Magazine Attualità

Dario fo e franca rame -io c'ero !

Creato il 19 febbraio 2012 da Misterbago

Alla fine è di nuovo tornato in scena in città ed è stato, come prevedibile, un successo. Tributo da tutto esaurito per la rappresentazione di "Mistero buffo ".
DARIO FO : " SONO DI SINISTRA " -  DARIO FO : " MISTERO BUFFO CONTINUA A PIACERE DA 40 ANNI ,PERCHE' DA 40 ANNI IN POLITICA NON CAMBIA NULLA " DARIO FO :PREMIO NOBEL PER LA LETTERATURA  Alla fine è di nuovo tornato in scena a Varese ed è stato, come prevedibile, un successo. «Dopo migliaia di rappresentazioni questo spettacolo è ancora più vivo che mai». La “giullarata” di Dario Fo e Franca Fame ha preso corpo oltre 40 anni fa e da allora Mistero Buffo è andato in scena migliaia di volte in tanti teatri del mondo. Senza perdere i suoi sentimenti e la passione. E il tributo che gli ha dedicato la platea da tutto esaurito del Teatro di Varese è stata la conferma della vitalità dell’esperienza teatrale del premio Nobel e della sua inseparabile moglie. «Abbiamo centossessantanove anni in due - ha raccontato l’attore coprendola di carezze affettuose - ma l’altra mattina Franca, guardandomi, mi ha chiesto: e noi quando iniziamo a invecchiare?».
 Dario Fo ogni volta è capace di scompaginare la scena (fin dall’inizio dello spettacolo quando ha invitato il pubblico in sala a salire e sedersi sul palco per assistere),e col suo spettacolo  sbeffeggia il potere e i potenti ; ogni volta ridà voce e vita a chi la storia se l’è vista passare sopra la propria testa. E spesso ne è rimasto schiacciato.
Prova ne è la pedata nel fondoschiena che nel teatro di Fo papa Bonifacio VIII agghindato di anelli e mantello, si prende da Gesù. È una delle scene più celebri, con le quali in un sol colpo Fo dissacra e sbeffeggia le gerarchie ecclesistiche dando rivalsa alla fede sincera e alla dignità di un popolo: quello degli oppressi di ogni tempo.
Sul palco varesino la coppia di attori ha portato quattro monologhi, le più celebri giullarate che compongono l’opera. A partire dalla resurrezione di Lazzaro, raccontata attraverso gli occhi di un becchino e di un popolano impegnati a scommettere sulla riuscita o meno del miracolo.
Subito di seguito, affidata a Franca Rame, è andata in scena la storia della nascita del primo uomo, una donna, Eva, secondo la versione dei vangeli apocrifi. La storia di come Eva ha proceduto Adamo nel momento della creazione e di come insieme hanno scoperto l’amore.
La terza rappresentazione è stata quella di Bonifacio VII, dell’incontro di una Chiesa che vive nello sfarzo e Gesù che porta la croce. A chiudere la serata la rappresentazione di Franca Rame di Maria che piange suo figlio sotto la croce, mettendo in scena lo strazio e il dolore di una madre che soffre per la morte di un figlio, senza sacralità e liturgia ma carica solo di tanta umanità.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :