Magazine Cinema

Don Jon [Recensione]

Creato il 04 dicembre 2013 da Paopru

Don Jon [Recensione]

 

Mi piace godermela un po, con calma. Così per cominciare guardo qualche foto, poi quando la cosa inizia a piacermi mi metto alla ricerca di un video e non mi viene mai voglia di toccarmi il cazzo se prima non trovo il filmato giusto. Poi quando l’ho trovato: Addio. Per i pochi minuti che seguono mi dimentico di tutte le stronzate e le uniche cose che esistono al mondo per me sono quelle tette, quel culo, quel pompino, quello smorzacandela, quella pecorina, quella sborrata e nient’altro. Non c’è niente che devo dire e non c’è niente che devo fare, mi perdo. Tutto il resto può andare a farsi fottere.

 

Non non sono parole mie ma di Joseph Gordon-Levitt nei minuti iniziali del suo film d’esordio alla regia. Incisivo, tagliente, senza fronzoli. In poche battute il concetto è piuttosto chiaro: a Jon piace il porno. E pure tanto! Una vera dipendenza compulsiva che lo porta a preferire quei cinque minuti da solo, che quella scopata insoddisfacente con la figa rimorchiata in discoteca. Anche subito dopo averci fatto sesso approfitta della notte per sgattaiolare fuori dal letto e collegarsi su pornhub.

 

Onestamente non c’è niente di meglio del porno per me. Neanche una fica vera.

 

Un film onesto, che analizza l’esistenza di un uomo con una dipendenza patologica da cui non riesce a fuggire. Si fa i muscoli in palestra, lucida i pavimenti della sua casa, pranza regolarmente in famiglia, si confessa regolarmente in chiesa. Poi arriva Scarlett Johanson e tutto cambia. Si accasa, si innamora e tutto sembra vada liscio. Ma i porno sono sempre li. E quando viene beccato a trastullarsi dalla fidanzata, rimedia guardandoseli sull’ iphone. Un tentativo di trasformazione che fallirà finchè non incontrerà la persona giusta al momento giusto (Julien Moore), fuori dai suoi standard e totalmente anticonvenzionale, nonchè una milfona da record.

 

Don Jon [Recensione]

 

Il film è una lunga seduta di psicoanalisi, un processo di guarigione da una condizione scomoda in cui Jon si trova e da cui non intende guarire, consapevole del fatto che non nuoce a nessuno farsi una sega in solitaria. Quello che stupisce è l’analisi convincente di cosa c’è nella mente un porn addicted, un approfondimento che ha diverse sfumature da altri film che trattano lo stesso argomento come Shame con Michael Fassbender. In Shame la dipendenza era così patologica da creare malessere al protagonista, anestetizzato da qualsiasi emozione e spinto compulsivamente a un sesso disturbato che nega ogni possibilità di redenzione attraverso l’amore. Un costante grido d’aiuto che faceva del film una lunga sequela di situazioni drammatiche senza risvolti positivi. Don Jon è una comedy-drama in cui il protagonista non rinnega la possibilità di trovare l’amore ma pone sulle stesso piano le due cose per lui più importanti: porno e fica, dove una non esclude l’altra.

 

Da un punto di vista tecnico il film si regge solo sulla sceneggiatura e sulla personalità del protagonista, trasformando la Johanson in una comprimaria presente solo per metà film. Insolito per una diva delle sue proporzioni. Gordon-Levitt è semplicemente fantastico nella recitazione, confermandosi una star in ascesa dopo i recenti successi di Looper e del Cavaliere Oscuro. Il film ha un retrogusto autobiografico, ma non circolano informazioni che possano confermarlo. Decisamente una prima prova registica da manuale per un attore che piace sempre di più al grande pubblico. Bravo Joseph!

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Mastro Don Gesualdo – Giovanni Verga (estratto)

    1 dicembre 2013 Lascia un commento PARTE PRIMA, PRIMO CAPITOLOSuonava la messa dell’alba a San Giovanni; ma il paesetto dormiva ancora della grossa, perché era... Leggere il seguito

    Da  Maxscorda
    CINEMA, CULTURA, LIBRI
  • Don Jon

    di Joseph Gordon-Levitt con Joseph Gordon-Levitt, Scarlett Johansson genere, commedia Usa, 2013 durata, 90' Per nulla reticente Don Jon fa sfoggio di se al prim... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA
  • Don Jon

    Ed eccone che un altro ci riprova. Un altro chi? Ma un attore che decide di non fare solo l'attore, ma si improvvisa addirittura regista. Leggere il seguito

    Da  Jeanjacques
    CINEMA, CULTURA
  • Don Jon

    Regia: Joseph Gordon LevittOrigine: USAAnno: 2013Durata: 90'La trama (con parole mie): Jon è un giovane italo americano del Jersey tutto palestra, amici,... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Mr Ciak: Prisoners, Don Jon, Una piccola impresa meridionale, The Canyons

    Ciak: Prisoners, Jon, piccola impresa meridionale, Canyons

    Buongiorno, amici! Come state? Qui tutto bene, o quasi. Finalmente, dopo giorni di pioggia e nuvole, è spuntato il sole: miracolo. Leggere il seguito

    Da  Mik_94
    CINEMA, CULTURA
  • Don Jon – La recensione

    recensione

    Come si affronta una relazione sentimentale nell'era delle tentazioni tecnologiche moderne: Joseph Gordon Levitt ci racconta il suo punto di vista.. Leggere il seguito

    Da  Drkino
    CINEMA, CULTURA
  • don jon

    (Usa 2013) Joseph Gordon-Levitt: che adorabile faccia da schiaffi. Con quelle orecchie a sventola e quell’aria sorniona mi è sempre stato simpatico. Leggere il seguito

    Da  Albertogallo
    CINEMA, CULTURA

Magazines