Magazine Salute e Benessere

elucubrazione

Creato il 31 gennaio 2011 da Marjuve

Ho avuto una consapevolezza.
Eh caspita, ogni tanto capita anche a me!
E' stata una folgorazione.  Non so cosa stessi pensando esattamente.
All'improvviso sono stata folgorata da questo pensiero:
se le cose chi mi stanno intorno sono per me fonte di condizionamento...
se le persone che mi circondano mi condizionano con i loro atteggiamenti, le loro critiche e con i loro giudizi e pregiudizi...
se mi lascio condizionare dalle parole che sento, anche se non sono rivolte direttamente a me...
Credo che tutti, o comunque in molti, siamo più o meno soggetti a questo meccanismo.
E molto spesso ciò che assorbiamo sono le sensazioni negative.
Può essere che, anch'io a mia volta, condizioni le persone che sono a stretto raggio di azione della mia influenza.
Sicuramente anch'io in qualche modo condiziono gli altri, con le mie azioni ed il mio modo di pormi, senza volerlo e senza saperlo.
Pensa come sarebbe bello se riuscissi a tasmettere sensazioni piacevoli e positive che riescono a far star bene me stessa e anche chi mi sta intorno.
Sarebbe magnifico!
E così mi sono accorta che mi stavo lamentando... solo perchè qualcuno ha dichiarato che non sopportava più questo lungo inverno.
E a seguire tutta una catena di discorsi contro questo "povero inverno" che non fa altro che eseguire il suo compito!
Perchè allora non invertire il processo? Mi sono chiesta: Come posso fare per trasformare questa modalità?
La risposta è piuttosto ovvia, sostituendo la lamentela con la gratitudine.
L'abitudine di lamentarci è talmente forte che quasi non ce ne rendiamo nemmeno conto.
Quante volte ci conformiamo ai pensieri degli altri, lamentandoci magari di cose che in realtà non ci importano nemmeno?
La lamentazione è l'esatto contrario della benedizione.
Mentre ci lamentiamo, stiamo maledicendo, cioè dicendo male. Maledire in effetti significa: dire male; benedire: dire bene.
Consdiretato che siamo sempre gli artefici del nostro malessere e di conseguenza della realtà che percepiamo, quando sono infelice, io sono l’artefice della mia infelicità e di quella di chi mi sta accanto.
metanoia.jpgVoglio e posso invertirne il percorso: scelgo e decido di essere respondabile del mio ben-essere.
Se sono felice, sono io l'artefice della mia felicità e semplicemente con un sorriso e una piccola benedizione, esprimendo gratitudine, posso fare e attrarre cose grandiose.
Si chiama Metanoia (con l'accento sulla prima a) e cioè cambiare volontariamente la direzione dei nostri pensieri, trasformando.
Non mi resta che... mettere in pratica!

Ho avuto una consapevolezza.
Eh caspita, ogni tanto capita anche a me!
E' stata una folgorazione.  Non so cosa stessi pensando esattamente.
All'improvviso sono stata folgorata da questo pensiero:
se le cose chi mi stanno intorno sono per me fonte di condizionamento...
se le persone che mi circondano mi condizionano con i loro atteggiamenti, le loro critiche e con i loro giudizi e pregiudizi...
se mi lascio condizionare dalle parole che sento, anche se non sono rivolte direttamente a me...
Credo che tutti, o comunque in molti, siamo più o meno soggetti a questo meccanismo.
E molto spesso ciò che assorbiamo sono le sensazioni negative.
Può essere che, anch'io a mia volta, condizioni le persone che sono a stretto raggio di azione della mia influenza.
Sicuramente anch'io in qualche modo condiziono gli altri, con le mie azioni ed il mio modo di pormi, senza volerlo e senza saperlo.
Pensa come sarebbe bello se riuscissi a tasmettere sensazioni piacevoli e positive che riescono a far star bene me stessa e anche chi mi sta intorno.
Sarebbe magnifico!
E così mi sono accorta che mi stavo lamentando... solo perchè qualcuno ha dichiarato che non sopportava più questo lungo inverno.
E a seguire tutta una catena di discorsi contro questo "povero inverno" che non fa altro che eseguire il suo compito!
Perchè allora non invertire il processo? Mi sono chiesta: Come posso fare per trasformare questa modalità?
La risposta è piuttosto ovvia, sostituendo la lamentela con la gratitudine.
L'abitudine di lamentarci è talmente forte che quasi non ce ne rendiamo nemmeno conto.
Quante volte ci conformiamo ai pensieri degli altri, lamentandoci magari di cose che in realtà non ci importano nemmeno?
La lamentazione è l'esatto contrario della benedizione.
Mentre ci lamentiamo, stiamo maledicendo, cioè dicendo male. Maledire in effetti significa: dire male; benedire: dire bene.
Consdiretato che siamo sempre gli artefici del nostro malessere e di conseguenza della realtà che percepiamo, quando sono infelice, io sono l’artefice della mia infelicità e di quella di chi mi sta accanto.

metanoia.jpg
Voglio e posso invertirne il percorso: scelgo e decido di essere respondabile del mio ben-essere.
Se sono felice, sono io l'artefice della mia felicità e semplicemente con un sorriso e una piccola benedizione, esprimendo gratitudine, posso fare e attrarre cose grandiose.
Si chiama Metanoia (con l'accento sulla prima a) e cioè cambiare volontariamente la direzione dei nostri pensieri, trasformando.
Non mi resta che... mettere in pratica!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Ho visto: Shrek 4 – E vissero felici e contenti

    visto: Shrek vissero felici contenti

    Shrek 4 - E vissero felici e contenti Sto davvero diventando brava e ubbidiente, tantochè i miei bambini ieri sera mi han di nuovo portato al cinema a vedere... Leggere il seguito

    Da  Jolanda
    ANIMAZIONE, CINEMA, CULTURA
  • Non ci credo!

    credo!

    e invece è verissimo. Voi riuscite a credere che questi fantastici coloratissimi bouquet sono fatti con la tecnica di origami?nooo dai..il talento non ha mai... Leggere il seguito

    Da  Magnoliawp
    LIFESTYLE, PER LEI
  • Grazie eh?

    I miei vicini di casa litigano spesso. Sono molto giovani. Non arrivano ai 40 anni in due. Lei andava a scuola, prima. Lui lavorava già, muratore. Non so molto... Leggere il seguito

    Da  Ibridodirisonanza
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Quasi non ci credo

    Qui in Andalucia é diverso, non c'è che dire. Giá l'avevo notato quando ci abbiamo vissuto nel 2008, ma quest'anno, dopo l'anno "sabbatico" di nuovo a... Leggere il seguito

    Da  Selena
    ITALIANI NEL MONDO, PER LEI
  • E io non ho paura, la fiaccolata

    paura, fiaccolata

    Il 21 settembre alle ore 20.30, a Milano, da Porta Venezia a piazza San Babila, si terrà una fiaccolata spontanea per ribadire che il rispetto e la difesa... Leggere il seguito

    Da  Varesequeer
    MONDO LGBTQ, SOCIETÀ
  • Ti ho amata, e questo è l'importante

    Qui ho usato un passato prossimo... ma forse il tempo verbale più adatto sarebbe stato il passato remoto... vabbè... buona lettura!That's all FOLKS!!!Ti ho... Leggere il seguito

    Da  Kaosintesta
    TALENTI
  • Paura eh?

    Paura

    Paura, terrore. Sarà tutto vero "terrorismo" o sarà solo una maniera per diffondere paure e terrore preventivamente? Facciamo un breve riassunto, mettendo... Leggere il seguito

    Da  Giba1985
    SOCIETÀ

Dossier Paperblog