Magazine Attualità

Discorso di Letta ai sottosegretari

Creato il 04 maggio 2013 da Retrò Online Magazine @retr_online

Nel discorso pronunciato ieri sera da Enrico Letta, nuovo premier dopo le consultazioni di Giorgio Napolitano, si respira chiaramente il bisogno di un diverso approccio: non più la lotta fra partiti e fazioni politiche, e un pensiero che va ben oltre l’ormai sorpassato bipolarismo di sistema. Per il Presidente del Consiglio è dunque arrivato il momento del lavoro di squadra. “Da oggi”, ha così annunciato, “tutti facciamo parte di una squadra. Da oggi siamo tutti al servizio dell’interesse del Paese, senza spirito di parte”. Queste almeno le parole di Letta di fronte ai 40 sottosegretari che nella giornata di ieri hanno prestato giuramento presso Palazzo Chigi. E così ha in seguito aggiunto: “Il successo di tutti sarà il successo del Paese”.

Il premier ha dunque desiderato ringraziare tutti per aver raggiunto il palazzo con determinazione e convinzione, due caratteristiche necessarie e al contempo significative per rispondere positivamente agli impegni presi con gli Italiani. E pertanto si è nuovamente rivolto ai sottosegretari, rivolgendo loro una parola di incoraggiamento “che dia il senso che siamo dentro una missione particolarmente difficile, in un momento particolarmente difficile, rispetto al quale – in riferimento ai Parlamentari – [una parte di voi ndr.] vivrà la stessa decurtazione dello stipendio che hanno subito i ministri”.

Dopodiché, consapevole che il fulcro del discorso dovesse essere rappresentato dall’idea di coesione, è tornato nuovamente a rimarcare l’urgenza di unità negli intenti e nelle singole operazioni: “Da oggi tutti facciamo parte di una squadra. Ognuno di noi è cambiato dentro e fuori: fino a pochi minuti fa rappresentava o viveva un’esperienza politica di parte o era impegnato professionalmente in un campo settoriale. Da oggi siamo tutti al servizio dell’interesse del Paese, senza spirito di parte, perché facciamo parte di un governo con una larga maggioranza parlamentare che deve realizzare gli obiettivi per i quali il Parlamento ci ha dato la fiducia”.
In questo senso, e in conclusione del discorso, Enrico Letta ha così aggiunto il bisogno di rispettare il più possibile il programma che era stato stilato in precedenza. “Abbiamo storie spesso non combacianti. Vi chiedo attenzione, delicatezza e la consapevolezza della causa comune. Il successo di tutti sarà il successo del Paese”.

articolo di Stefano Boscolo.

thanks to Enrico Letta

thanks to Enrico Letta


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Governo Letta: un primo bilancio

    Governo Letta: primo bilancio

    Copyright: Presidenza della Repubblica. Il 28 aprile scorso si insediava a Palazzo Chigi il governo Letta, il sessantaduesimo della Repubblica italiana. Dopo... Leggere il seguito

    Da  Retrò Online Magazine
    ATTUALITÀ, POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Governo Letta?… Come volevasi dimostrare

    Governo Letta?… Come volevasi dimostrare

    Alcuni, pochi in verità, l’avevano previsto… e in tempi non sospetti. Tra questi anch’io, e non saprei se rallegrarmene o dolermene, visto che il passaggio del... Leggere il seguito

    Da  Federbernardini53
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Riprendiamo il discorso

    Riprendiamo discorso

    di Giandiego Marigo Per AreA Cosa porto fuori da M5S, dopo questa ulteriore esperienza, per alcuni aspetti dolorosa? Cosa riporto sulla tavola della... Leggere il seguito

    Da  Veritaedemocrazia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La Spending di Letta

    Spending Letta

    Spending o non Spending, questo è il problema! Finalmente è arrivata, finalmente sono stati rispettati gli impegni elettorali. Leggere il seguito

    Da  Rodolfo Monacelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il discorso di Morsi

    discorso Morsi

    E' finito poco fa l'atteso discorso di Morsi all'Egitto. Il bilancio degli scontri di ieri e' di 07 morti e 700 feriti. Uno dei ragazzi rimasti uccisi era... Leggere il seguito

    Da  Baraem
    POLITICA, POLITICA INTERNAZIONALE, SOCIETÀ
  • Il discorso di napolitano: un’analisi

    di Simone Provenzano Sapevo del discorso di Napolitano. Sapevo che sarebbe stato epocale. Avevo questa consapevolezza per le modalità con cui siamo arrivati all... Leggere il seguito

    Da  Postpopuli
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Enrico Letta in breve

    Enrico Letta breve

    Giovanissimo all'anagrafe (1966), vetusto nei fatti: un autentico esponente di scuola democristiana, che a differenza di Matteo Renzi non ha però sentito il... Leggere il seguito

    Da  Xab
    POLITICA, SOCIETÀ