvolgente Confessions. Anch'esso presentato al Far East Film (2011), esce ora nelle sale italiane, distribuito dalla sempre meritoria Tucker Film. E' un film molto più cupo, anche visivamente, rispetto allo stile flamboyantcui ci ha abituati il regista giapponese, ma non è difficile vedervi i tratti tipici di Nakashima: sul piano narrativo, una tendenza a partire da un punto avanzato per “ricostruire” all'indietro la storia; sul piano del contenuto, una visione angosciata della gioventù giapponese e sull'assenza della famiglia (“Addio, inutile padre”, pensa Momoko quando crede di morire all'inizio di Kamikaze Girls).In Confessions la noia spinge due ragazzi del liceo alla crudeltà senza scopo a uccidere una bambina, figlia della loro insegnante. Adolescenti che hanno perso le basi morali minime in una civiltà in caduta libera perché ha spinto il garantismo fino all'autodistruzione: tanto, pensano i due (citando un caso realmente accaduto), i minori non sono legalmente responsabili. Così la madre della bambina assassinata si fa giustizia da sola. In una sequenza a inizio film, potente e claustrofobica, che inizia in tono quasi di comedy ma assume subito un'intollerabile drammaticità, ella confessa in un lungo monologo il suo dramma alla classe indifferente - e approfitta di un'iniziativa di eduzione alimentare, l'offerta di latte agli allievi, per convincere i due assassini di avere contaminato il loro latte col virus dell'AIDS. Scandito in capitoli intitolati “La confessione di...”, il film racconta il processo di autodistruzione dei due colpevoli terrorizzati, passando da un punto di vista all'altro come un Rashomonmorale. Dico morale perché qui la costruzione a tasselli non serve tanto a definire l'accaduto quanto l'universo morale dei vari personaggi: la madre di uno dei due che difende ciecamente il figlio, una fidanzata piena di illusioni romantiche, i due assassini stessi, per i quali si possono evocare i due estremi concomitanti del comportamento nazista: il superomismo nella ferocia del primo, la “banalità del male” nell'acquiescenza del secondo. Confessionsè una impietosa riflessione sul male e la reazione, un impietoso esame della colpa, un Delitto e castigo senza sbocchi. Forse si avverte in alcuni passaggi una certa tendenza alla costruzione dimostrativa; ma non più, diciamo, che ne Il diavolo probabilmente... di Bresson. Nakashima ha il coraggio di porre il tema della giustizia, di veder compiere la vendetta - anche se essa lascerà un sapore di cenere. Così Confessions non è solo un grande film ma uno dei pochi esempi di cinema etico degli ultimi tempi.
* già pubblicato parzialmente suPaper Street (www.paperstreet.it), 2011

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Confessions

    Confessions

    Di confessioni in questo thriller psicologico ve ne sono molte e ognuna ha esiti terribili fino a quella finale. Ma veniamo alla storia. Leggere il seguito

    Da  Ildormiglione
    CINEMA, CULTURA
  • Confessions (2010)

    Confessions (2010)

    Regia: Tetsuya Nakashima Anno: 2010 Titolo originale: Kokuhaku (告白) Voto: 6/10 Pagina di IMDB (7.7) Pagina di I Check Movies Non vado... Leggere il seguito

    Da  Vomitoergorum
    CINEMA, CULTURA
  • Confessions – Esiste un destino peggiore della morte?

    Confessions Esiste destino peggiore della morte?

    USCITA CINEMA: 09/05/2013GENERE: Drammatico, ThrillerREGIA: Tetsuya NakashimaSCENEGGIATURA: Tetsuya NakashimaATTORI: Yoshino Kimura, Yukito Nishii, Kaoru... Leggere il seguito

    Da  Poison78
    CINEMA, CULTURA
  • Confessions

    Confessions

    Anno: 2010Nazionalità: GiapponeDurata: 106’Distribuzione: Tucker FilmGenere: NoirRegia: Nakashima TetsuyaUscita: 9 Maggio 2013 «Intrecciamo, orsù, la danza;per... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Confessions

    Confessions

    Il cinema orientale è sempre una scoperta, almeno per quanto mi riguarda. Sempre bistrattate dal pubblico nostrano, le opere che arrivano dall'Oriente... Leggere il seguito

    Da  Mattia Allegrucci
    CINEMA, CULTURA
  • Confessions

    Confessions

    Giappone 2010 Titolo Originale: Kokuhaku Regia: Tetsuya Nakashima Cast: Takako Matsu, Yukito Nishii, Kaoru Fujiwara, Ai Hashimoto, Mana Ashida, Masaki Okada,... Leggere il seguito

    Da  Shaqino
    CINEMA, CULTURA

Magazines