Magazine Musica

DAMNED PILOTS, Spaced Out

Creato il 29 gennaio 2013 da The New Noise @TheNewNoiseIt

Damned Pilots

I triestini Damend Pilots richiamano nella cover il celebre artwork di Dynasty dei Kiss, tirano in ballo E.L.O. e W.A.S.P., non nascondono un debole per la teatralità (soprattutto nella scelta di nickname e costumi) e si definiscono doom-pop: insomma, ce n’è abbastanza per incuriosire e attirare l’attenzione su Spaced Out, un lavoro costruito sulla base di un energico rock con screziature southern e più di una strizzata d’occhio al rock’n’roll, qui riletto in versione rallentata e psichedelica. La definizione scelta dalla band appare ficcante per descrivere il mood dei brani e tracciare delle coordinate zigzaganti con le quali tirare in ballo tanto i Black Sabbath quanto gli L.A. Guns, i Clutch come i Black Label Society, ma anche la già citata psichedelia e persino certo rock sinfonico di marca A.O.R. (al netto degli aspetti più deleteri e biecamente commerciali), senza mai rinunciare alla ricerca di un suono personale in grado di metabolizzare i vari ingredienti per dar loro forma definita e coesa. I risultati si lasciano ascoltare con piacere e i Damned Pilots riescono a portare a casa un paio di colpi vincenti, nonostante si abbia l’impressione che il linguaggio della band debba ancora essere rifinito e raggiungere il giusto amalgama, soprattutto se si vuole evitare un salto troppo impegnativo per passare dai brani più energici e oscuri alle sfumature più sognanti di un brano come “Believin’ In”. Per il resto, ci si diverte e non ci si stanca, si passa per continui cambi d’abito (ovviamente, musicale) e trovate di scena in grado di tenere sempre ben sveglia l’attenzione, ma anche di confondere un po’ troppo le idee e lasciare aperti vari dubbi su come si evolverà una simile proposta. Il coraggio non manca, ora sta alla band trovare la quadratura perfetta del cerchio dopo aver solleticato la curiosità.

email print

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog