Magazine Rimedi Naturali

Curarsi con la cicoria selvativa “Cecore reste” (Cichorium intybus L.)

Da Antoniobruno5
Curarsi con la cicoria selvativa “Cecore reste” (Cichorium intybus L.)
Curarsi con la cicoria selvativa “Cecore reste” (Cichorium intybus L.)
di Antonio Bruno*
----------------------------------
Cicoria selvatica oppure nel Salento leccese Cecora resta o ancora Cecureddrhe per l'etnia dell'estremo Sud Salento. Cichorium intybus L. è conosciuta sin dal neolitico, raccolta dalle donne e usata come cibo ma anche come farmaco. Dalla Nuova Zelanda semi da cui si ottengono Cicorie con alto contenuto delle sostanze medicinali.
-----------------------------------
Mia padre la comprava pagandola a caro prezzo e non la chiamava mai singolarmente cicoria selvatica ma al plurale: le cicorie selvatiche (cecore reste). Ricordo invece che mia zia Maria a Chiavenna, in provincia di Sondrio, armata di coltello ne raccoglieva, indisturbata, a borse, le donne della valle le chiedevano perchè mai raccogliesse quell'erba e lei, schiva, diceva che era molto apprezzata dai suoi conigli, anche se, mia zia Maria, non ha mai allevato conigli in vita sua. A Lecce si festeggia ogni anno la sagra di queste piante gustose e selvatiche “ la Sagra della cecora resta” , anche se il mio amico Leonzio in quel di Frigole, le semina e le raccoglie e quindi gli strappa quel selvatico sostituendolo con il coltivato. Gli antichi greci chiamavano la pianta kichora o kichòria, kichòreia, mentre intybus (dal greco entybion) è il nome latino da cui deriva il nostro indivia.
Il nome scientifico della cicoria selvatica è Cichorium intybus L. appartiene alla famiglia delle Asteraceae. È una pianta che non muore mai (perenne), con un apparato radicale grosso e fittonante (come quello della carota) che vive sui terreni di qualunque tipo crescendo anche negli anfratti delle rocce e sulle case se c'è appena, appena un po' di terra. Il fusto può essere prostrato o eretto, ispido, con peli rivolti in basso. Foglie basali pennatopartite o pennatosette, 3-5 x 10-25 cm, con segmenti triangolari acuti, generalmente alterni; foglie cauline lanceolate, sessili e ridotte. Capolini numerosi, di 2-3 cm di diametro, sessili o peduncolati; involucro cilindrico (3 x 11 mm), con squame triangolari, le esterne patenti, le interne lunghe il doppio ed eretto-conniventi; ligule12 mm, azzurre o raramente rosee, con colore facilmente dilavabile dall'acqua. Il seme è un achenio di dimensioni pari a 2-3 mm, con pappo formante una breve coroncina apicale. Diploide (2n = 18).
In Puglia, tra le erbe selvatiche che noi mangiamo (eduli), la cicoria selvatica è la più conosciuta e la più consumata. La medicina popolare del Salento leccese sin dall’antichità attribuisce potere depurativo aell’acqua di cottura su intestino, fegato e rene. Ad uso esterno, si utilizzano le foglie in infuso dalle proprietà emollienti, capace di eliminare gli arrossamenti e di rinfrescare la pelle. Nell'Africa del sud e in diverse parti dell'Iran le parti aeree di Cichorium intybus (che in Iran viene chiamata Aragh-e-Kasni) sono usate per purificare il sangue e il fegato dalla malattia. I semi della pianta sono usati in patologie epato biliari dalla medicina Ayurveda (L'ayurveda in sanscrito: आयुर्वेद è la medicina tradizionale utilizzata in India fin dal IV millennio a.C., diffusa ancora oggi nel sub-continente più della medicina occidentale). In uno studio effettuato da un equipe Iraniana si è accertato che l'estratto di Cichorium intybus ha in effetti un azione di protezione del fegato. Nello stesso studio si è anche evidenziato che se le concentrazioni di estratto di Cichorium intybus sono molto elevate allora l'azione diviene tossica per il fegato. Nello studio effettuato da Stress Physiology and Medicinal Plant Biotechnology Unit, Department of Plant Science,
School of Life Sciences, Bharathidasan University, Tiruchirappalli-620 024, Tamil Nadu, India tutta la pianta di Cichorium intybus contiene una serie di sostanze medicinali e composti importanti come l'inulina, l'esculina, i composti organici volatili (monoterpeni e sesquiterpeni), le cumarine, i flavonoidi e le vitamine. In questo studio, si è efgfettuata l'analisi fitochimica per la presenza di vari metaboliti secondari e attività antibatterica estratti della radice di cicoria contro i batteri patogeni Gram positivi come (Bacillus subtilis, Staphylococcus aureus e Micrococcus luteus) e Gram negativi (Escherichia coli e Salmonella typhi) batteri in vitro e metodo di agar diffusione. L'esano e l'acetato di etile estratti dalla radice di cicoria hanno mostrato un'inibizione pronunciato di cloroformio, etere di petrolio ed estratti di acqua. Gli estratti hanno mostrato più azione inibitoria sulla Bacillus subtilis, Staphylococcus aureus e Salmonella typhi di Micrococcus luteus e di Escherichia coli.
In Nuova Zelanda (Cichorium intybus L.) è stata allevato a fornire materiale genetico con grandi quantità potenzialmente estraibile della antocianina anti-ossidanti, che è considerato il responsabile dell'azione medicinale per una vasta gamma di condizioni di salute. Ogni germoplasma è il prodotto di un programma di allevamento significativo. Il Germoplasma (sarebbero i semi) è disponibile GRATIS (ovvero non si paga) per gli agricoltori che lo volessero coltivare Germplasms sono disponibili gratuitamente come materiale di ricerca o per ulteriori progetti di allevamento localizzato magari qui da noi in salento leccese. Le richieste per le sementi dovrebbero essere inoltrate al collega Bill Rumball della Nuova Zelanda scrivendogli una e mail al seguente indirizzo [email protected]
*Dottore Agronomo
Bibliografia
Rita Accogli: Cichorium intybus L. "Sul Cammino di ENEA" http://eneaportal.unile.it/sul_cammino_di_enea_it/lecce/cultura/musei/musei-universita-del-salento-1/orto-botanico-1/Cichorium-intybus-L
Akram Jamshidzadeha, Mohammad Javad Khoshnooda, Zahra Dehghanib and Hossein Niknahada: Hepatoprotective Activity of Cichorium intybus L. Leaves Extract Against Carbon Tetrachloride Induced Toxicity
Maurice de Proft, Nico van Stallen and Noten Veerle: Breeding and cultivar identification of Cichorium intybus L. var.foliosum Hegi
Paola Profumoa; Rosa Maria Dameri: Proliferazione e Rizogenesi in Frammenti Fogliari di Cichorium Intybus L.: Osservazioni Istologiche
W. Rumball A. G. Foote: Germplasm release1 ‘GO192’ purple chicory (Cichorium intybus L.) New Zealand Journal of Agricultural http://www.royalsociety.org.nz/Site/publish/Journals/nzjar/2008/028.aspx
S. Nandagopal and B.D. Ranjitha Kumari: Phytochemical and Antibacterial Studies of Chicory (Cichorium intybus L.) - A Multipurpose Medicinal Plant
AA. VV., 1998 - Fiori d'inverno. Biblos ed., Cittadella (PD).
COLUMELLA, L. G. M., 1° sec. d. C. - De Re Rustica.
ERHARDT W., GÖTZ E., BÖDEKER N., SEYBOLD S., 2002 - Zander. Handwörterbuch der Pflanzennamen. 17° Ed. Eugen Ulmer Verlag, Stuttgart.
HEYWOOD V. H., ZOHARY D., 1995 - A catalogue of the wild relatives of cultivated plants native to Europe. Flora Mediterranea, 5: 375-415.
PIGNATTI S., 1982 - Flora d'Italia. Vol. 3: 222-224. Edagricole, Bologna.
PLINIO IL VECCHIO, 1° sec. d. C. - Naturalis Historia.
Duke, J.A. 1978. The quest for tolerant germplasm. p. 1-61. In: ASA Special Symposium 32, Crop tolerance to suboptimal land conditions. Am. Soc. Agron. Madison, WI.
Duke, J.A. 1979. Ecosystematic data on economic plants. Quart. J. Crude Drug Res. 17(3-4):91-110.
Hartwell, J.L. 1967-1971. Plants used against cancer. A survey. Lloydia 30-34.
Palz, W. and Chartier, P. (eds.). 1980. Energy from biomass in Europe. Applied Science Publishers Ltd., London.
Reed, C.F. 1976. Information summaries on 1000 economic plants. Typescripts submitted to the USDA.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Perchè [neanche] l’iPad non salverà l’ editoria

