Magazine Diario personale

Di giri e di giostre

Da Pdc @pezzodicuore
Di giri e di giostre
Dieci anni fa stavo andando al lavoro alla mattina ed arrivò una di quelle telefonate che da quel momento c'è un prima ed un dopo.Avevo fatto il pap-test da pochi giorni, di solito l'esito ci metteva settimane ad esser pronto, invece la tizia al telefono spiegò che era già arrivato e "non si preoccupi, ma domattina è meglio che venga qui subito".Se hai un'intelligenza media sai che a) se ti chiamano, c'è da preoccuparsi; b) chiamare la gente per fissare questi appuntamenti dev'essere un lavoro di merda, ma qualcuno deve pur farlo.Perciò, pur sapendo tutto ciò, ho stolidamente chiesto "ma c'è qualcosa che non va? non mi può spiegare il perché di questa urgenza?".Senza tornare al punto b), qualcosa bisogna pur dire "ma no, stia tranquilla, a parte che non possiamo dare informazioni telefoniche, magari è solo un'infezioncina ed il medico le vuole dare una curetta". Ora noi sappiamo che la curetta semmai te la prescrive il tuo di medico, ma qualcosa bisogna pur raccontarsi per arrivare alla mattina dopo e presentarsi subito.Non c'era un'infezioncina ma una bella alterazione cellulare già di terzo grado, a cui è seguita la prima di tante biopsie. Quando è arrivato l'esito della prima, con quest'aria natalizia difficile da condividere, sono arrivata in ospedale ed appena mi sono seduta, il medico mi ha detto brusco "ma è venuta qui da sola?".Approccio poco sensibile, ma già lì ho capito che il mio regalo di natale non era quello che avevo chiesto.Poi si è ammorbidito e per l'ennesima volta ho sentito questa frase che mi irrita tuttora "stia tranquilla" (non c'è una sega da star tranquilli finora, o no?) "l'abbiamo preso subito, vedrà che andrà tutto bene".Parlava di un carcinoma o cancro, più comunemente.Poi l'intervento, controlli e biopsie ogni 3 mesi per due anni, poi ogni 6 mesi e via ad allungare. L'intervento è stato conservativo, non hanno tolto tutto l'utero, magari volevo riprodurmi ancora e devo ringraziare le suture da parto che non guarivano se l'hanno scoperto subito, visto che all'epoca (quasi due anni dopo la nascita di PdC) i controlli erano ancora ravvicinati.
Perché questo post (che chi mi conosce bene sa quanto mi è difficile scrivere) e perché oggi.Perché qualche tempo fa in un post di Susibita mi sono imbattuta in questa storia. Se ero un'altra, magari la maggior parte di voi, leggevo, dicevo poveretta e tornavo agli affari miei.Ma io ho letto tutta la storia in una sera, mi sembrava di essere seduta lì con lei, con le illusioni e le delusioni, la paura di non vedere crescere le sue bambine, come purtroppo è avvenuto, le risposte che a volte non hai nemmeno più voglia di sentire, il corpo che non è più tuo. Non l'ho mai conosciuta, ma ho letto tutto ed ho pianto.Questa è la risposta alla prima domanda.La seconda risposta è che oggi ho ritirato l'esito dell'esame istologico del controllo dei dieci anni ed è negativo.L'esito dei dieci anni è simbolico perché ti riporta tra i normali, lo stesso rischio di ammalarsi ancora che hanno gli altri, la fine di un tunnel da cui non si esce mai.
Poi c'è la terza risposta che le racchiude tutte e due e non vado in ordine di importanza, oppure sì, decrescente, che la cosa più importante la mettiamo alla fine.
Mi sono rotta di quelli che dicono che ci vuole forza di volontà. La quasi totalità delle persone, giovani, che conosco e che non ce l'hanno fatta avevano una voglia di vivere travolgente. Perciò non siate mai irrispettosi e non dite mai una cazzata simile. Per iniziare una dieta ci vuole forza di volontà. Per andare in palestra ci vuole forza di volontà. Per smettere di fumare ci vuole forza di volontà.Per guarire dal cancro ci vogliono tante altre cose, ad esempio un bravo medico, tempestività ed a volte anche una buona dose di culo. Poi la forza di volontà aiuta, ma non offendiamo chi non ha speranza, dandogli anche la colpa di lasciarsi andare, vorrei vedere voi.
Poi che è di più una tragedia se sei madre. E' vero, se sei madre oltre al tuo dolore c'è quello dei figli.Ma c'è prima di tutto la persona.La prima persona per cui ho avuto paura sono stata io. Il mio futuro, i miei sogni, le mie speranze, tutto poteva essere spazzato via da un momento all'altro.Poi sì, certo, con la medesima intensità, c'era anche il dolore per Ciccio. Sedersi sul suo lettino a guardarlo dormire e stava per compiere due anni e non sapere quanti ce ne sarebbero stati. Sapere che tra l'altro non è che attorno ci fosse tutta sta task force pronta ad aiutarti. Tanti pensieri, ammetto. Ma non c'è niente di male ad avere paura per sé, tanto non ci danno una medaglia, non è il momento di essere superiori.
Poi che chi sa cos'hai, ti (si) ripete che andrà tutto bene. Tu non lo sai che andrà tutto bene. Lo speri, ed anch'io. Ma lasciate ogni tanto che chi sta male abbia paura, lasciate che pensi che potrà morire (tutte queste parole che nessuno vuol più sentire) lasciate che vi dica che soffre, che ogni tanto è tutto nero. Pochi problemi si risolvono negandoli ed aver paura è legittimo in un momento del genere. Se poi non da soli è molto meglio.
Infine, vorrei dire a quelle che si fanno il pap-test ogni 5 anni, tanto non mi trovano niente, che io lo faccio da quasi trent'anni ed a parte il cancro non mi hanno mai trovato nemmeno un batterio.A quelle che si dimenticano della mammografia o che non si fanno mai un esame del sangue, perché tanto.Vorrei dirvi che invece di pubblicare i giochini su facebook per sensibilizzare, che va bene anche quello, mica ammazzate nessuno, tra un link e l'altro andate al consultorio, fate la prevenzione minima, perché la prevenzione vi può salvare la vita. 

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il venditore di capitoni

    Vendere pesci per le strade è sempre stata un’attività molto frequente sia nelle città e nei paesi di mare, dove non tutti necessariamente si dedicavano alla... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • L’onco-smorzatore di entusiasmo

    L’onco-smorzatore entusiasmo

    Avete presente gli smorzatori di entusiasmi? Quelli che quando dici “domenica andiamo in gita al lago” rispondono “secondo me pioverà, trovati un piano B”? Leggere il seguito

    Da  Romina
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, TALENTI
  • L’ultimo trillo di KoLibri

    L’ultimo trillo KoLibri

    È un bel lavoro, sapete. Il lunedì bruciare i luminari della poesia, il mercoledì Melville, il venerdì Whitman, ridurli in cenere e poi bruciare... Leggere il seguito

    Da  Diletti Riletti
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Di progetti, di gomitoli e di un gatto possessivo

    progetti, gomitoli gatto possessivo

    Ultimamente le mie giornate cominciano tutte allo stesso modo. Mi alzo sbrigo il necessario, vado al computer, inizio a ragionare sul da farsi e vengo... Leggere il seguito

    Da  Aknittingbear
    CREAZIONI, DIARIO PERSONALE, HOBBY, TALENTI
  • Di amarezza, atomi energia

    amarezza, atomi energia

    C’è amarezza in ogni sguardo, se lo sai scrutare a fondo; c’è qualcosa che sfugge sempre, anche dentro all’iride più pura; c’è qualcosa che non sai nemmeno di... Leggere il seguito

    Da  Lupussinefabula
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Non dimentichiamoci di loro:mai!

    Il computer stamane ha fatto qualche bizza puramente tecnica. Ringrazio i miei attenti follwers, solo quelli che mi amano di più, particolarmente attenti ed... Leggere il seguito

    Da  Gattolona1964
    DIARIO PERSONALE, PER LEI, RACCONTI, TALENTI
  • 1.Diario di viaggio

    1.Diario viaggio

    27 settembre. Mondo Solart. una bella giornata di sole ci fa da sveglia in questa nuova avventura, prendiamo la macchina e ci dirigiamo verso il centro di... Leggere il seguito

    Da  Futura
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI