Magazine Viaggi

deliri d’agosto

Creato il 09 agosto 2011 da Luci

con le mie belle cuffie verde vomito d’alieno sono finalmente connessa con la mia adorata rassegna stampa di radio 3, solo quando prendo il bus delle 06.45, quello delle 06.25 è troppo presto, ma non si può avere tutto dalla vita.

stamani era per l’appunto uno di quei giorni baciati dal signore nei quali mi permetto il lusso delle 6.45, anche perchè ieri sera mi ero goduta una grandiosa serata a base di gelato e amici, grazie a Sarocchia e a FB, del cui blog sono stata definita “groopie” e in effetti mi va bene così. :)

la rassegna stampa inizia con radio3 mondo e continua con quella italiana.

e ai deliri che ho sentito stamani vorrei aggiungere i miei.

prima considerazione… la butto lì. all’inizio degli anni 2000 abbiamo avuto a che fare col problema “terrorismo”: due aerei dirottati distrussero le torri gemelle e uno cadde sul pentagono, gettando le prime nella disperazione e il secondo nel ridicolo. poi la strage dei treni alla stazione di madrid atocha, poi il metro di londra, poi i vari allarmi a berlino, le minacce a roma e al g8 della maddalena eccetera.

e il pensiero dominante di tutti era più o meno: “non possiamo permettere che un gruppo di esaltati decida della nostra morte e della nostra vita, abbiamo il diritto di vivere sereni, di prendere il treno, l’aereo, il metro, senza temere di saltare per aria.”

sacrosanto. immagino ve lo ricorderete tutti.

ora io mi chiedo…

i terroristi incarnano il male assoluto, nel nostro immaginario essi vivono nascosti da una lunga barba e da un kaftano fino ai piedi nelle grotte nascoste del medio oriente e in paesi di cui spesso ignoriamo i confini, ma almeno sappiamo che molti di loro finisco per -stan.

da qualche mese io apro i giornal o accendo la radio, e sento di “paesi presi di mira dagli speculatori”.

bene.

sì.

prima venne fuori che era stata presa di mira la grecia, poi spagna e italia, notizia di oggi la francia, eccetera.

Obama, quello che ha stanato e ucciso con un colpo di pistola Bin Laden, come in effetti dovrebbe fare qualsiasi premio nobel per la pace, parla alla nazione e crolla la borsa.

Obama parla di complotto ai danni dell’America e sostiene che “reggerà l’attacco degli speculatori”.

L’Europa parla di tagliare i servizi, aumentare le tasse, tagliare lo stato sociale, innalzare l’età pensionabile, per far fronte “alla speculazione”.

il mio primo delirio di stamattina è il seguente: “perchè se fai il terrorista, vivi col barbone e il kaftano nella grotta, e ammazzi la gente sei illegale e se invece fai lo speculatore, vivi a Miami, ti vesti in giacca e cravatta e porti gli stati alla rovina e con loro le fasce più deboli della popolazione, sei legale?”

altra considerazione: nasce dall’ascolto dei titoli de “il giornale” e di “libero”. il giornale scrive: “lunga telefonata fra berlusconi e obama, berlusconi dichiara “l’america mi preoccupa”. accidenti… Berlusconi si preoccupa dell’America… chissà che culo strinto che ha Obama ora che sa che Berlusconi si preoccupa per lui…

in compenso libero, stando a quanto sentito alla radio, titolava stamani: “l’europa boccia bersani”.

ah. pensa te. e la tesi era quella che può essere così riassunta: “l’europa ci chiede di fare quello che vogliamo fare da tempo E CHE L’OPPOSIZIONE CI IMPEDISCE DI FARE, preda dei suoi deliri ideologici sorpassati”.

eh beh.

sì. deve proprio essere così.

feltri, non domo, chiosa: “lo dico da pensionato, è assolutamente necessario alzare l’età pensionabile”. e il bello è che nessuno lo manda in miniera…

ed eccomi al secondo delirio di stamani: ma i lettori di libero, sono scemi?

infine ecco a voi la terza considerazione.

la CDU della Baviera, un simpatico partitello “fratello” della CDU della Angela Merkel, ha detto che è l’ora di finirla che i paesi del nord come la Germania, virtuosi economicamente, con cittadini laboriosi, che pagano le tasse, dall’economia solida, paghino i debiti di quei cialtroni del Sud come Berlusconi e il suo governo.

terzo e ultimo delirio: avrà visto in televisione l’incontro di ieri tra bossi, tremonti, il trota e calderoli?


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine