Magazine Società

E’ di origini castellammaresi Andrés Gil idolo internazionale delle teen-ager

Creato il 28 luglio 2011 da Diarioelettorale

Si chiama Andrés Gil ed è il protagonista con Natalie Perez della serie TV “Incorreggibili” (Consentidos, in originale), in onda in Italia su Boing TV.
E’ arrivato con la coprotagonista al Telefilm Festival 2011 di Milano ed il suo incontro con pubblico e addetti ai lavori è stato uno degli eventi clou della rassegna.
I due giovani attori hanno piacevolmente animato la penultima giornata del Festival, partecipando ad una vivace e frizzante conferenza stampa tenutasi durante la mattinata e ad un incontro pomeridiano aperto al pubblico.

Sia Gil che la Perez hanno sottolineato il grande calore con cui sono stati accolti qui in Italia, un paese che non amano soltanto per le ovvie questioni legate ai fan, ma anche per molti altri aspetti come la cultura, il cibo e lo shopping.
Se Natalie si è dichiarata ammaliata da ciò che Milano è in grado di offrire in fatto di moda.
Ben più profonde sono state le parole di Andrés riguardo l’Italia, con la quale ha un vero e proprio legame di sangue, avendo dichiarato essere i suoi parenti originari della Sicilia e più precisamente di Castellammare del Golfo.
Possiedo la cittadinanza italiana e vado molto fiero delle mie origini” ha dichiarato Andrès.

Secondo quanto dichiarato dal direttore di Boing Tv Silvio Carini nell’ambito della conferenza stampa, “Incorreggibili” è risultato essere il prodotto con il maggior seguito di pubblico dell’intero palinsesto della rete nell’arco dell’ultimo anno, superando addirittura i 500.000 spettatori.
Un risultato, quello ottenuto da “Incorreggibili”, che potrebbe addirittura incalzare e fare concorrenza a un fenomeno ormai epocale come “Il mondo di Patty“, la serie probabilmente più rappresentativa per il pubblico preadolescenziale di questo scorcio di secolo e alla quale ha partecipato lo stesso Andrés Gil, lanciandosi da lì come nuovo idolo delle teen-ager.
Incorreggibili” rappresenta quindi per Andrés Gil una vera e propria consacrazione del successo su scala internazionale.

questa la sua pagina facebook

e questa la fonte della notizia


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • e uno

    Così, giusto per festeggiare il primo anno di vita di “alcuni aneddoti dal mio futuro”, mi dedico un pezzo (che è del 90, mannaggia, non rientra nelle... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • e-profundis

    La massa di persone che riemerge dal passato, parenti e amici e ex e compagni di classe ciascuno sul proprio scranno a formare un parlamento, si può pensare a... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ
  • E niente!

    E niente, mi sveglio la mattina presto, faccio colazione guardo l’orologio, una doccia veloce, guardo l’orologio, mi vesto e, penso: io non lavoro! Leggere il seguito

    Da  Kaosblu
    SOCIETÀ
  • E’ ora

    Blogger, preparati. La blogosfera come la conosci e l’hai vissuta negli ultimi anni sta per scomparire.Anni memorabili, trascorsi quasi in solitudine a parlare... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    SOCIETÀ
  • E’ finita!

    finita!

    A partire dal 2008, non possiamo più ignorare che il sistema finanziario internazionale (o mondiale) è in crisi, che questa crisi dura al di là delle promesse d... Leggere il seguito

    Da  Francosenia
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • el que no afana es un gil Il tango «Cambalache», di Enrique Santos Discépolo

    afana tango «Cambalache», Enrique Santos Discépolo

    Que el mundo fue y sera una porqueria, ya lo se… En el quinientos seis y en el dos mil también! Que siempre ha habido chorros, maquiavelos y estafaos,... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA, MUSICA, MUSICA DAL MONDO
  • E´ arrivata

    Questo non vuole essere un posto di lamentele,neanche inizio il lavoro che gia´ giu´ con le critiche,ma e´ una continuazione di due anni di lavoro.In questi... Leggere il seguito

    Da  Wanesia
    ITALIANI NEL MONDO, PER LEI, VIAGGI

Dossier Paperblog

Magazine