    Perchè [neanche] l’iPad salverà editoria

    TBI Research pubblica una simulazione che dimostra chiaramente come l’ennesima corsa all’oro scatenata dal lancio dell’ iPad non salverà neanche lontanamente i... Leggere il seguito

    Da  Pedroelrey
    GADGET, MEDIA E COMUNICAZIONE, TECNOLOGIA
  • 0 m. s. l. m.

    Cominciò tutto con una sottile pioggia che si trasformò in grandine che si trasformò in sassi di ghiaccio che si trasformò in nevee fu un trionfo di bianco,... Leggere il seguito

    Da  Ransie
    FOTOGRAFIA, TALENTI
  • L' amore a mano aperta

    amore mano aperta

    IO NON TI DO IL MIO AMOREIo non ti dò il mio amore come fannole altre ragazze, in uno scrigno freddod’argento e perle, né ricco di gemmerosse e turchesi, chiuso... Leggere il seguito

    Da  Teoderica
    TALENTI
  • L’ iPad e l’ iPerconsumatore

    iPad iPerconsumatore

    Nell’ultima decina di giorni articoli, recensioni ed approfondimenti relativi al lancio dell’ultimo ritrovato della Apple hanno tenuto banco sino alla... Leggere il seguito

    Da  Pedroelrey
    GADGET, MEDIA E COMUNICAZIONE, TECNOLOGIA
  • Anche noi per l' ora della terra.

    Anche della terra.

    Anche noi nel nostro piccolo stasera parteciperemo all'ora della terra organizzata dal Wwf, limitando le luci in farmacia al minimo indispensabile per poter... Leggere il seguito

    Da  Farmacia Serra Genova
    ECOLOGIA E AMBIENTE, SCIENZE
  • RECENSIONE L’AMANTE DELLE TENEBRE...

    RECENSIONE L’AMANTE DELLE TENEBRE...

    Prima edizione: 2004 by St. Martin’s Press Edito in Italia da: Mondadori, I Romanzi Dark Passion no.1, aprile 2010 Ambientazione: regency,  Egitto/Inghilterra... Leggere il seguito

    Da  Isn't It Romantic?
    CULTURA, LIBRI, ROMANZI
  • L’ altro lato della guerra

    altro lato della guerra

    - The Messenger – Oltre le Regole – 2010 – ♥♥♥♥♥ - di Oren Moverman Il dolore della guerra è ormai un argomento ampiamente sfruttato dal cinema che molto... Leggere il seguito

    Da  Dylandave
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO