Magazine Gossip

Fiorella Mannoia: un'antologia di duetti per celebrare i suoi sessant'anni

Creato il 04 novembre 2014 da Marianocervone @marianocervone

Fiorella Mannoia: un'antologia di duetti per celebrare i suoi sessant'anni

Fiorella Mannoia: un'antologia di duetti per celebrare i suoi sessant'anni La nuova tendenza musicale del momento è la raccolta antologica con una reinterpretazione dei propri brani. Se fino ad un decennio fa gli artisti italiani erano poco inclini alle collaborazioni, tranne sporadici duetti, adesso anche i cantanti del nostro paese sono entrati nel mood del “featuring”, termine inglese con cui si indica quell’“insieme” artistico, e così ecco che fioccano i best of ricchi di inedite collaborazioni. L’ultima a seguire la moda, per celebrare i suoi sessant’anni è Fiorella Mannoia, ritornata sullo scaffale con la raccolta omonima Fiorella. Un doppio album in cui la cantante romana ripercorre tutta la sua carriera, accompagnata da illustri amici che hanno voluto renderle omaggio, interpretando con lei alcuni dei suoi più grandi e intensi successi. A cominciare dall’amica-collega Laura Pausini che insieme alla rossa della musica italiana canta una delle sue canzoni più famose, Quello che le donne non dicono, in un arrangiamento melodico (e forse un po’ scontato), scritto per l’artista per il Sanremo del 1987 da Enrico Ruggieri, che ritroviamo invece poco dopo lungo la tracklist in La giostra della memoria, pezzo dello stesso cantautore milanese, che la Mannoia incise nel 1990. Non manca Sally (in cui sarebbe stato interessante un duetto con Vasco Rossi, autore del brano) e Come si cambia. Accompagnati dall’inedito Le parole perdute. Il secondo disco invece è un omaggio agli stessi cantautori con cui la Mannoia duetta. Tanti i pezzi da novanta, a cominciare da Adriano Celentano, che troviamo in Un bimbo sul leone del 1968, che ritrova nuova linfa vitale in questo sorprendente duetto, Claudio Baglioni e la sua Amore bello, ma anche Pino Daniele e Ivano Fossati, rispettivamente in Senza ‘e te e C’è tempo, o le nuove leve della musica, impostesi sulla scena nazionale e non solo, come Tiziano Ferro e Giuliano Sangiorgi, in La paura non esiste e Estate. Un’antologia per scoprire i successi della cantautrice romana, ma anche per riascoltare un florilegio rielaborato di alcuni dei brani che hanno fatto la storia della canzone italiana.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog